Guida ed automobili

Posso guidare in Italia con la mia patente?

Se hai un permesso di guida rilasciato da uno Stato non appartenente all’Unione Europea, puoi guidare durante tutto il primo anno di residenza in Italia.

Se la patente o il permesso sono scritti solo in lingua straniera, devono essere accompagnati da una traduzione ufficiale in lingua italiana o da un documento equivalente.

Allo scadere del primo anno di residenza in Italia, puoi richiedere la conversione in patente italiana. Per le patenti rilasciate da Stati appartenenti all’Unione Europea è possibile richiedere la conversione oppure il riconoscimento di validità. La conversione prevede che ti sia data una patente italiana da sostituire a quella estera. Ottenendo il riconoscimento ti verrà inviato un tagliando da applicare sulla tua patente.

Attenzione: la patente di guida conseguita in Italia dallo straniero non costituisce titolo valido per l’identificazione, per cui deve sempre esibire il passaporto ed il permesso di soggiorno.

Che validità ha la patente di guida?

  • 10 anni per le persone tra i 18 anni e i 50 anni;
  • 5 anni per le persone con più di 50 anni;
  • 3 anni per le persone con più di 70 anni.

Attenzione: devi sempre avere la patente con te quando guidi: la polizia ha il diritto di sequestrare la tua automobile se ti trova sprovvisto.

Devo sostenere esami per convertire la patente estera in quella italiana?

Se risiedi in Italia e hai una patente rilasciata da uno Stato dell’Unione Europea o da uno Stato non appartenente all’Unione Europea con cui l’Italia ha accordi specifici, puoi avere una patente italiana equivalente, senza sostenere altri esami. Per sapere se devi sostenere o no gli esami puoi rivolgerti alla Motorizzazione Civile della città capoluogo più vicina.

Dove si fa la richiesta di conversione e/o di riconoscimento della patente estera?

La richiesta di conversione e/o di riconoscimento si fanno presso gli uffici periferici del Dipartimento dei Trasporti Terrestri del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Quali documenti si devono presentare per la conversione e/o riconoscimento della patente estera?

  • Passaporto;
  • permesso di soggiorno;
  • un documento di identità italiano (carta di identità);
  • patente estera originale, in corso di validità, in visione e relativa fotocopia (con traduzione giurata e/o dichiarazione consolare, obbligatoria per patenti superiori alla B, con firma legalizzata in Prefettura);
  • certificato di residenza (si può fare l’autocertificazione);
  • 1 certificato medico con fotografia in carta da bollo (la visita va fatta presso l’ASL, oppure presso una scuola guida) rilasciata in data non anteriore a 6 mesi da quella di presentazione della domanda;
  • autocertificazione di non aver condanne penali;
  • 2 foto recenti formato tessera su fondo chiaro e a capo scoperto, stampate su carta non termica.

Se non ho la patente o se la mia patente non è riconosciuta?

Per ottenere la patente bisogna rivolgersi all’Ufficio della Motorizzazione Civile o iscriversi ad una Scuola Guida e sostenere gli esami di teoria e pratica.

Sono necessari:

  • passaporto;
  • permesso di soggiorno;
  • certificato di residenza;
  • 1 foto.

Come posso avere una nuova copia della mia patente?

Se la patente si perde, si rovina o viene rubata, entro due giorni dalla constatazione, devi farne denuncia agli organi di polizia e compilare un modulo su cui va applicata una fotografia autenticata. La polizia provvederà quindi a rilasciarti un permesso provvisorio di guida valido 90 giorni. Dall’emissione del permesso provvisorio la tua patente, anche se viene ritrovata, non è più valida.

Posso guidare in Italia con la mia automobile?

Secondo la legge italiana, le automobili registrate all’estero possono circolare in Italia per 1 anno, se importate provvisoriamente. Se hai la residenza in Italia (obbligatoria per chi resta più di 1 anno), devi importarla e registrarla al PRA (Pubblico Registro Automobilistico).

Posso acquistare un’automobile una volta stabilitomi in Italia?

Per acquistare un’automobile, uno straniero deve possedere i documenti seguenti:

  • codice fiscale;
  • permesso di soggiorno;
  • certificato di residenza.

Devo assicurare l’automobile in Italia?

È obbligatorio stipulare un’assicurazione se:

  • hai la residenza in Italia e hai portato la tua automobile dal tuo paese in Italia;
  • hai la residenza in Italia e hai acquistato la tua automobile in Italia.

Rivolgiti ad un’agenzia di Assicurazioni per assicurare la tua auto.

8 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sorpreso alla guida sotto effetto di alcol con foglio rosa - Mi sospenderanno la patente in seguito?
Sono un cittadino tunisino con regolare permesso di soggiorno (vivo in italia da più di dieci anni): mi sono iscritto a scuola guida due mesi fa. Dopo aver passato brillantemente l'esame teorico, ogni tanto mi esercitavo con un mio amico, patentato, per le vie del mio quartiere. Una sera a cena ho alzato un po' troppo il gomito e ho deciso di farmi un giretto da solo, ma sempre nella zona dove abito. La sorte ha voluto che venissi fermato da una pattuglia dei carabinieri, che quindi mi ha trovato sia senza patente che con i valori alcolici di poco ...

Guida in stato di ebbrezza » Se non si impugna la sospensione della patente la stessa diventa definitiva
La sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza, se non si impugna, diventa definitiva. La sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza ha carattere cautelare ed è autonomamente impugnabile, ma se non si impugna i suoi effetti si consolidano e il destinatario non può far valere in nessuna sede giurisdizionale le proprie doglianze. Questo, in breve, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20270/14. Come chiarito ampiamente nel nostro blog, il codice della strada prevede la sospensione della patente nei casi di guida sotto l'influenza di alcool o in stato di alterazione psicofisica per uso ...

Indennità di accompagnamento e patente di guida speciale - Non incompatibili a priori
Non sussiste incompatibilità assoluta tra indennità di accompagnamento e titolarità di una patente di guida speciale: essere beneficiari dell'indennità di accompagnamento non é a priori incompatibile con il conseguimento o il rinnovo di una patente speciale. Il discrimine é la guida in condizioni di sicurezza per sé e per gli altri: se la patologia della persona richiedente la patente di guida, pur beneficiaria dell'indennità di accompagnamento, è tale da consentire la possibilità di una guida in condizioni di sicurezza per sé e per gli altri, la patente potrà essere concessa o rinnovata. La Commissione Medica Locale, non sulla base di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su guida ed automobili. Clicca qui.

Stai leggendo Guida ed automobili Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 8 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)