Il fondo patrimoniale - limiti alla disponibilità ed all'esecuzione forzata dei beni e dei frutti del fondo

Il fondo patrimoniale, previsto negli articoli da 167 a 171 del Codice civile, è un complesso di beni (immobili, mobili registrati o titoli di credito) costituito al fine di soddisfare i bisogni della famiglia.

La sua funzione principale è, quindi, quella di soddisfare i bisogni della famiglia (ossia quelli relativi ai diritti di mantenimento, assistenza e contribuzione).

Esso può essere costituito dai coniugi, durante il matrimonio, oppure può essere costituito da un terzo.

L'atto di costituzione del fondo deve rivestire la forma dell'atto pubblico.

In qualsiasi momento è possibile comprendere altri beni nel fondo patrimoniale già costituito, con un nuovo atto notarile.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il fondo patrimoniale - limiti alla disponibilità ed all'esecuzione forzata dei beni e dei frutti del fondo. Clicca qui.

Stai leggendo Il fondo patrimoniale - limiti alla disponibilità ed all'esecuzione forzata dei beni e dei frutti del fondo Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 30 agosto 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Social Network 4 febbraio 2012 at 04:13

    Ottimo Articolo…

    Il tuo articolo mi è stato d’aiuto,grazie…

  • giuseppe di fede 15 settembre 2011 at 16:35

    Salve,vorrei sapere dalla costituzione di un fondo patrimoniale quanto tempo deve passare per renderlo inattaccabile da parte delle banche in presenza di fidjussioni,io sono amministratore unico di una srl ma visto il perpetuare della crisi in atto vorrei correre ai ripari prima che sia troppo tardi,non per disonestà ma per il semplice fatto che i due immobili a me intestati di cui quello principale gravato da un mutuo di 20 anni e pagati solo 7.5 anni abitato da me,mia moglie e le mie tre figlie di cui una sola è maggiorenne,e l’altra ci vivono i miei genitori anziani è il frutto di più di 30 anni di onesto e serio lavoro,infatti i creditori sono diventati le banche anche se ad oggi non c’è nessuna sofferenza se non quella psicologica…..la mia domanda è come posso preservare gli immobili in caso di necessità non avendo altre fonti di guadagno oltre la mia attività,se ci sono suggerimenti vi sono infinitamente grato…
    Distinti Saluti

Altre info