Le obbligazioni contratte per potenziare le capacità imprenditoriali del debitore sono riconducibili al soddisfacimento dei bisogni familiari

In questi termini si è espressa la terza sezione civile della Corte di Cassazione, con la sentenza numero 4011, pubblicata il 19 febbraio 2013.

Secondo gli ermellini, il debito contratto dal debitore nei confronti della banca, finalizzato ad ampliare le proprie capacità imprenditoriali, può intendersi assunto anche nell'interesse della famiglia.

In caso di inadempimento dell'obbligazione, quindi, per evitare l'esecuzione del creditore sui beni confluiti nel fondo patrimoniale, il debitore deve provare:

  1. la regolare costituzione del fondo patrimoniale;
  2. la sua opponibilità nei confronti del creditore pignorante;
  3. la natura esclusivamente voluttaria o speculativa degli scopi per cui fu contratto il debito.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca