Il deposito cauzionale nel contratto di fornitura dell'acqua

Di cosa si tratta quando si parla del deposito cauzionale nel contratto di fornitura dell’acqua.

Si tratta di una somma che l’utente versa a garanzia di eventuali morosità, produttiva di interessi legali, che viene restituita al momento in cui il contratto cessa oppure quando viene attivato un sistema di pagamento “sicuro” come la domiciliazione bancaria o postale (rid) o su carta di credito.

Dal 2014 ci sono regole uniformi comuni in tutta Italia per questo addebito.

Il deposito non deve infatti superare i corrispettivi dovuti per un massimo di tre mensilità di consumo medio annuo OPPURE un valore medio per tipo di utenza calcolato con lo stesso criterio.

Per le utenze condominiali il limite fissato è il 60% della sommatoria di tutti i condomini singoli.

Come si vede non è possibile quantificare il deposito cauzionale in maniera fissa, anzi esso può cambiare a seconda del momento in cui viene applicato.

Una volta addebitato poi può subire adeguamenti o essere aggiornato su disposizione dell’Autorità garante.

L’addebito avviene per metà all’atto dell’attivazione del contratto e per l’altra metà in due tranche nelle due bollette successive.

Il deposito viene rimborsato se e quando il cliente passa al pagamento con domiciliazione bancaria o postale o su carta di credito oppure se il contratto viene chiuso o volturato (entro 45 giorni).

Da notare bene che all’utente moroso non può essere sospesa la fornitura se il suo debito non supera il valore del deposito cauzionale versato.

In questo caso il gestore idrico può però trattenere il deposito versato come rimborso e addebitarlo nuovamente nella bolletta successiva.

Quando l’Autorità garante avrà deliberato le nuove regole sulla morosità il concetto sarà rimarcato, e sarà stabilito che il gestore possa agire (con distacco della fornitura e azioni successive) solo per la parte di debito eccedente il deposito cauzionale.

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il deposito cauzionale nel contratto di fornitura dell'acqua. Clicca qui.

Stai leggendo Il deposito cauzionale nel contratto di fornitura dell'acqua Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 13 Dicembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 12 Luglio 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - acqua luce e gas Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso rapido anonimo (test antispam)