Nessuna eccezione può essere opposta al creditore da chi sottoscrive un contratto autonomo di garanzia

Come abbiamo avuto modo di vedere, il contratto autonomo di garanzia e quello di fideiussione si differenziano radicalmente quanto alle eccezioni che il garante può opporre al creditore. Nel contratto autonomo di garanzia il garante, essendo il rapporto con il il creditore beneficiario completamente autonomo, non può opporre al creditore la nullità di un patto relativo al rapporto fondamentale, salvo che dipenda da contrarietà a norme imperative oppure che, attraverso il medesimo contratto autonomo, si intenda assicurare il risultato vietato dall'ordinamento.

L'exceptio doli è la possibilità accordata dall'ordinamento, di opporsi ad un'altrui pretesa o eccezione che, sebbene in astratto fondata, è in concreto espressione dell'esercizio doloso o scorretto di un diritto, finalizzato alla realizzazione di interessi ritenuti non meritevoli di tutela da parte dell'ordinamento stesso.

L'exceptio doli è sempre ammessa e può essere opposta dal garante anche in un contratto autonomo di garanzia. Secondo la prevalente giurisprudenza, infatti, in presenza di un contratto autonomo di garanzia a prima richiesta, l'exceptio doli che può giustificare il mancato pagamento del garante in favore del garantito deve riguardare la collusione di quest’ultimo nell'escussione abusiva o fraudolenta della garanzia da parte del beneficiario.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca