La fase di apprendistato nel programma garanzia giovani

L'Apprendistato è un contratto di lavoro assimilabile a un contratto a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione, all'occupazione e al primo inserimento lavorativo: l'azienda è obbligata a trasmettere le competenze pratiche e le conoscenze tecnico-professionali attraverso un'attività formativa che va ad aggiungersi alle competenze acquisite in ambito scolastico/universitario/di ricerca.

Si può usufruire di questa misura se si rientra nella fascia d'età 15-29 anni.

Esistono tre tipi di Apprendistato:

  • Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale
  • Apprendistato professionalizzante o Contratto di mestiere
  • Apprendistato per l'Alta formazione e la Ricerca

La durata minima del periodo di formazione in Apprendistato è di 6 mesi. Il proprio livello di inquadramento contrattuale non potrà essere inferiore di due livelli rispetto a quello del lavoratore che svolge la stessa mansione.

Al termine del periodo di Apprendistato, l'impresa stabilirà se proseguire il rapporto di lavoro oppure recedere, fornendo il preavviso secondo i termini stabiliti dal contratto collettivo.

L'apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale permette di acquisire una qualifica professionale triennale - valida anche ai fini dell'assolvimento dell'obbligo di istruzione - o un diploma professionale.

Per seguire questo percorso formativo bisogna avere tra i 15 ed i 25 anni. La durata del contratto dipende dalla qualifica o dal diploma da conseguire, ma non può comunque superare i 3 anni (4 nel caso di diploma quadriennale regionale).

La convenienza per l'azienda sta nell'abbassamento del costo del lavoro. L'interessato percepirà un'indennità di partecipazione di circa 2.000 euro se è minorenne e 3.000 se è maggiorenne (su base annua), che può variare in alcune Regioni.

La formazione può essere erogata all'interno dell'impresa, presso Organismi di formazione accreditati alla formazione in ambito regionale o Istituti professionali di Stato.​

L'apprendistato professionalizzante, o contratto di mestiere, se si ha tra i 18 ed i 29 anni, permette di imparare un mestiere attraverso la formazione sul lavoro. Allo stesso tempo consente di conseguire una qualifica professionale. Se già la si possiede, il contratto può essere stipulato anche a partire dal 17° anno di età.

La durata del contratto non deve essere superiore ai 3 anni (5 per gli artigiani). Anche in questo caso è previsto un incentivo per l'azienda. All'interessato, invece, viene corrisposto un vero e proprio stipendio (non corrisposto nell'ambito della Garanzia Giovani).

Infine, l'apprendistato per l'alta formazione e la ricerca, se si ha tra i 18 (17 se si è in possesso di diploma di qualifica professionale) e i 29 anni, permette, grazie alla collaborazione tra imprese, istituzioni scolastiche ed Università, di lavorare e al contempo:

  • conseguire un diploma di istruzione secondaria superiore, una laurea, un master o un dottorato di ricerca
  • svolgere attività di ricerca e di praticantato per l'accesso alle professioni che hanno un ordine professionale o per esperienze professionali
  • acquisire il Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore

La durata del contratto è variabile, sulla base del titolo di studio da conseguire.

Sono previsti incentivi alle aziende per le assunzioni e contributi per la formazione.

È inoltre possibile attivare un contratto di Apprendistato di Ricerca non finalizzato al conseguimento di un titolo di studio.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca