Notaio dimentica di annotare l'atto di costituzione del fondo patrimoniale » E' responsabile dei danni

Il notaio che dimentica di effettuare l'annotazione dell'atto di costituzione del fondo patrimoniale, è responsabile dei danni cagionati.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 21725/2013, ha sancito che: La costituzione del fondo patrimoniale è opponibile ai terzi solo in quanto sia stata annotata a margine dell'atto di matrimonio, in quanto la trascrizione imposta per gli immobili dall'articolo 2647 del codice civile risponde ad una funzione di pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe o equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acquisito altrimenti del vincolo di indisponibilità. Incorrono pertanto in responsabilità a diverso titolo, il notaio rogante ex articolo 1218 del codice civile, l'Ufficiale di Stato Civile ex articolo 2043 del codice civile, ed il Comune ex articolo 2049 del codice civile, che non abbiano reso tempestivamente opponibile la costituzione del fondo patrimoniale esponendo i beni in esso confluiti alle manovre creditorie di terzi.

A parere dei supremi Giudici, quindi, il notaio rogante è incorso in responsabilità contrattuale nel momento in cui ha effettuato l'annotazione dell'atto di costituzione del fondo patrimoniale oltre i termini previsti dalla legge.

Questo errore non è dipeso da causa a lui non imputabile.

Infatti, conclude piazza Cavour, il notaio è tenuto ad espletare il suo incarico con la diligenza media di un professionista sufficientemente preparato ed avveduto. Pertanto, non richiedendo tempestivamente l'annotazione dell'atto rogato, si rende responsabile verso il proprio cliente per non avergli fatto conseguire il risultato voluto con la stipula dell'atto pubblico.

2 ottobre 2013 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il fondo patrimoniale è opponibile a terzi solo se la sua costituzione è annotata a margine dell'atto di matrimonio
Anche il fondo patrimoniale è una convenzione matrimoniale e l'opponibilità ai terzi è condizionata all'annotazione del relativo contratto a margine dell'atto di matrimonio. La trascrizione del vincolo per gli immobili, resta degradata a mera pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette ...
Fondo patrimoniale » Non sempre può essere opposto ad Equitalia
Quali sono i casi in cui un fondo patrimoniale può essere opposto ad Equitalia in occasione di un'iscrizione ipotecaria o di un pignoramento d'immobile? La costituzione del fondo patrimoniale prevista dall'articolo 167 del codice civile, così come stabilito dall'articolo 162 del codice civile per tutte le convenzioni matrimoniali, è opponibile ...
Costituzione di un fondo patrimoniale » La banca può esercitare azione revocatoria verso il fideiussore anche se non è ancora maturato un debito certo
L'istituto di credito può esercitare azione revocatoria ed annullare la costituzione del fondo patrimoniale da parte del fideiussore di società. Inutile la costituzione del fondo patrimoniale da parte del fideiussore: l'istituto di credito può esercitare l'azione revocatoria contro il fondo e aggredire gli immobili che vi sono stati inseriti, poiché ...
Fallimento e fondo patrimoniale
La costituzione di un bene in fondo patrimoniale non comporta il trasferimento della proprietà o del possesso del bene a terzi, ma soltanto l'assoggettamento del bene a un vincolo di destinazione (articolo 167, primo comma, codice civile). Se la proprietà e il possesso dell'immobile risultano in capo ad un soggetto ...
Fondo patrimoniale - revocatoria per debiti antecedenti alla data di costituzione
La banca può ottenere la revocatoria del fondo patrimoniale del debitore se il credito si è formato in epoca antecedente alla data della sua costituzione Così ha deciso la Corte di Appello di Roma, con sentenza numero 3318 del 12 giugno 2012, sancendo il diritto della banca creditrice a vedere ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su notaio dimentica di annotare l'atto di costituzione del fondo patrimoniale » e' responsabile dei danni. Clicca qui.

Stai leggendo Notaio dimentica di annotare l'atto di costituzione del fondo patrimoniale » E' responsabile dei danni Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 2 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di fondo patrimoniale e trust Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca