Ho acquistato casa con le agevolazioni per la prima casa – Ho fatto la richiesta per il cambio di residenza entro i diciotto mesi,ma è stata bocciata dall’ufficio anagrafe

Buongiorno, ho acquistato casa con le agevolazioni per la prima casa. Ho fatto la richiesta per il cambio di residenza entro i diciotto mesi,ma è stata bocciata dall’ufficio anagrafe perchè i vigili urbani non mi hanno trovato a casa perchè lavoravo. Ho riproposto la seconda istanza di residenza,ma fuori dai termini previsti dalla legge (18 mesi). Ora mi è arrivata una sanzione amministrativa dall’ufficio delle entrate. Cosa devo fare,visto che la prima richiesta rientra nei 18 mesi e l’altra no. Se è possibile avere qualche riferimento legislativo.
Cordaili saluti. Francesco

Commento di Francesco | Sabato, 20 Settembre 2008

Per beneficiare delle varie agevolazioni previste dalla legge, l’immobile da acquistare deve trovarsi nel Comune ove l’acquirente ha la residenza (o si impegni a stabilirla entro 18 mesi dall’acquisto) oppure, in alternativa, nel Comune ove l’acquirente svolge la propria attivita’ lavorativa. Quindi, Francesco, se svolgevi o svolgi attività lavoratoviva nel comune ove è ubicato l’immobile hai diritti ai benefici di legge.

DECADENZA DEI BENEFICI, ACCERTAMENTI

I benefici possono decadere in caso di
– false dichiarazioni;
– mancato trasferimento della residenza -entro 18 mesi dall’acquisto- nel Comune ove è posta l’abitazione acquistata (esclusi i casi in cui tale evento sia dovuto ad una causa di forza maggiore sopraggiunta successivamente alla stipula del contratto, vedi Risoluzione numero 140/E dell’Agenzia delle Entrate);
– vendita o donazione dell’abitazione prima che siano trascorsi 5 anni dall’acquisto e senza che entro un anno sia stata riacquistata un’abitazione principale usufruendo nuovamente delle agevolazioni

N.b.: la risoluzione dell’agenzia delle entrate numero 31/E del 16/2/2006 ha specificato che nel caso in cui entro cinque anni vengano cedute porzioni non significative della casa (come per esempio una pertinenza), le agevolazioni sulla parte rimasta di proprieta’ non decadono. La decadenza, quindi, riguarda solo la porzione ceduta.

La decadenza dei benefici comporta l’applicazione delle imposte nella misura ordinaria, quindi gli uffici competenti potranno richiedere la differenza tra le imposte dovute (intere) e quelle pagate (ridotte), piu’ una sanzione pari al 30% delle stesse oltre agli interessi di mora.

Se si è usufruito di un credito di imposta (in caso di riacquisto di una prima casa entro un anno dalla vendita della precedente), la decadenza dei benefici comportera’, ovviamente, il recupero di tali cifre da parte dell’agenzia delle entrate.

Commento di consulente legale | Domenica, 21 Settembre 2008

20 Settembre 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agevolazioni fiscali prima casa - Il trasferimento della residenza deve avvenire entro diciotto mesi dall'acquisto
In tema di imposta di registro, la normativa vigente richiede, per la fruizione dei benefici prima casa in caso di acquisto di immobile in altro Comune, che il compratore vi trasferisca la residenza, rilevante ai fini del godimento dell'agevolazione, entro il termine di diciotto mesi dall'acquisto. Il trasferimento della residenza, elemento costitutivo del beneficio richiesto e provvisoriamente accordato, rappresenta un obbligo del contribuente verso il fisco, dovendosi però tenere conto di eventuali ostacoli nell'adempimento di tale obbligazione, caratterizzati dalla non imputabilità alla parte obbligata e dall'inevitabilità ed imprevedibilità dell'evento. Ne consegue che il mancato stabilimento nei termini di legge della ...

Decadenza agevolazioni fiscali prima casa - Va considerata come causa di forza maggiore la circostanza in cui il contribuente non trasferisce, nel termine di 18 mesi, la propria residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile acquistato perchè questo risulta abusivamente occupato
La giurisprudenza della Corte di cassazione è concorde nel ritenere che per la fruizione dei benefici cosiddetti prima casa, previsti in caso di acquisto di immobile in altro Comune, il compratore è tenuto a trasferirvi la propria residenza entro 18 mesi dall'acquisto; e detto trasferimento di residenza è un elemento costitutivo del beneficio richiesto e provvisoriamente accordato e costituisce per il contribuente un preciso obbligo, che egli assume nei confronti del fisco. Tuttavia occorre pur sempre tener conto di eventuali ostacoli nell'adempimento di tale obbligazione, caratterizzati dalla loro inevitabilità, imprevedibilità e non imputabilità alla parte obbligata. Il mancato trasferimento della ...

Agevolazioni prima casa » L'inquilino che non se ne va non giustifica la mancata residenza
In merito alle agevolazioni prima casa, in caso di mancato rilascio del conduttore dell'immobile, i benefici per il nuovo padrone di casa decadono se non ha effettuato il cambio di residenza. Si può accedere alle agevolazioni prima casa solo con il cambio di residenza anche se l'immobile non viene rilasciato dal conduttore. In tema di agevolazioni tributarie, infatti, i benefici fiscali per l'acquisto della prima casa (abitazione non di lusso), previsti dalla nota II bis della tariffa parte 1, articolo 1, allegata al Dpr numero 131 del 1986, spettano alla sola condizione che, entro il termine di decadenza di diciotto ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ho acquistato casa con le agevolazioni per la prima casa – ho fatto la richiesta per il cambio di residenza entro i diciotto mesi,ma è stata bocciata dall’ufficio anagrafe. Clicca qui.

Stai leggendo Ho acquistato casa con le agevolazioni per la prima casa – Ho fatto la richiesta per il cambio di residenza entro i diciotto mesi,ma è stata bocciata dall’ufficio anagrafe Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 20 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • arturo 23 Gennaio 2010 at 13:50

    Sto per comprare una nuda proprietà per mia figlia nel comune dove essa attualmente studia all’Università. Per usufruire delle agevolazioni fiscali prima casa, mia figlia deve trasferire la residenza nello stesso comune e nella casa dove è attualmente in affitto? Il rogito è previsto per il prossimo febbraio.
    E’ vero che l’acquisto della nuda proprietà non prevede il trasferimento della residenza, se si presume che l’immobile sia locato dall’usufruttuario?
    Sempre per le agevolazioni fiscali prima casa, è vero che l’attività di studio all’Università è equiparabile all’attività lavorativa, per cui decadrebbe l’obbligo di trasferimento di residenza? se sì, è sufficiente l’attestazione di iscrizione o altra attestazione rilasciata dall’Università per comprovare l’attività?

    • cocco bill 23 Gennaio 2010 at 14:20

      Mi spiace, ma non sono in grado di rispondere ai quesiti da lei posti.