Ho incardinato davanti al tribunale di Napoli una causa la fine di ottenere attraverso usucapione

Grazie per i vs utili consigli,e per la rapidita nelle risposte. Avrei un quesito da sottoporvi.
Ho incardinato davanti al tribunale di Napoli una causa la fine di ottenere attraverso usucapione – ex articolo1158–un terrazzo a livello che e stato posseduto da piu di cinquanta
anni senza che mai nessuno avesse chiesto la signoria su di esso. La mia famiglia era proprietaria dei due appartamenti all’ultimo piano con i relativi sottotetti. Purtroppo vendendo uno degli appartamenti ci si e accorti che nel rogito-sottoscritto da mio padre defunto-non era inserito la proprietà del terrazzo. Il possesso si e svoltos empre in modo pacifico e ininterrotto,abbimao portato le ns utenze e abbiamo da sempre provveduto alla manutenzione del terrazzo.Non e mai esistito n condominio,e ne un regolamento di condominio.La mia domanda e questa.
Il mio legale dice che sono proprietario del terrazzo sin dal momento della maturazione dell’art 1158, efffetto verificatosi ex lege, e che la sentenza servira solo ha trascrivere il bene nei registri immobiliari.Altri avvocati amici interpellati mi dicono che sarò proprietario solo a sentenza definitiva.Ribadisco che a tutt’oggi io l’amministratore ed il portiere siamo in possesso della chiave di accesso al terrazzo Spero di essere stato chiaro, e vi chiedo, quali delle due versione devo credere? grazie e buon lavoro.

Commento di emilio | Venerdì, 26 Settembre 2008

Si diventa proprietari al momento del compimento dei 20 anni richiesti dalla legge, senza necessità, almeno formalmente, di alcun provvedimento del giudice. E’ evidente che però dotarsi di una sentenza favorevole e ricognitiva dell’acquisito diritto di proprietà è cosa buona e giusta; anche perchè la sentenza, passata in giudicato, potrà costituire valido titolo per l’aggiornamento dei registri immobiliari, facendo constare al pubblico che il bene usucapito effettivamente è di proprietà di quella/e persona/e.

Commento di consulente legale | Sabato, 27 Settembre 2008

26 Settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

L'usucapione in un condominio
(Articoli 1102, 1158, 1159, 1163, 1164, 1165, 1166, 1167, del codice civile) - La proprietà dei beni mobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni (articolo 1158 del codice civile). L'usucapione decennale non trova applicazione in un condominio, se non in casi sporadici. Questo articolo può trovare la sua applicazione anche in un condominio. Si pensi solo ad una occupazione continuative di un sottotetto o alla appropriazione di una parte di un giardino comune. Le premesse per una usucapione sono sempre il possesso effettivo della cosa e ...

Usucapione – i requisiti del possesso e dell'animus possidendi
In materia di usucapione, è necessario dimostrare in giudizio sia il possesso continuato ed ininterrotto per il termine di legge, sia l'animus possidendi. Chi agisce in giudizio per essere dichiarato proprietario di un bene a seguito di usucapione, deve dimostrare tutti gli elementi costitutivi della fattispecie, ossia: il possesso continuato ed ininterrotto del bene per almeno venti anni. Il titolare del bene, convenuto in giudizio, potrà a sua volta dimostrare l'interruzione del termine ventennale attraverso il compimento di atti che comportino la perdita materiale del bene per il possessore. Tali sono ad esempio gli atti giudiziali a ciò finalizzati. Non ...

Usucapione del bene in comunione ereditaria
Per quanto attiene il possesso di un bene insieme ad altri soggetti, il godimento esclusivo della cosa comune da parte di uno dei possessori non è, di per sé, idoneo a far ritenere lo stato di fatto cosi determinatosi funzionale all'esercizio del diritto di usucapione. La circostanza venutasi a creare, infatti, può essere conseguenza di un atteggiamento di mera tolleranza da parte degli altri soggetti, risultando necessario, a fini della usucapione, la manifestazione del dominio esclusivo sulla cosa comune da parte dell'interessato attraverso un'attività durevole, apertamente contrastante ed inoppugnabilmente incompatibile con il possesso altrui, gravando l'onere della relativa prova su ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ho incardinato davanti al tribunale di napoli una causa la fine di ottenere attraverso usucapione. Clicca qui.

Stai leggendo Ho incardinato davanti al tribunale di Napoli una causa la fine di ottenere attraverso usucapione Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 26 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria condominio - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • emilio 13 Novembre 2008 at 16:21

    caro paolo
    ho letto il tuo commento,pero sappi che se anche fossi
    ufficialmente il proprietario del terrazzo in oggetto,io sono tenuto a lasciare una chiave di accessoall’amministratore per le servitu su di esso estenti.
    e chiaro che la sentenza mi dara l’opportunita di iscrivere la proprieta ne registri immobiliari-ma io credo che al momento sono il legittimo possessore”proprietario del bene”
    in atesa della sentenza.grazie per la tua risposta servono ad allargare e cpaire meglio il problema.ciao

  • Paolo 4 Novembre 2008 at 10:37

    Se l’usucapione si è compiuta, l’acquisto della proprieta risale addirittura all’inizio del possesso, retroattivamente. Ma fino a che il tribunale non accerti l’usucapione, non te ne fai niente di questa considerazione.
    Piuttosto, nel merito, la cosa non è poi così pacifica, se anche amministratore e portiere avevano le chiavi di accesso a ‘sto terrazzo.