Giudice di pace » Cause sotto i 1100 euro senza avvocato

Giudice di pace » Considerazioni sulle cause sotto i 1100 euro senza avvocato

Giudice di pace: come noto, c'è la possibilità di presentarsi in giudizio senza avvocati per cause con valore fino a 1.100 euro. Ma al consumatore/debitore conviene questa pratica? Cerchiamo di chiarirlo nel prosieguo dell'articolo.

Come noto, è di 1.100 euro il limite di valore entro il quale si può stare in giudizio senza l'assistenza legale di fronte al giudice di pace. La competenza dei giudice di pace, infatti, è stabilita dall'articolo 7 del Codice di procedura civile. In base a questa norma il giudice di pace è competente per le cause relative a beni mobili di valore non superiore a 5.000 euro, quando dalla legge non sono attribuite alla competenza di altro giudice.

Sono comprese per le cause di risarcimento del danno prodotto dalla circolazione di veicoli e di natanti, purché il valore della controversia non superi 20.000,00 euro.

Inoltre esiste in ogni caso la competenza per:

Cause dal giudice di pace sotto i 1100 euro senza avvocato: conviene?

Come accennato, grazie a due norme introdotte dal governo Monti è stato innalzato, da euro 516,46 a euro 1100,00, il valore della causa presso il giudice di pace, entro cui ci si può difendere senza l'ausilio dell'avvocato.

Negli aggiornamenti normativi, veniva inoltre previsto che nelle cause rientranti in detti limiti di valore (1100 euro), le spese, competenze ed onorari liquidati dal giudice non possono superare il valore della domanda.

Questo vuol dire che se il consumatore sceglie di rivolgersi ad un avvocato, in caso di vittoria, dovrà pagarlo da solo senza potersi avvalere del principio della soccombenza, che vuole che sia chi perde la causa a pagare tutte le spese. Comunque, se l'intento iniziale era quello di tutelare il consumatore-utente, bisogna dire che, purtroppo, non è stato raggiunto. Se si voleva, infatti, consentire al consumatore di avere giustizia a basso costo, bypassando l'avvocato, si è ottenuto sì il basso costo, ma non la giustizia.

Vediamo quali sono i motivi.

Innanzitutto, Parlamento e Governo, dovrebbero sapere che la difficoltà di una causa non è determinata dal valore della domanda, ma, anche, dalle questioni giuridiche coinvolte.

E l'analisi giuridica è essenziale quando si vuole far valere il principio di diritto, fondamento dello Stato di diritto.

Ad esempio, parlando in materia consumeristica, gli abusi sono spesso dati da violazioni di basso valore economico. In questi casi, il valore esiguo della controversia scoraggia il consumatore dal far valere il principio di diritto nelle aule di tribunale, mentre arricchisce imprese o pubblica amministrazioni che, appunto, compiono l'abuso.

Era così già in precedenza. Ma tutto è stato aggravato dall'introduzione, prima, della mediazione obbligatoria e poi definitivamente dalle norme sulle cause presso il giudice di pace. Le stesse, infatti, sarebbero state davvero favorevoli al consumatore se gli avessero dato la possibilità di scegliere se rivolgersi o no al professionista e non imponendoglielo di fatto eliminando la refusione delle spese legali. In questo modo semplicemente viene scoraggiata l'azione giudiziaria, perché anche in casi di vittoria l'utente deve prevedere di pagare da sé l'avvocato.

Inoltre, proprio in materia di contratti conclusi mediante moduli o formulari è escluso che le cause sotto i 1100 euro possano essere decise secondo equità, come regolarizzato dall'articolo 112 del codice di procedura civile. Pertanto, queste devono essere decise secondo diritto. In più, il fine deterrente della minaccia del giudizio si perde completamente, con buona pace di chi viola la legge. Ad ogni modo, norme come queste avvallano l'idea che la competenza dell'avvocato è praticamente sostituibile con una breve ricerca di sentenze in internet.

Se poi l'intento era quello di deflazionare il contenzioso, e quindi anche indirettamente tutelare i consumatori, sicuramente lo si è raggiunto, ma a scapito della domanda di giustizia, come per moltissime altre norme, e non a favore. Con ovvia lesione di diritti costituzionali.

19 aprile 2014 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Giudice di Pace (GdP) – istruzioni per l'uso
Il Giudice di Pace è l'organo giurisdizionale preposto a dirimere le controversie civili di piccola entità. Ha specifiche competenze soprattutto in materia civile e amministrativa, in misura minore anche penale. La competenza civile del Giudice di Pace è ampia, praticamente analoga a quella del Tribunale e regolata per valore. Quella ...
Multa per violazione del codice della strada – il ricorso al giudice di pace
E' sempre possibile, in alternativa al ricorso al Prefetto, il ricorso al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione al Codice della Strada. Il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla contestazione su strada o dalla notifica della multa, sempre che non sia stato effettuato ...
Le nuove competenze del Giudice di Pace
A seguito dell'approvazione definitiva da parte della Camera del disegno di legge recante delega al Governo per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace, ecco una sintesi delle principali novità. Sul fronte civile, al giudice di pace saranno attribuite le cause condominiali, i procedimenti ...
Giudice di Pace: quali sono le competenze per materia? » Il quadro normativo completo
Nell'articolo che segue, illustreremo al lettore quali sono le competenze del giudice di pace per materia: civile, sanzioni amministrative ed in ultimo, penale. Quali sono le materie di competenza del Giudice di Pace? Al Giudice di Pace è attribuita competenza in materia Civile, Penale e per le opposizioni a sanzioni ...
La multa ed il ricorso al prefetto e al giudice di pace
Nel linguaggio comune con il termine  "multa" o "contravvenzione" si intende la sanzione amministrativa pecuniaria camminata per un'infrazione al codice della strada. L'iter della multa inizia con l'accertamento dell'infrazione, cui segue l'emissione di un verbale di contestazione che può essere notificato contestualmente - se il conducente viene fermato - o ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su giudice di pace » cause sotto i 1100 euro senza avvocato. Clicca qui.

Stai leggendo Giudice di pace » Cause sotto i 1100 euro senza avvocato Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 19 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria consigli ed avvisi utili Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti