Fermo amministrativo » A quale giudice presentare il ricorso?

Fermo amministrativo: sia l'iscrizione che il preavviso, nell'ipotesi di un ricorso, sono impugnabili di fronte alla Commissione Tributaria solo se il credito ha natura tributaria.

Grazie alle modifiche apportate dal decreto del fare il fermo amministrativo, iscritto da Equitalia sull'autovettura di un contribuente moroso verso lo Stato, può essere impugnato più facilmente, soprattutto quando il veicolo sottoposto all'esecuzione forzata serve all'attività professionale o aziendale del debitore.

Ma qual è il giudice competente per l'impugnazione?

La risposta, già chiarita in precedenza da una pronuncia della Corte di Cassazione, è stata ribadita dalla Commissione Tributaria Regionale (CTR) di Firenze.

A parere, infatti, sia degli Ermellini che dei giudici di merito, si possono intraprendere due diverse vie per l'impugnazione del fermo amministrativo e del preavviso di fermo.

In tutti e due i casi, infatti, va verificato, per cominciare, il tipo di tributo e/o sanzione causa dell'esecuzione forzata.

Così, in base ad esso, va distinto quando:

  1. il credito ha natura tributaria, ovvero si tratta di una imposta non pagata o delle sanzioni derivanti da una imposta non pagata;
  2. il credito proviene da contributi previdenziali, multe ecc

Nel primo caso la competenza è del giudice tributario, ossia delle Commissioni Tributarie Provinciali.

Nel secondo, invece, la competenza è del giudice ordinario: in particolare la sezione lavoro del tribunale per i debiti contributivi e il giudice di pace per le contravvenzioni stradali.

Nella fattispecie, quindi, che il contribuente abbia subito il fermo amministrativo a causa di un debito verso l'Inps, per il ricorso dovrà agire davanti al tribunale ordinario, sezione lavoro.

6 maggio 2014 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fermo amministrativo – la comunicazione deve indicare la CTP presso la quale è possibile fare ricorso
Secondo quanto affermato dalla Commissione tributaria provinciale di Torino, nella Sentenza 40 del 16/07/2008 la comunicazione del fermo amministrativo di un veicolo é sempre impugnabile: deve perciò contenere tutti gli elementi che permettano al contribuente di esercitare il proprio diritto di impugnazione. La causa sottoposta all'esame del giudice tributario verteva ...
Fermo amministrativo - termini per il ricorso e giudice competente
Le società Equitalia possono iscrivere il fermo sul veicolo del contribuente, trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella: vizi, modalità e termini di impugnazione Le società Equitalia, in qualità di Agenti della riscossione, hanno il potere di iscrivere il fermo dei beni mobili registrati (ad esempio i veicoli) di proprietà ...
Opposizione a fermo amministrativo - giudice competente se il credito ha natura mista
Cosa accade se viene disposto da Equitalia fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore per il mancato pagamento di una serie di cartelle esattoriali di natura tributaria e non, ed il debitore decide impugnare l'azione esecutiva? Qual è il giudice competente per proporre opposizione al fermo amministrativo del veicolo ...
La cancellazione dei provvedimenti di ipoteca esattoriale e di fermo amministrativo non può essere richiesta al giudice ordinario con i rimedi della opposizione agli atti esecutivi
Essendo l'ipoteca esattoriale, così come il fermo amministrativo, una misura estranea all'espropriazione forzata, né l'una né l'altro vanno contestati dinanzi al giudice ordinario con i rimedi delle opposizioni esecutive. Pertanto, va altresì escluso che sia qualificabile come opposizione agli atti esecutivi, ai sensi dell'art. 617 del codice di procedura civile, ...
Opposizione al preavviso di fermo amministrativo per sanzioni amministrative? » Esclusivamente presso il giudice di pace
Anche in caso di preavviso di fermo amministrativo il ricorso va presentato presso il giudice di pace. Nel caso di fermo amministrativo basato su cartelle esattoriali per multe stradali, a decidere deve essere il giudice di pace: non importa che l'opposizione sia stata avanzata dopo la notifica del preavviso di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fermo amministrativo » a quale giudice presentare il ricorso?. Clicca qui.

Stai leggendo Fermo amministrativo » A quale giudice presentare il ricorso? Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 6 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 29 maggio 2017 Classificato nella categoria preavviso di fermo amministrativo e fermo amministrativo .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • salvocan 6 agosto 2014 at 00:00

    Nel mio caso, Equitalia notifica una cartella dove scrive che entro 30gg in caso di mancato pagamento , scatta senza preavviso il fermo amministrativo della vettura. Essendo cardiopatico, pensionato, ed avendo una figlia Minore che spesso devo accompagnare a Scuola, come devo comportarmi e cosa fare per sospendere il fermo?

    • Simone di Saintjust 6 agosto 2014 at 04:47

      La sospensione della riscossione coattiva per il mancato pagamento di una cartella esattoriale può essere ottenuta quando il debitore abbia già pagato gli importi iscritti a ruolo e sia in attesa dello sgravio da parte del creditore, oppure abbia già ottenuto lo sgravio ancora non comunicato all’esattore o, ancora, quando si sia in presenza di un eventuale errore di persona (cartella pazza).

      Con il ricorso giudiziale avverso la cartella esattoriale, anche il giudice può disporre, su richiesta del debitore, la sospensione della riscossione coattiva.

      Il fermo amministrativo, in particolare, può essere sospeso dimostrando ad Equitalia che il veicolo è necessario all’attività professionale svolta dal debitore.

      In tutti gli altri casi, per evitare il fermo è necessario pagare l’importo preteso in cartella oppure trasferire la proprietà del veicolo prima che al PRA venga registrato il provvedimento adottato dal concessionario della riscossione.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca