Crediti impignorabili - Crediti  alimentari  determinatisi in seguito a separazione legale e finalizzati a garantire le più elementari esigenze di vita

Indice dei contenuti dell'articolo



E’ opportuno operare, anche per il prosieguo, una netta distinzione fra crediti alimentari e crediti necessari al mantenimento. I crediti funzionali al “mantenimento del tenore di vita”  non presuppongono una situazione di bisogno, ma sono finalizzati a garantire al debitore quanto occorre ad assicurargli di soddisfare le più svariate esigenze (anche superflue –  non soltanto la sopravvivenza). Nel caso di separazione personale o divorzio, in particolare, l’assegno di mantenimento è erogato per consentire al percipiente debitore  la possibilità di condurre un tenore di vita economico simile a quello concessogli durante il matrimonio. Ne consegue che   l’importo quantificato per il mantenimento potrebbe anche risultare superiore a quanto  strettamente necessario per gli “alimenti”, cioè per  le esigenze di vita più elementari.

Per fissare le idee, il credito alimentare risulta quello assolutamente non pignorabile, mentre il credito per il mantenimento è parzialmente pignorabile.  L’importo per il mantenimento può variare in relazione alle condizioni economico patrimoniali dei coniugi prima della separazione, mentre il credito alimentare è, di norma, ancorato all’importo del trattamento minimo pensionistico erogato dall’INPS (fissato annualmente dalla legge) ed assunto equivalente al “minimo vitale. Come vedremo in una successiva sezione, discutiamo di una cifra che si aggira, attualmente, intorno ai 500 euro mensili.

Tutti i crediti del debitore diversi da quelli  menzionati in questa sezione, sono pignorabili seppure con limiti e modalità specifiche.

La regola generale è quella della piena ed integrale pignorabilità di ogni credito del debitore, in conformità al principio espresso dall’articolo 2740 del codice civile, fatte salve le eccezioni espressamente previste dalla legge.

Ne consegue che i casi di impignorabilità, o di limitata pignorabilità, di taluni crediti del debitore, sono eccezionali, e dunque le relative ipotesi previste dalla legge hanno carattere tassativo, e non sono suscettibili di interpretazione.

11 Luglio 2011 · Rosaria Proietti

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su crediti impignorabili - crediti  alimentari  determinatisi in seguito a separazione legale e finalizzati a garantire le più elementari esigenze di vita. Clicca qui.

Stai leggendo Crediti impignorabili - Crediti  alimentari  determinatisi in seguito a separazione legale e finalizzati a garantire le più elementari esigenze di vita Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 11 Luglio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 17 Febbraio 2019 Classificato nella categoria pignoramento di stipendi e pensioni Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Simone di Saintjust 21 Giugno 2013 at 11:44

    Sua sorella risponderà dei debiti di sua madre solo dopo la morte della genitrice, se non rinuncerà all’eredità. Le banche non si “abbassano” ad effettuare pignoramenti presso la residenza del debitore, almeno così è stato fino ad ora. Ma, se anche fosse, con l’opposizione al giudice per le esecuzioni e l’esibizione del contratto di ospitalità, il pignoramento si rivelerebbe comunque infruttuoso.