Contenuto del contratto di credito al consumo

I contratti di credito al consumo devono essere conclusi per iscritto e il consumatore deve ricevere un esemplare del contratto, pena la nullità del contratto stesso (articolo 117, commi 1 e 3, del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, applicabile a tutte le operazioni di credito al consumo in forza del richiamo effettuato dall'articolo 124 del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia medesimo).

È importante verificare che il contratto contenga quanto meno i seguenti elementi:

a) ammontare e modalità del finanziamento;

b) numero, importo e scadenza delle rate;

c) TAEG ed eventuali modalità della sua modifica;

d) oneri non compresi nel TAEG;

e) garanzie richieste;

f) assicurazioni richieste e non incluse nel TAEG.

I contratti di credito al consumo che abbiano a oggetto l'acquisto di determinati beni o servizi contengono inoltre:

a) la descrizione analitica dei beni e dei servizi;

b) l'indicazione del prezzo di acquisto in contanti, del prezzo stabilito dal contratto, l'ammontare dell'eventuale acconto;

c) le condizioni per il trasferimento del diritto di proprietà, nei casi in cui questo non sia immediato.

La disciplina contrattuale sul credito al consumo prevede inoltre che:

a) nessuna somma possa essere pretesa se non sulla base di espresse previsioni contrattuali;

b) le clausole di rinvio agli usi sono nulle;

c) in caso di assenza o nullità delle clausole concernenti il TAEG o la scadenza del credito, si applicano, rispettivamente, il tasso minimo dei buoni del tesoro annuali nei dodici mesi precedenti la conclusione del contratto e la durata di trenta mesi.

I contratti di credito al consumo sotto forma di apertura di credito in conto corrente, non connessi all'utilizzo di una carta di credito sono esclusi dagli obblighi relativi al calcolo e all'indicazione del TAEG.

Tali contratti indicano, sempre a pena di nullità:

a) il massimale e l'eventuale scadenza del credito;

b) il tasso di interesse annuo nonché il dettaglio degli oneri applicabili dal momento della conclusione del contratto (e le condizioni che ne possono comportare la modifica durante l'esecuzione del contratto);

c) le modalità di recesso dal contratto.

Per fare una domanda sui termini utilizzati nei contratti di credito al consumo, sugli acquisti a rate, sui finanziamenti in genere, sui contratti di prestito e  su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

29 luglio 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca