LA RICHIESTA DI FALLIMENTO FINALIZZATA A RECUPERARE I CREDITI DI LAVORO

Giunti a questo punto, anche i datori di lavoro più irriducibili mollano la presa e pagano tutto (interessi e rivalutazione compresi).

Il percorso complessivamente ora descritto non occupa più di 70/120 giorni.

Si deve, tuttavia, ricordare che la crisi ha ridotto molte imprese allo stato di decozione cosicché al decreto ingiuntivo del dipendente può seguire la dichiarazione di fallimento dell'ex datore di lavoro. Questo però non è necessariamente un danno.

1. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - COSA STA SUCCEDENDO?
2. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - MA SE NON HO I SOLDI PER L'AVVOCATO?
3. QUANDO ATTIVARSI PER RECUPERARE I CREDITI DI LAVORO?
4. PERCHE' NON ASPETTARE PER AVVIARE L'AZIONE DI RECUPERO COATTIVA DEI CREDITI DI LAVORO?
5. QUALI ALTERNATIVE AL GRATUITO PATROCINIO PER L'ASSISTENZA LEGALE NECESSARIA AL RECUPERO DEI CREDITI DI LAVORO?
6. COS'E' IL COMPENSO FORFETARIO?
7. SI POSSONO AVERE CERTEZZE NELL'AZIONE DI RECUPERO FORZATA DEI CREDITI DI LAVORO?
8. QUALI SCELTE E QUALI TAPPE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO DEI CREDITI DI LAVORO?
9. COME INIZIARE PER TENTARE IL RECUPERO DEI PROPRI CREDITI DI LAVORO?
10. QUALI STRADE PERCORRERE PER OTTENERE IL RIMBORSO DEI CREDITI DOVUTI DAL DATORE DI LAVORO?
11. DEVO RICORRERE AL TRIBUNALE PER OTTENERE IL RIMBORSO DEI MIEI CREDITI DI LAVORO?
12. QUALE PROCEDURA PER OTTENERE UN DECRETO INGIUNTIVO NECESSARIO A POTER RECUPERARE I CREDITI DI LAVORO?
13. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - COS'E' IL DECRETO INGIUNTIVO SU CEDOLINO?
14. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - COSA FARE SE MANCANO I CEDOLINI?
15. COME SI COMUNICA L'INGIUNZIONE AL DATORE DI LAVORO?
16. SI POSSONO ABBREVIARE I TEMPI PER RECUPERARE I CREDITI DI LAVORO?
17. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - COME ATTACCARE IL PATRIMONIO DEL DEBITORE?
18. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - SI POSSONO PIGNORARE I CREDITI DEL DEBITORE?
19. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - COSA FARE SE NON SI TROVANO BENI DEL DEBITORE?
20. LA RICHIESTA DI FALLIMENTO FINALIZZATA A RECUPERARE I CREDITI DI LAVORO
21. CREDITI DI LAVORO - COS'E' FONDO DI GARANZIA DELL'INPS?
22. RECUPERO CREDITI DI LAVORO - QUANDO CHIEDERE IL GRATUITO PATROCINIO?
23. NON TI PAGANO LO STIPENDIO: CHE FARE? - Considerazioni dell'autore della guida
24. Istruzioni per l'uso
25. Informazioni sull'autore
26. Copiright
» Vai alla visualizzazione integrale dell'articolo (pagina singola)
» Vai all'indice delle sezioni dell'articolo
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la richiesta di fallimento finalizzata a recuperare i crediti di lavoro. Clicca qui.

Stai leggendo LA RICHIESTA DI FALLIMENTO FINALIZZATA A RECUPERARE I CREDITI DI LAVORO Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 28 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 3 aprile 2018 Classificato nella categoria recupero crediti di lavoro Inserito nella sezione recupero crediti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Rosaria Proietti 28 aprile 2012 at 11:55

    Con la riforma Bersani è stata consentita all’avvocatura, e la cosa rileva in particolare per gli avvocati del lavoro, l’applicazione di metodi di pagamento diversi dall’applicazione del tariffario: si può così concordare con l’avvocato formule alternative per recuperare il proprio credito, anche senza dover anticipare alcuna somma e rinviando all’incasso della retribuzione e del TFR il pagamento della parcella.

    Lo svincolo dell’avvocato dal rispetto obbligatorio della tariffa professionale ha permesso di concordare con i clienti forme di pagamento in percentuale o a forfait che prima mancavano limitando l’accesso al diritto di difesa.

    Oggi si può perciò pattuire il pagamento del legale solo all’esito del recupero delle somme e d in ragione del quantum incassato, così evitando sia che l’esborso possa essere maggiore di quanto ottenuto sia i rischi dell’incognito.

  • massimiliano75 29 dicembre 2011 at 20:04

    articolo molto completo e chiarificatore. ma in tutto questo processo come è collegabile la figura del sindacato.
    In altre parole, piuttosto che far riferimento al patrocinio gratuito descritto, ha senso far riferimento alla consulenza legale offerta da un sindacato di categoria?

    • Carla Benvenuto 29 dicembre 2011 at 22:06

      Lei chiede una opinione politica, non una valutazione tecnica. Per quanto mi riguarda le rispondo che non mi farei mai difendere, in un contenzioso di lavoro, da gente direttamente o indirettamente collegata ad individui come Bonanni ed Angeletti.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca