Guida in stato di ebbrezza » Comando vicino? Autista non può rifiutare

Conducente fermato per sospetta guida in stato di ebbrezza viene invitato al Comando per il controllo con l’etilometro? Non può rifiutarsi di seguire gli agenti se la stazione si trova nelle vicinanze.

Il conducente che si oppone alla richiesta dei Carabinieri di recarsi con loro al Comando per sottoporsi all’etilometro rischia una condanna penale, a meno che la distanza tra luogo del controllo e Comando non sia davvero rilevante.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 42320/14.

Il conducente fermato perché sospetto del reato di guida in stato di ebbrezza può rifiutarsi di seguire gli agenti alla stazione più vicina per fare gli accertamenti con l’etilometro?

La questione non può ricevere una risposta secca: dipende dai casi.

E ciò perché, nel 2012, la Cassazione aveva assolto un conducente che si era rifiutato di seguire la pattuglia di polizia presso il relativo comando poiché quest’ultimo si trovava a una distanza notevole (circa 30 km).

Così, quando gli agenti non hanno con sé l’apparecchio dell’alcoltest e non si è verificato alcun incidente stradale, la distanza notevole può essere considerata un fattore scriminante dell’eventuale rifiuto del conducente.

Ma, fuori da questa ipotesi, per l’automobilista non vi sono scelte, salvo che poi voglia affrontare un processo penale.

A parere degli Ermellini, infatti, tutto si riduce a una mera questione di chilometri.

Se sussiste il reato o meno, dipende, dunque, dalla distanza con il commissariato.

Da notare, però che la legge non indica il chilometraggio esatto e la cui valutazione, quindi, dipende solo dalla sensibilità del singolo giudice chiamato a decidere della questione.

Nessun dubbio, quindi, sul reato, ossia il rifiuto, da parte dell’automobilista, di sottoporsi al test alcolimetrico se il Comando è sito a poca distanza dal luogo dove è stato effettuato il blocco del conducente.

13 Ottobre 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guida in stato di ebbrezza » risarcimento del danno come attenuante
In materia di guida in stato di ebbrezza da cui sia derivato un incidente stradale, è applicabile la circostanza attenuante comune di cui all'articolo 62 numero 6 del Codice penale, prima ipotesi, ossia l'aver prima del giudizio, riparato interamente il danno, mediante il risarcimento di esso (Cassazione, sentenza del 26 febbraio numero 9323). Ad avviso del Procuratore generale, invece, tale attenuante non sarebbe applicabile al reato in questione, poichè il bene giuridico protetto sarebbe l'incolumità pubblica e non il patrimonio o la persona direttamente danneggiata dal sinistro. Sul punto la Cassazione afferma che, ai fini della configurabilità dell'attenuante suddetta, non ...

Guida in stato di ebbrezza - incidente e responsabilità
Il conducente in stato di ebbrezza, coinvolto in un incidente, ha l'onere di dimostrare che il sinistro non è stato causato (in tutto o in parte) dalle proprie condizioni di alterazione psicofisica. In caso di sinistro stradale, il conducente in stato di ebbrezza non necessariamente è considerato responsabile del sinistro stesso (Cassazione, sentenza del 20 ottobre 2014, n. 22238). Lo stato di ebbrezza infatti consente soltanto di "presumere" la responsabilità dell'incidente, ma tale presunzione può essere superata dalla prova contraria, da cui risulti che le condizioni psico-fisiche del conducente, alterate per effetto dell'alcool, non hanno comunque influito nella determinazione del ...

Automobilista in evidente guida in stato di ebbrezza? » Va comunque rispettata la norma sulla precedenza
Nell'ottica di un incidente stradale, anche se l'altro conducente è in condizioni di evidente guida in stato di ebbrezza, vanno rispettate comunque le norme sulla precedenza: la colpa del sinistro va solo a chi lo abbia determinato con il proprio comportamento. Si deve dare la precedenza anche al conducente ubriaco. E' esente da colpe il conducente in stato di ebbrezza, che tamponi un'altra autovettura, quando lo stato psico-fisico determinato dall'ubriachezza non influenzi causalmente il sinistro stradale, ovvero quando l'incidente sia causato per colpa esclusiva dell'altro automobilista che non rispetti l'obbligo di dare precedenza ai veicoli transitanti nel momento in cui ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su guida in stato di ebbrezza » comando vicino? autista non può rifiutare. Clicca qui.

Stai leggendo Guida in stato di ebbrezza » Comando vicino? Autista non può rifiutare Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 13 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)