La messa in mora del creditore

Anzi, anche se può sembrare (e sembrerà a molti) addirittura provocatorio, aggiungerei che il rifiuto a fornire al debitore la documentazione finalizzata all'accertamento del debito configura, per il creditore, una condotta che si sostanzia nel rifiuto a compiere gli atti (cosiddetti preparatori) necessari al ricevimento della prestazione dovuta dal debitore.

Ci sono allora tutti i presupposti giuridici per mettere in mora il creditore. Effetti della costituzione in mora del creditore, saranno:

  • il dovuto risarcimento dei danni patiti dal debitore;
  • la cessazione degli interessi dovuti da quest’ultimo al creditore;
  • il passaggio a carico del creditore del rischio dell'impossibilità della prestazione.

Non è poco ...

Per porre una domanda su come difendersi dalla società di recupero crediti, sui debiti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

7 settembre 2008 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca