Guida sotto effetto stupefacenti - bisogna provare stato alterazione

Il reato di guida sotto l’effetto di stupefacenti (articolo 187 Codice della strada) presuppone non solo la prova dell’assunzione di stupefacenti ma anche dello stato di alterazione

Il reato di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, previsto dall’articolo 187 del Codice della strada, sussiste quando la guida avvenga “in stato di alterazione psico-fisica determinato dall’assunzione di sostanze”.

Non è sufficiente quindi, ai fini dell’integrazione del reato, la mera condotta di guida tenuta dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti, essendo invece necessario provare che l’agente abbia guidato in stato di alterazione causato da precedente assunzione di stupefacenti.

Ai fini dell’accertamento del reato è dunque necessario un accertamento tecnico-biologico sia in ordine all’assunzione delle sostanze, sia che in ordine allo stato di alterazione psico-fisica.

Tale complessità probatoria si impone in quanto le tracce degli stupefacenti permangono nel tempo, sicché l’esame tecnico potrebbe avere un esito positivo in relazione a un soggetto che ha assunto la sostanza giorni addietro e che, pertanto, non si trova al momento del fatto in stato di alterazione.

Su tali basi, la Cassazione ha annullato una sentenza di condanna per il reato in questione, in quanto, pur essendo stata dimostrata l’assunzione di stupefacenti (attraverso l’esame delle urine), non era tuttavia dimostrato anche lo stato di alterazione.

Lo stato di alterazione potrebbe ricavarsi, ad esempio, da altre circostanze, ulteriori rispetto ai risultati dell’esame delle urine, quali ad esempio il comportamento dell’imputato riferito dagli agenti operanti (Cassazione, sentenza 11 aprile 2014, numero 16059).

13 Luglio 2014 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Revoca della patente per guida in stato di ebbrezza o di alterazione psico-fisica riconducibile ad uso di sostanze stupefacenti » Il termine triennale per conseguire una nuova patente decorre dal passaggio in giudicato della pronuncia di condanna
Come è noto, quando la revoca della patente è disposta per guida sotto l'influenza dell'alcool o per guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti, non è possibile conseguire una nuova patente prima di tre anni a decorrere dalla data di accertamento del reato. Ora, a parere della giurisprudenza di merito (Tribunale di Siena sentenza 651/2016 e Tribunale di Sondrio ordinanza 144/2016) un reato può dirsi definitivamente accertato solo allorquando la pronuncia giudiziale che ne ha accertato la sussistenza acquisti efficacia di giudicato. Da ciò consegue, che il decorso il termine triennale per conseguire una nuova patente ...

Revoca patente per guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti - Il triennio per il conseguimento di una nuova patente decorre dalla data della sentenza penale
Com'è noto, quando la revoca della patente è disposta per guida in stato di ebbrezza o di alterazione psico-fisica dovuta all'uso di sostanze stupefacenti, non è possibile conseguire una nuova patente di guida prima di tre anni a decorrere dalla data di accertamento del reato. Alcuni tribunali ritengono che il termine accertamento del reato, da cui decorre il termine triennale per il conseguimento di una nuova patente, sia riferito al momento dell'accertamento dell'infrazione. Per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, invece, questa interpretazione è errata. Tanto è vero che numerosi sono stati i dinieghi opposti dai competenti Uffici della ...

Rifiuto di sottoporsi ai test previsti dalla legge finalizzati all'accertamento del reato di guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti
Volevo sapere cosa succede in caso di controllo di polizia, qualora mi rifiutassi di sottopormi ai test alcolemici. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su guida sotto effetto stupefacenti - bisogna provare stato alterazione. Clicca qui.

Stai leggendo Guida sotto effetto stupefacenti - bisogna provare stato alterazione Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 13 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)