Guida in stato di ebbrezza - Quando il conducente oppone il rifiuto all'accertamento etilometrico

In caso di rifiuto dell'accertamento dell'etilometro si applicano le pene previste per la più grave delle violazioni relative alla guida in stato di ebbrezza, che prevede l'ammenda da Euro 1.500,00 a Euro 6.000,00 e l'arresto da tre mesi ad un anno.

Però, la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 45070 del 30 Marzo 2004, ha stabilito che: In tema di violazione del codice della strada, è illegittima la contravvenzione all'automobilista che si è rifiutato di seguire l'agente al comando per l'alcoltest senza la presenza di un sinistro stradale: configura la limitazione della libertà; precisando che il rifiuto non è reato nel caso in cui le Forze dell'Ordine chiedono a un conducente che non ha provocato incidenti di accompagnarlo presso un comando che è distante dal luogo del fatto per eseguire l'accertamento.

Inoltre, bisogna fare attenzione, perchè, pur non avendo ingerito bevande alcoliche, l'assunzione di alcuni farmaci può far comunque risultare positiva la prova etilometrica.

In questi casi, poiché l'esito dell'alcoltest costituisce la prova della sussistenza dello stato di ebbrezza, per non incorrere in sanzioni il conducente deve dimostrare che l'alterazione del proprio valore del tasso alcolemico sia dovuta esclusivamente all'uso di prodotti medicali idonei a influenzare l'esito del test.

Questo concetto è stato chiarito dagli Ermellini, che con la pronuncia numero 45070 del 30 Marzo 2004, hanno sancito che: In tema di guida in stato di ebbrezza, l'esito positivo dell'alcooltest costituisce prova della sussistenza dello stato di ebbrezza ed è onere dell'imputato fornire eventualmente la prova contraria a tale accertamento dimostrando vizi od errori di strumentazione o di metodo nell'esecuzione dell'aspirazione, non essendo sufficiente allegare la circostanza relativa all'assunzione di farmaci idonei ad influenzare l'esito del test, quando tale affermazione sia sfornita di riscontri probatori.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca