Fondo di garanzia INPS per il TFR - Decadenza per l'azione giudiziale

Per le controversie in materia di prestazioni del Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto, in mancanza di un provvedimento esplicito sulla domanda dell’assicurato, l’azione giudiziaria può essere proposta, a pena di decadenza, entro il termine di un anno e trecento giorni dalla data di presentazione della richiesta di prestazione.

Infatti, la normativa vigente (articolo 4 decreto legge 438/92) prevede, per le controversie in materia di prestazioni del Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto che l’azione giudiziaria possa essere proposta, a pena di decadenza, entro il termine di un anno dalla data dalla data di comunicazione della decisione sull’istanza presentata dal lavoratore pronunziata dai competenti organi dell’istituto o dalla data di scadenza del termine stabilito per la pronunzia della predetta decisione, ovvero dalla data di scadenza di termini prescritti per l’esaurimento del procedimento amministrativo.

Quando non c’è un provvedimento esplicito sulla domanda dell’assicurato, vanno considerati due ulteriori termini presuntivi: il primo di centoventi giorni dalla data di presentazione della richiesta di prestazione (formazione del silenzio rifiuto sulla richiesta agli istituti previdenziali e assistenziali) e di centottanta giorni (contenzioso in materia di prestazioni INPS).

Queste le indicazioni, in tema di decadenza per la richiesta di prestazione del Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto gestito dall’INPS, che i giudici della Corte di cassazione hanno inteso fornire nell’ambito della sentenza 24730/15.

8 Gennaio 2016 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero TFR - Ecco come ottenerlo tramite il Fondo di Garanzia INPS quando l'azienda presso cui lavori presenta domanda di concordato preventivo
E' possibile recuperare il TFR (trattamento di fine rapporto) tramite il fondo di garanzia dell'INPS nel caso in cui la vostra azienda abbia presentato domanda di concordato preventivo. Quando l'azienda presso cui lavorate manifesta dei segnali di rischio potenziale come pagamenti insoluti, è bene cominciare a drizzare le antenne. Dunque, se il vostro datore di lavoro ha presentato domanda di concordato preventivo, per evitare il fallimento, come fare per recuperare il TFR? Innanzitutto, chiariamo che il concordato preventivo è uno strumento di soluzione della crisi d'impresa che si attua attraverso un accordo di natura negoziale tra l'impresa debitrice e i ...

Il TFR del lavoratore ammesso al passivo fallimentare deve essere erogato dal fondo di garanzia INPS
L'INPS non può negare l'esistenza del diritto al TFR e alle ultime tre mensilità se si tratta di crediti ammessi al passivo in sede di procedura concorsuale. Ciò perchè l'INPS subentra ex lege nel debito del datore di lavoro insolvente, previo accertamento del credito del lavoratore e dei relativi accessori mediante insinuazione nello stato passivo divenuto definitivo e nella misura in cui esso risulta in quella sede accertato. In altre parole, una volta che i crediti vantati dai lavoratori siano stati, a torto o a ragione, definitivamente ammessi al passivo della società sottoposta a procedura concorsuale, l'INPS non può contestare ...

E' decennale e non biennale la prescrizione dell'azione di rivalsa che può essere esercitata dal fondo di garanzia per le vittime della strada
Il Fondo di garanzia per le vittime della strada (FGVS), costituito presso la CONSAP, risarcisce i danni causati dalla circolazione dei veicoli nei casi in cui il sinistro sia stato cagionato da un veicolo non identificato, che non risulti coperto da assicurazione, oppure assicurato presso una impresa che al momento del sinistro si trova in stato di liquidazione coatta. Il Fondo di garanzia per le vittime della strada risarcisce anche i danni causati dal veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell'usufruttuario, dell'acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria. L'impresa designata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fondo di garanzia inps per il tfr - decadenza per l'azione giudiziale. Clicca qui.

Stai leggendo Fondo di garanzia INPS per il TFR - Decadenza per l'azione giudiziale Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 8 Gennaio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria prescrizione contributi previdenziali ed assistenziali - indebiti pensionistici INPS - fondo di garanzia crediti lavoro Inserito nella sezione prescrizione dei debiti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 30 Gennaio 2019 at 12:10

    Ho inoltrato – autonomamente dal sito INPS – richiesta di accesso al fondo di garanzia per il TFR e CL a seguito di fallimento della ditta per la quale lavoravo e l’inps a definito le domande pochi giorni or sono; la domanda CL è stata accolta mentre la domanda TFR è stata respinta con la motivazione TFR é tutto di competenza del Fondo di Previdenza complementare.

    Siccome ho intenzione di inoltrare ricorso volevo chiedere secondo voi quali argomentazioni posso esporre contro una decisione del tipo sopra esposta.

    • Simone di Saintjust 30 Gennaio 2019 at 12:41

      Credo sia inutile ricorrere se lei ha liberamente sottoscritto l’opzione di non lasciare la gestione del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) all’azienda e di destinare la liquidazione accumulata (anno per anno), ad un fondo per la pensione complementare. Peraltro, ex post, la sua è stata una scelta ottimale, considerando che l’aziende è poi fallita.

      In pratica, il suo TFR è stato, anno per anno, acquisito dalla società che gestisce il fondo pensione complementare, per cui non può chiederne la restituzione al curatore fallimentare dell’azienda fallita, nè tanto meno, al Fondo di garanzia INPS per il TFR e i Crediti di Lavoro.