Indice del post come recuperare crediti dalle pa con il giudizio di ottemperanza

Nel diritto italiano, il giudizio di ottemperanza è il procedimento utilizzato per attuare una sentenza di pagamento, già esistente, nei confronti di un'amministrazione pubblica, che nonostante la condanna al pagamento non abbia ancora provveduto a saldare il debito. La preoccupante situazione di crisi economica che stiamo attraversando, ha colpito, oltre, naturalmente, le famiglie e le imprese private, anche l'amministrazione pubblica. Sono numerosissime, infatti, le aziende che attendono, inutilmente, il pagamento di un credito vantato nei confronti della PA. Così, per venire incontro ai creditori, siano essi imprese o privati, e per evitare il lungo iter dei pignoramenti forzati, si [ ... leggi tutto » ]

Come accennato nel paragrafo precedente, il giudizio di ottemperanza è una procedura che serve a dare attuazione a una sentenza che vede quale parte una Pubblica amministrazione che non abbia adempiuto in modo spontaneo alle decisioni contenute nel provvedimento. Pertanto, il giudizio di ottemperanza è uno strumento che può essere utilizzato per il recupero dei crediti vantati nei confronti della Pubblica amministrazione in alternativa rispetto al pignoramento mobiliare, immobiliare o presso terzi. Per poter utilizzare il giudizio di ottemperanza è però necessario che l’esistenza del credito e l’inadempimento della Pubblica amministrazione siano stati accertati in una sentenza o in [ ... leggi tutto » ]

Il giudizio di ottemperanza può essere ottenuto anche a seguito dell'annullamento di una cartella esattoriale: vediamo come. A seguito della scadenza del termine entro il quale dovevano essere adempiuti da parte dell’ufficio gli obblighi imposti da una sentenza divenuta definitiva (o, in mancanza del termine, dopo 30 giorni dalla messa in mora mediante ufficiale giudiziario) e sempre che l’obbligo derivante dalla sentenza non si sia estinto (prescrizione decennale), il contribuente può presentare un ricorso per chiedere che venga data esecuzione alla sentenza. Il ricorso per l’ottemperanza va indirizzato al Presidente della Commissione tributaria che ha emesso la sentenza passata [ ... leggi tutto » ]

Una breve guida a disposizione del contribuente per eseguire correttamente la domanda per il giudizio di ottemperanza: ecco come farlo semplicemente in 10 mosse. Come chiedere il giudizio di ottemperanza in 10 passi: assicuratevi che la sentenza sia stata notificata sia per il passaggio in giudicato che per l’esecuzione forzata; assicuratevi che siano decorsi i 120 giorni dalla notifica del titolo; fatevi rilasciare una attestazione di avvenuto passaggio in giudicato della sentenza. preparate il ricorso per ottemperanza da sottoscrivere e notificare all'Ente debitore; l’iscrizione a ruolo dovrà avvenire entro e non oltre 15 giorni dalla notifica (termine ridotto); per [ ... leggi tutto » ]

31 marzo 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contenzioso tributario - Esecuzione delle sentenze di condanna in favore del contribuente e giudizio di ottemperanza
A far data dal primo giugno 2016, le sentenze di condanna (anche non passate in giudicato) al pagamento di somme in favore del contribuente e quelle emesse su ricorso avverso gli atti relativi alle operazioni catastali sono immediatamente esecutive. Il pagamento delle somme dovute a seguito della sentenza deve essere ...
Compensazione dei crediti tributari in presenza di debiti della PA accertati giudizialmente
Nel giudizio di ottemperanza con cui un cittadino richiede nei confronti della pubblica amministrazione il pagamento di un credito accertato giudizialmente l'amministrazione medesima non può eccepire l'esistenza di un proprio credito e, quindi, invocare la compensazione. È, infatti, stato confermato il principio espresso con la sentenza della stessa Suprema Corte ...
Impugnazione di una multa » L'amministrazione non si costituisce in giudizio? La sanzione è prescritta!
Se l'ente pubblico non si costituisce in giudizio davanti al giudice di pace, qualora sia in corso un procedimento di impugnazione contro un verbale di multa, la prescrizione non si interrompe, e la sanzione non deve essere onorata anche in caso l'automobilista abbia torto. Buone nuove per l'automobilista che impugna ...
Rigetto del ricorso al verbale di accertamento per violazione del Codice della strada - Non tutto è perduto
Succede che ci venga comminata una sanzione amministrativa per infrazione al Codice della strada, che si impugni il verbale nei termini previsti innanzi al Giudice di Pace e che quest'ultimo rigetti il ricorso. Le domande. Può la Pubblica Amministrazione, a seguito del rigetto del ricorso, notificare una cartella esattoriale basata ...
Contenzioso per spese processuali liquidate dalle Commissioni Tributarie - E' competente il giudice tributario
Quando le somme pretese dalla Pubblica Amministrazione sono riconducibili a spese legali liquidate, con sentenza passata in giudicato, nell'ambito di precedente giudizio tributario, il relativo contenzioso deve essere ricondotto alla giurisdizione tributaria. Va, dunque, affermato il seguente principio di diritto: in base alla normativa vigente, secondo cui tutte le controversie ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post come recuperare crediti dalle pa con il giudizio di ottemperanza. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Come recuperare crediti dalle PA con il giudizio di ottemperanza Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 31 marzo 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 8 agosto 2017 Classificato nella categoria attività di recupero crediti Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca