Le nuove disposizioni sulla giacenza della posta non recapitata

Indice dei contenuti dell'articolo


Giacenza della posta non recapitata » Le nuove disposizioni

Giacenza della posta non recapitata: per i primi dieci giorni non si pagherà più il deposito presso l’ufficio postale. Inoltre, nei periodi di ferie si raggiungerà un notevole risparmio per ogni pacco.

Di norma, la posta raccomandata non recapitata al destinatario viene depositata presso l’ufficio postale: questa prassi si chiama, appunto, giacenza.

Se, successivamente, non viene ritirata dal destinatario, per un mese, viene restituita al mittente ed al plico viene aggiunta la dicitura compiuta giacenza. Così, la missiva si considera consegnata e, quindi, conosciuta.

A scapito, giustamente, di chi non si interessa della corrispondenza.

Spese per la giacenza della posta non recapitata

Il destinatario che va a ritirare il pacco, o il plico, inviato tramite raccomandata presso l’ufficio postale, deve pagare un contributo per il deposito.

Fin ora, il contributo non era dovuto se il ritiro avveniva fino al quinto giorno di giacenza. Dopo il sesto giorno, invece, si pagavano i diritti pari 0,52 euro pro/die.

Ma dopo una delibera dell'Agcom (AGCOM), Poste Italiane, dallo scorso primo gennaio 2014, ha esteso la gratuità del deposito.

Delibera dell'Agcom sulla giacenza della posta non recapitata

Gli invii postali non recapitati rimangono in giacenza gratuitamente presso l'ufficio postale o il centro di distribuzione per il tempo di seguito specificato, a decorrere dal giorno indicato sull'avviso di giacenza:

  • invii semplici: dieci giorni;
  • invii a firma: sette giorni per i pacchi e trenta giorni per gli altri invii, ad eccezione dei pacchi provenienti dall'estero, per i quali i termini di giacenza sono stabiliti dalle disposizioni dell'Unione Postale Universale e degli atti giudiziari, i cui termini di giacenza sono stabiliti dalle disposizioni vigenti in materia.

l vantaggio è notevole, specie nei casi in cui la consegna di raccomandate avvenga nei periodi estivi.

Se dopo un mese di ferie il destinatario poteva essere costretto a pagare addirittura 10,40 euro a plico, oggi invece ne pagherà appena la metà.

Oltre a raddoppiare i termini per la giacenza gratuita, con lo stesso provvedimento l’Agcom ha approvato altre condizioni a tutela dell'utenza.

Sono stati ampliati gli obblighi informativi sulle modalità di erogazione dei servizi di Poste Italiane ed è stato imposto il rispetto dei principi di trasparenza e non discriminazione nell'applicazione dei prezzi.

Inoltre, è stata prevista una procedura per garantire il recapito di invii affidati ad altri operatori e ritrovati nella rete di Poste Italiane.

7 Febbraio 2014 · Giovanni Napoletano


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Atti trasmessi via posta - Compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario
Com'è noto, nella notifica diretta effettuata tramite servizio postale, qualora il destinatario risulti temporaneamente assente, il postino lascia un avviso di giacenza dell'atto presso l'ufficio postale (a tale proposito, leggasi questo topic). In tale circostanza, è da confutare, a nostro parere, l'affermazione secondo la quale alcune Pubbliche Amministrazioni ritengono che qualora la giacenza superi i 10 giorni successivi al tentativo di consegna dell'atto non andato a buon fine, la notifica per il destinatario debba intendersi perfezionata il giorno in cui il postino ha lasciato l'avviso nella buchetta delle lettere (o sull'uscio di casa). Noi ci atteniamo, fino a prova contraria, ...

La posta non ti viene recapitata? » E' reato
Da sempre, ma negli ultimi tempi in particolare, Poste Italiane ha di fatto, attraverso costanti tagli alle risorse umane riferite ai portalettere, tranciato il servizio di recapito della posta. Per chi non lo sapesse, nel Centro smistamento posta di Fiumicino, che si occupa della posta da smistare nella Capitale, giacciono 5 tonnellate di posta. Cinque tonnellate di posta fra cui notifiche giudiziarie di vario tipo, bollette, notifiche di Equitalia. C’è poi un altro monticchio di posta: 140.000 Raccomandate. Che i destinatari con molta probabilità non riceveranno mai. Ciò è frutto della nuova strategia aziendale di Poste Italiane che ha deciso ...

Conto corrente postale » Le nuove disposizioni dopo l'istruttoria dell'Antitrust
Conto corrente postale (BancoPosta): con la conclusione dell'indagine dell'Antitrust (Agcm), Poste Italiane ha deciso di adottare nuove regole a favore dei propri correntisti, per consentire tempi più rapidi e costi minori. Tra le nuove disposizioni è previsto il rispetto di tempo massimo di chiusura del conto corrente in 15 giorni. Ma vediamo i provvedimenti più nel dettaglio. Innanzitutto, come accennato, l'impegno è di chiudere la pratica entro 15 giorni, a partire da quando il correntista avrà consegnato tutta la documentazione richiesta. Nel caso via sia collegato un deposito titoli con fondi di Sicav estere Poste Italiane non potrà essere ritenuta ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le nuove disposizioni sulla giacenza della posta non recapitata. Clicca qui.

Stai leggendo Le nuove disposizioni sulla giacenza della posta non recapitata Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 7 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - servizi postali Inserito nella sezione tutela consumatori