Fondo INPDAP, adesione espressa entro maggio 2008


Cambiano le modalità di iscrizione alla Gestione credito e attività sociali, il fondo al quale dipendenti e pensionati pubblici possono aderire per accedere alle prestazioni dell’area credito e attività sociali dell´Inpdap.

Fra le novità introdotte dalla legge numero 222/2007, all’articolo 3, la necessità di esprimere espressamente e per iscritto il proprio consenso per l’adesione alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali Inpdap.

Stop dunque al criterio fino ad ora invalso del silenzio assenso. L´iscrizione, con conseguente diritto alle prestazioni e la contestuale ritenuta, decorrono a partire dal sesto mese successivo alla data di entrata in vigore della legge e quindi dal 1° giugno 2008.

Le adesioni possono esser presentate entro il 31 maggio 2008.

I pensionati Inpdap che non aderiscono continueranno ad avere accesso ai benefici di tipo sociale come ad esempio le Case Albergo e i Soggiorni senior.

Diversi i moduli da utilizzare a secondo che si sia pensionati Inpdap, dipendenti di enti e amministrazioni non iscritti all´Inpdap o pensionati di enti o amministrazioni non iscritte all´Inpdap.

I dipendenti pubblici in servizio iscritti all´Inpdap ai fini pensionistici, invece, sono iscritti di diritto.

Tra le prestazioni creditizie cui si può accedere vi sono piccoli prestiti rimborsabili in 12, 24, 36 o 48 mesi, prestiti pluriennali con cessione del quinto erogati direttamente o garantiti dall´Inpdap e mutui ipotecari edilizi per la prima casa a 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Tra i benefici sociali, alcune prestazioni sono dedicate ai giovani: convitti e vacanze studio in Italia e all´estero, borse di studio, master e dottorati di ricerca; altre sono studiate per i pensionati.

L’iscrizione per i lavoratori in servizio destinatari del decreto ministeriale 45/2007 comporta un contributo pari allo 0,35% dello stipendio lordo.

I pensionati invece verseranno una contribuzione pari allo 0,15% della pensione lorda.

13 Dicembre 2007 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Fondo INPDAP, adesione espressa entro maggio 2008 Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 13 Dicembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • tony 4 Luglio 2009 at 23:06

    sono daccordo con la signora io non ne sapevo niente dato che hò una cessione in corso rinnovata 26 mesi fà pensavo di essere inscritto a questo benedetto fondoòadesso che hò bisogno di un piccolo prestito,quanto devo aspettare.dato che le banche non mi danno una lira x hò avuto problemi in passato.speriamo che chi non hà aderito x negligenza o per sbadataggine lo possa fare ,che diano anche possibilità di ripensamento.

  • c0cc0bill 13 Dicembre 2007 at 20:57

    E meno male. Si sono forse resi conto della porcata che stavano facendo. Il silenzio assenso per questo tipo di prestazioni è un vero furto. I termini di legge fissati dai compagni di merende dell’INPDAP, che siedono in Parlamento, erano stati fissati al 30 novembre e la cosa era filtrata solo a metà ottobre. Molti non avrebbero mai saputo dell’esistenza del Fondo e del meccanismo del silenzio assenso. E quindi sarebbero stati assoggettati, praticamente, ad una tassa iniqua. Per prestazioni (cure termali, presti personali a interesse quasi nullo, master e viaggi di studio per i rampolli dell’establishment) di cui non avrebbero mai goduto. Una tassa che sarebbe servita a consentire l’accesso al Fondo INPDAP ai soliti noti, ai clienti dei notabili, ai parenti dei potenti, agli appartenenti della CASTA. Un furto sventato. Ma per un colpo gobbo che non riesce, purtroppo, altri mille vanno a segno.

    • elsa silvestro 22 Giugno 2009 at 16:26

      E’ stata commessa una nuova grave ingiustizia:
      il così detto sindacato, che tanto si interessa dei lavoratori e pensionati, ci ha regalato la non possibilità di accedere a fondi e prestiti,pochè le iscrizioni volontarie ,scadute il 31 maggio 2008,non sono state pubblicizzate affatto.Risultato:solo i soliti furbi ne sono venuti a conoscenze,pertanto chi vorrebbe ora accedere ad es a qualche forma di prestito non può perchè non è iscritto al famoso fondo Grazie del bel servizio Si potrebbe interessare di far riaprire i termini di iscrizione e di dare pubblicità Grazie a chi ha la cortesia di rispondare.