Fallimento e successivo diniego di un prestito

Prestito negato per un vecchio fallimento

Pochi giorni fa ho richiesto in due diverse banche un piccolo finanziamento, ma mi è stato rifiutato, e facendo delle indagini risulta un mio fallimento quale socio di fatto in una ditta individuale, avvenuto nel 1986 (per un contenzioso con dei dipendenti).

Chiuso il fallimento nel 1998 ho dovuto attendere il 2005 per presentare tramite un avvocato l'istanza per essere riabilitato. Questa poi é stata accolta ma ne rimane ancora la traccia a distanza di ben 26 anni.

Cosa potrei fare per togliermi di dosso quest'infamia? All'epoca, quantunque ne avessi avuto i requisiti non potei difendermi perché non avevo un centesimo, tanto meno fiducia negli avvocati perché non seppero difendermi.

Probabilmente mi resterà la chance di emigrare in Australia, ammesso che non siano chiuse le frontiere.

Sentenza di fallimento - Necessario verificare se è stata registrata nelle Centrali Rischi

Bisogna agire su due fronti: innanzitutto va verificato se la sentenza di fallimento (peraltro pubblica) sia stata raccolta e registrata presso le cosiddette Centrali Rischi dei cattivi pagatori.

Ad esempio per quanto riguarda CRIF, inviando una richiesta via fax allo 051/6458940 redatta su modulo cui si accede seguendo le istruzioni riportate qui. La sezione D della pagina successiva è dedicata, nello specifico, alle Informazioni provenienti da Uffici di Pubblicità Immobiliare e Tribunali. La cancellazione può essere ottenuta, se vi sono dati che la riguardano, producendo la documentazione relativa alla riabilitazione.

L'indagine va poi effettuata, naturalmente, per altre Centrali Rischi come CTC e Experian.

Poi, sarà necessario rivolgersi direttamente all'Agenzia del Territorio di competenza, che è la fonte delle informazioni raccolte da terzi, presentando la documentazione inerente la riabilitazione, che costituisce prova del diritto ad ottenere la cancellazione del collegamento fra codice fiscale e sentenza di fallimento.

Completato quest'iter, non è detto tuttavia che lei riesca ad ottenere l'accesso al credito. E' ragionevole supporre che esistano banche dati parallele (le cosiddette banche dati occulte) che continuano a mantenere la registrazione di informazioni sui cattivi pagatori anche dopo la cancellazione avvenuta in quelle ufficiali.

24 ottobre 2012 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e rate pagate in ritardo
Il Decreto Sviluppo convertito in legge il 12 luglio 2011, nell'articolo 8-bis riguardante la cancellazione di segnalazioni dei ritardi di pagamento, fissava il termine di 5 giorni lavorativi per oscurare le informazioni relative a ritardi di pagamento di rate mensili o semestrali. Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni ...
Elenchi italiani dei cattivi pagatori, dei debitori insolventi e dei crediti inesigibili o in sofferenza
Fra i sistemi di informazioni creditizie (spesso indicati con il termine SIC o anche Centrali Rischi) operanti in Italia, che registrano segnalazioni relative ai cattivi  pagatori (ovvero debitori non puntuali nel pagamento delle  rate di mutui e prestiti in genere) ai debitori inadempienti o insolventi e ai crediti inesigibili o ...
Cattivi pagatori e schedatura nei SIC – Informazioni da Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare
Si tratta di informazioni pubbliche, ossia messe a disposizione di tutti i soggetti interessati dalle fonti stesse da cui provengono (Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare - le ex Conservatorie), che riguardano il valore patrimoniale degli immobili posseduti da persone fisiche e giuridiche e permettono di valutare eventuali situazioni di ...
Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al ...
Cattivi pagatori ed eventi pregiudizievoli
Si fa presto a dire cattivo pagatore! Ma ci siamo mai chiesti quando e per quali motivi un semplice debitore finisce con l'essere schedato nelle Centrali Rischi ed etichettato dagli operatori del credito come un cattivo pagatore? In questo articolo cercheremo di spiegare in modo chiaro e conciso come è ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fallimento e successivo diniego di un prestito. Clicca qui.

Stai leggendo Fallimento e successivo diniego di un prestito Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 24 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 9 dicembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca