Fideiussione omnibus per società immobiliari di un garante

Sono garante con una fideiussione omnibus per alcune società immobiliari

Sono garante con fideiussione omnibus di alcune società immobiliari con forma giuridica Srl. Sono unico proprietario della mia abitazione in cui vivo con mia moglie (in separazione dei beni) e i miei 2 bambini.

Le società immobiliari hanno degli affidamenti ipotecari su terreni lottizzati residenziali, e questi terreni hanno un valore periziato dalle banche più elevato degli stessi affidamenti concessi; le banche oltre all'ipoteca hanno anche le firme di garanzia personale - fideiussione - dei soci. Visto il momento di crisi volevo tutelare la mia casa da possibili attacchi delle banche avendo la mia firma di garanzia per la fideiussione e volevo chiedervi se c'è un modo sicuro per farlo, evitanto l'azione; o con donazione alla moglie o con una patrimoniale.

Se faccio il fondo patrimoniale sò che ci sono 5 anni di revocatoria da attendere prima che sia definitivo e che nessuno possa toccarlo, la stessa cosa vale anche per la donazione? oppure se dono a mia moglie le banche il giorno dopo non possono toccare la casa? In quanto avevo sentito che le donazioni a parenti stretti possono essere lo stesso attaccate dalle banche.

In definitiva vi chiedo cortesemente qual è la soluzione migliore per tutelare la mia casa.

Il modo migliore per proteggere i propri beni dalle conseguenze che possono derivare da una fideiussion omnibus, è quello di non prestare questo tipo di garanzia

Il modo migliore per proteggere i propri beni dalle conseguenze che possono derivare da una fideiussione, specie se omnibus, è quello di non prestare questo tipo di garanzia.

"Fideiussione - ecco c'è un guaio" dice una massima di Talete di Mileto, uno dei sette saggi dell'antica Grecia. I rischi delle garanzie concesse senza pensarci su quando servono soldi, per poi cercare rimedi senza pagare pegno, quando si è chiamati a risponderne, è materia nota da secoli.

Le donazioni, il fondo patrimoniale ed il trust sono spesso rimedi peggiori del male, quando effettuati solo dopo aver prestato garanzia.

Il creditore concede il finanziamento sulla base dei beni che il garante possiede al momento in cui il debitore garantito chiede i quattrini. Si può pretendere poi di far scomparire il patrimonio nel momento in cui, inevitabilmente, si verifica il "disguido"?

"Kà nisciuno è fesso!" direbbe un mio caro amico napoletano. Ed ecco proliferare maghi e sedicenti professionisti delle donazioni, dei fondi patrimoniali e dei trust capaci, in un sol colpo di carta bollata, di far scomparire i beni del garante, su cui la garanza era fondata. Per poi amaramente accorgersi che forse conveniva di più pagare il debito, cosa che si è comunque costretti a fare, ma solo dopo aver sborsato anche spese legali e laute parcelle per sotterfugi inutili, che durano solo fino a quando non si instaura un contenzioso.

Una volta per tutte, sia chiara la funzione del fondo patrimoniale e del trust. Nel mare periglioso delle attività economiche, un imprenditore può voler preservare a sé stesso e/o ai propri familiari quanto necessario per sopravvivere o per continuare a vivere come si è abituati, se le cose si mettessero male.

L'alea matrigna è sempre in agguato, quando non ci si mettono in mezzo ingordigia e la disinvoltura megalomane di chi vuol fare il passo più lungo della gamba.

Ecco, allora, che si costituisce un fondo patrimoniale o un trust, in cui si includono i beni di proprietà non gravati da ipoteche o garanzie. Da quel momento in poi ci si può presentare in banca e chiedere quanti soldi si vuole o prestare tutte le fideiussioni omnibus che si crede.

Basta far riportare, in evidenza, nel contratto sottostante - e questa è precauzione che dovrebbe essere chiesta a cura ed interesse del fideiussore o del debitore - che chi sottoscrive ha costituito un fondo patrimoniale, stipulato nella forma di atto pubblico, con la presenza di due testimoni ed annotato a margine dell'atto di matrimonio.

Solo così si possono dormire sonni tranquilli, sempre che il potenziale creditore, dopo aver appreso della costituzione del fondo patrimoniale, abbia concesso egualmente il prestito o accettato la garanzia. Cosa affatto non scontata ...

In realtà, per proteggere i beni sui quali si preannunciano, prima o poi, le azioni esecutive del creditore, bisogna versare lacrime e sangue. Non è possibile non pagare pegno: saremmo, altrimenti, tutti debitori milionari e felici e, lo sappiamo, la cosa non è tecnicamente possibile.

22 ottobre 2012 · Paolo Rastelli


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fondo patrimoniale e fideiussione prestata a favore di uno dei coniugi
In giurisprudenza è consolidato il principio secondo cui, con riguardo alla posizione del fideiussore, l'acquisto della qualità del debitore nei confronti del creditore risale al momento della nascita stessa del credito, e non anche a quello della scadenza dell'obbligazione del debitore principale. Ne deriva che è a tale momento che ...
Contratto autonomo di garanzia e fideiussione - Differenze
In cosa si distingue un contratto autonomo di garanzia dalla fideiussione? Il carattere distintivo del contratto autonomo di garanzia è costituito dall'assenza dell'elemento dell'accessorietà; nel contratto autonomo di garanzia il garante non ha facoltà di opporre al creditore le eccezioni spettanti al debitore principale, in deroga alla regola essenziale posta ...
Garanzie – differenze fra fideiussione bancaria e fideiussione assicurativa
Salve, volevo chiedervi alcuni chiarimenti in merito alla fideiussione.  In particolare, quali sono le differenze tra la fideiussione bancaria e la fideiussione assicurativa, in termini di garanzie per colui che ne richiede l'escussione in caso di mancato pagamento di canoni di locazione immobiliare? Nell'attesa di una cortese risposta vi porgo ...
Recesso dalla fideiussione - Illegittima la clausola che estende la garanzia alle obbligazioni future del debitore principale
Dopo il recesso dall'impegno fideiussorio, il residuo obbligo di garanzia è limitato, entro l'importo massimo della fideiussione a suo tempo convenuto, alle sole obbligazioni già esistenti, con esclusione di quelle non ancora sorte a tale data. Pertanto, l'estensione della garanzia alle obbligazioni del debitore principale non ancora sorte al momento ...
La fideiussione bancaria attiva e passiva
La fideiussione, così come regolata dal codice civile, è una forma di garanzia accessoria alla obbligazione e quindi il fideiussore può opporre contro il creditore tutte le eccezioni che spettano al debitore principale (articolo 1945 del codice civile). La fideiussione così come regolata dal codice civile può avere anche le ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fideiussione omnibus per società immobiliari di un garante. Clicca qui.

Stai leggendo Fideiussione omnibus per società immobiliari di un garante Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 22 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 21 aprile 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande