Fra cessione volontaria e pignoramento forzato, i 3/5 dello stipendio possono andare in fumo

Consulenze da parte di un esperto non siamo in grado di fornirle, Francesco. Si deve accontentare delle mie affermazioni che hanno un grado di attendibilità del 50%. In pratica un post è attendibile, nell'altro scrivo solo fesserie.

Ciò premesso le dico che, oltre alla cessione del quinto, che è opzione volontaria, il suo stipendio netto potrà essere sottoposto ad un prelievo forzoso del 20%, finalizzato a soddisfare i crediti di natura finanziaria da lei ottenuti e non rimborsati.

Un altro quinto (sempre dello stipendio al netto delle ritenute di legge e non della cessione o di eventuali pignoramenti) potrà essere pignorato solo se lei contraesse altri debiti di natura fiscale e/o contributiva (INPS, Agenzia Entrate, ICI, TARSU ecc…).

La situazione si potrebbe complicare se, dopo che sua moglie “ha buttatto via tutto con attività che purtroppo è andata in rovina” con “circa 50.000 € di debiti con diverse finanziarie e carte revolving” lei decidesse di darle il benservito. Si tratta di una eventualità che le consiglio di scartare. Potrebbe trovarsi a dover corrispondere anche l'assegno alimentare e su questo i giudici non sentono ragioni.

Per sintetizzate, alla fine, il suo stipendio - al netto di IRPEF e contributi - potrà essere oggetto del prelievo di:

a) 1/5 per la cessione volontaria già in corso;

b) 1/5 - misura massima- per tutti i debiti di natura finanziaria (mutui, prestiti, carte revolving)

c) 1/5 - misura massima - per tutti i debiti di natura erariale e/o contributiva;

d) assegno alimentare al coniuge in caso di separazione legale.

Adesso le resta solo da capire se questo è il post buono o quello fasullo …

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fra cessione volontaria e pignoramento forzato, i 3/5 dello stipendio possono andare in fumo. Clicca qui.

Stai leggendo Fra cessione volontaria e pignoramento forzato, i 3/5 dello stipendio possono andare in fumo Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca