Gli eventi conseguenti al mancato pagamento delle rate di un finanziamento

Leggo sempre con interesse questo blog ed anche io, approfittando della vostra disponibilità, vorrei chiedere di dettagliare quali  sono gli eventi  conseguenti al mancato pagamento delle rate di un finanziamento.

Riconoscente vi saluto tutti con affetto, Maria Bellitti – Mantova.

Il mancato rispetto delle scadenze previste per il pagamento delle rate, determina innanzitutto a carico del consumatore maggiori oneri per l’applicazione da parte del creditore di interessi di mora, la cui misura è indicata nella documentazione precontrattuale e/o nel contratto.

In questi casi, in base alle regole generali in materia di contratti, la banca e gli intermediari finanziari (quindi tutti gli enti che erogano danaro alla propria clientela), possono chiederne la risoluzione: l’evento può comportare la richiesta immediata di pagamento del capitale residuo e degli oneri accessori secondo le formalità di rito.

Ulteriore conseguenza da tenere in considerazione attiene alla possibilità da parte delle banche e degli intermediari finanziari di segnalare il consumatore ai sistemi di informazione creditizia e finanziaria (Centrale dei rischi), come cliente non affidabile o cattivo pagatore: circostanza che può ostacolare la possibilità di ricorrere successivamente a richieste di finanziamento.

Nei contratti di mutuo, il mancato pagamento di una sola rata che non superi l’ottava parte del prezzo, non dà luogo alla risoluzione del contratto e il consumatore conserva il diritto di pagare le somme dovute alle scadenze prestabilite. Anche in questo caso è prevista l’applicazione di interessi di mora, come contrattualmente previsto: qualora i ritardi si siano verificati per sette volte, anche non consecutive, la banca può chiedere la risoluzione del contratto di finanziamento.

Per quanto attiene invece, in via generale, le modalità di segnalazione e conservazione delle informazioni nei sistemi di referenza creditizia gestiti da soggetti privati, in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, può risultare utile ricordare il contenuto del Provvedimento del Garante numero 8 del 16 novembre 2004 e sue successive integrazioni :

  1. quando si determina un ritardo nel pagamento delle rate, l’interessato ha diritto di essere avvertito e ha la possibilità di far valere notizie a lui favorevoli. Le informazioni relative al primo ritardo potranno essere comunicate ai “sistemi di informazioni creditizie” solo dopo che sia decorso un periodo di almeno 120 giorni dalla data di scadenza del pagamento, o in caso di mancato pagamento di almeno 4 rate mensili non regolarizzate.
  2. per quanto riguarda invece i tempi di conservazione dei dati stessi, il Codice determina le seguenti modalità:

a) richieste di finanziamento: conservazione per 6 mesi, qualora l’istruttoria lo richieda o 1 mese in caso di diniego della richiesta o rifiuto della stessa ad opera del cliente;

b) morosità fino a due 2 rate: qualora siano sanate, le informazioni creditizie di tipo negativo vengono conservate per 12 mesi a decorrere dalla registrazione della loro regolarizzazione;

c) morosità superiori a 2 rate: qualora siano sanate, le informazioni creditizie di tipo negativo vengono conservate per 24 mesi a decorrere dalla registrazione della loro regolarizzazione;

d) eventi negativi: la conservazione delle informazioni di tipo negativo su inadempimenti non regolarizzati, possono essere conservate per un massimo di 3 anni dalla scadenza del contratto , o dalla data successiva in cui è cessato il rapporto o vi è stato un aggiornamento per effetto di accordi sul rimborso.

e) eventi positivi: le notizie positive relative a contratti senza inadempimenti sono conservate solo con il consenso. La loro conservazione scende gradualmente a 3 anni.

28 Febbraio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cattivi pagatori e rate pagate in ritardo
Il Decreto Sviluppo convertito in legge il 12 luglio 2011, nell'articolo 8-bis riguardante la cancellazione di segnalazioni dei ritardi di pagamento, fissava il termine di 5 giorni lavorativi per oscurare le informazioni relative a ritardi di pagamento di rate mensili o semestrali. Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni sui ritardi inserite nelle banche dati devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi da intermediari e banche. Le segnalazioni già registrate dovranno essere estinte entro quindici giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del decreto in esame (7 luglio 2011) se relative al mancato pagamento di un numero di ...

CRIF EURISC – cosa è e come funziona questo archivio dei cattivi pagatori
CRIF è una società che gestisce l'archivio informatico EURISC, in cui vengono registrati i dati personali dei soggetti che hanno chiesto e/o ottenuto un finanziamento da banche e finanziarie. Ovviamente in questo archivio viene tenuta anche l'informazione relativa a ritardi o mancati pagamenti delle rate di rimborso del prestito. In tal caso i soggetti segnalati vengono comunemente indicati come cattivi pagatori. Va inoltre aggiunto che EURISC di CRIF non contiene informazioni su cambiali o assegni protestati, né informazioni da Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare (ex Conservatorie). Le informazioni contenute nel SIC (Sistema di Informazioni Creditizie) EURISC di CRIF vengono ...

Rate del mutuo e di un prestito pagate in ritardo – obbligo di aggiornamento dei dati relativi ai cattivi pagatori
In tema di ritardato pagamento delle rate del mutuo o di un prestito, la legge 106/2011 (approvata il 7 luglio) – è intervenuta, con l'articolo 8 bis, sulle modalità di aggiornamento nelle banche dati dei cattivi pagatori, qualora il ritardo si riferisca ad un numero di rate mensili inferiore a tre o ad un'unica rata semestrale. Entro dieci giorni dalla ricezione della notifica dell'avvenuta regolarizzazione dei pagamenti, i gestori delle banche dati provvedono ad integrare le segnalazioni relative a ritardi di pagamento da parte delle persone fisiche o giuridiche già inserite nelle banche dati stesse con la comunicazione dell'avvenuto pagamento ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli eventi conseguenti al mancato pagamento delle rate di un finanziamento. Clicca qui.

Stai leggendo Gli eventi conseguenti al mancato pagamento delle rate di un finanziamento Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 28 Febbraio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria domande e risposte su prestito negato e cattivi pagatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Tiziana 20 Marzo 2010 at 11:38

    salve a tutti, leggendo il vostro blog mi e’ sorto un dubbio sulla mia situazione,qualche tempo fa ho finanziato l’acquisto di un elettrodomestico.Per motivi di lavoro sono stato trasferito in un’altra città(ne in quella dove stavo prima ne in questa attuale ho la residenza)tutta la mia corrispondenza di norma mi arriva al mio indirizzo di residenza. Dovendo chiedere una copia del contratto ho contattato la finanziaria che mi ha informato che a mio carico c’erano circa 30 euro per oneri di ritardo pagamento, che ho provveduto subito a regolarizzare …ora mi chiedo se posso essere stato iscritto al crif per questo….anche perche’ in effetti non so quando l’avviso di pagamento mi sia stato spedito . ringrazio cordialmente e anticipatamente per l’aiuto che mi potreste dare .

    • cocco bill 20 Marzo 2010 at 11:48

      Le regole prevedono che l’iscrizione sia effettuata dopo due ritardi.

      crif tempi

      Però, se vuole, può togliersi la curiosità accedendo al sito CRIF (clicchi sull’immagine) ed effettuando un accesso ai suoi dati. Se le va bene, cioè se non risulterà iscritta all’archivio dei cattivi pagatori, dovrà corrispondere 10 euro.

  • ivan 5 Novembre 2009 at 17:14

    può una finanziaria (ge capital service)richiedere 30 euro di interessi per un ritardo di 15 giorni su una rata di 115 euro?

    • c0cc0bill 5 Novembre 2009 at 18:19

      Evidentemente può. Se ritarda su un’altra volta rischia di restare iscritto alla CRIF per un anno.

      crif tempi

  • gino basso 16 Ottobre 2009 at 14:31

    io anni fa avevo fatto un finanziamento, dopo alcune rate pagate, le altre mi è stato impossibile pagarle. posso riavere un finanziamento?

    • c0cc0bill 16 Ottobre 2009 at 14:43

      Alla scadenza del piano di ammortamento del finanziamento non onorato, dovranno passare tre anni per avere la possibilità di presentare istanza di cancellazione dalla Centrale Rischi in cui si è stati segnalati.

      Solo allora avrà la possibilità di chiedere un nuovo finanziamento con qualche possibilità, peraltro remota, di successo.