Indice del post esdebitazione - azzeramento dei debiti del debitore consumatore

Articolo 6 - Finalità e definizioni Al fine di porre rimedio alle situazioni di sovraindebitamento non soggette ne' assoggettabili a procedure concorsuali diverse da quelle regolate dal presente capo, e' consentito al debitore concludere un accordo con i creditori nell'ambito della procedura di composizione della crisi disciplinata dalla presente sezione. Con le medesime finalità, il consumatore può anche proporre un piano fondato sulle previsioni di cui all'articolo 7, comma 1, ed avente il contenuto di cui all'articolo 8. Ai fini del presente capo, si intende: per «sovraindebitamento»: la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi [ ... leggi tutto » ]

Articolo 10 - Procedimento 1. Il giudice, se la proposta soddisfa i requisiti previsti dagli articoli 7 8 e 9, fissa immediatamente con decreto l'udienza, disponendo la comunicazione, almeno trenta giorni prima del termine di cui all'articolo 11, comma 1,  ai creditori presso la residenza o la sede legale, anche per telegramma o per lettera raccomandata con avviso di ricevimento o per telefax o per posta elettronica certificata, della proposta e del decreto.  Tra il giorno del deposito della documentazione di cui all'articolo 9 e l'udienza non devono decorrere più di sessanta giorni. 2. Con il decreto di cui al comma 1, [ ... leggi tutto » ]

Articolo 12 bis - Procedimento di omologazione del piano del consumatore 1. Il giudice, se la proposta soddisfa i requisiti previsti dagli articoli 7, 8 e 9 e verificata l'assenza di atti in frode ai creditori, fissa immediatamente con decreto l'udienza, disponendo, a cura dell'organismo di composizione della crisi, la comunicazione, almeno trenta giorni prima, a tutti i creditori della proposta e del decreto. Tra il giorno del deposito della documentazione di cui all'articolo 9 e l'udienza non devono decorrere più di sessanta giorni. 2. Quando, nelle more della convocazione dei creditori, la prosecuzione di specifici procedimenti di esecuzione forzata [ ... leggi tutto » ]

Articolo 13 - Esecuzione dell'accordo o del piano del consumatore 1. Se per la soddisfazione dei crediti sono utilizzati beni sottoposti a pignoramento ovvero se previsto dall'accordo o dal piano del consumatore, il giudice, su proposta dell'organismo di composizione della crisi, nomina un liquidatore che dispone in via esclusiva degli stessi e delle somme incassate. Si applica l'articolo 28 del regio decreto 16 marzo 1942, numero 267. 2. L'organismo di composizione della crisi risolve le eventuali difficolta' insorte nell'esecuzione dell'accordo e vigila sull'esatto adempimento dello stesso, comunicando ai creditori ogni eventuale irregolarita'. Sulle contestazioni che hanno ad oggetto la violazione di [ ... leggi tutto » ]

Articolo 14-ter - Liquidazione dei beni In alternativa alla proposta per la composizione della crisi, il debitore, in stato di sovraindebitamento e per il quale ricorrono i presupposti di cui all'articolo 7, comma 2, lettere a) e b), può chiedere la liquidazione di tutti i suoi beni. 2. La domanda di liquidazione è proposta al tribunale competente ai sensi dell'articolo 9, comma 1, e deve essere corredata dalla documentazione di cui all'articolo 9, commi 2 e 3. 3. Alla domanda sono altresì allegati l'inventario di tutti i beni del debitore, recante specifiche indicazioni sul possesso di ciascuno degli immobili [ ... leggi tutto » ]

Articolo 15 - Organismi di composizione della crisi 1. Possono costituire organismi per la composizione delle crisi da sovraindebitamento enti pubblici o privati dotati di requisiti di indipendenza, professionalità e adeguatezza patrimoniale determinati con il regolamento di cui al comma 3. 2. Gli organismi di cui al comma 1 sono iscritti in un apposito registro tenuto presso il Ministero della giustizia. 3. I requisiti di cui al comma 1 e le modalità di iscrizione nel registro di cui al comma 2, sono stabiliti con regolamento adottato dal Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico ed [ ... leggi tutto » ]

25 agosto 2014 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Esdebitazione e fallimento del debitore consumatore - pillole del decreto legge sulla liberazione dai debiti
Il debitore consumatore (non professionista) in stato di sovraindebitamento può proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti e di rimborso dei crediti sulla base di un piano che preveda scadenze e modalità di pagamento ed indichi le modalità per la liquidazione dei beni ancora eventualmente posseduti. E' addirittura ...
Fallimento personale del debitore consumatore - Poter dire addio ai debiti con la legge sul sovraindebitamento
Come premessa, va detto che un imprenditore, per poter essere considerato "non fallibile", deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro ...
Il piano di ristrutturazione che il debitore può presentare al giudice per pagare il possibile ed ottenere l'esdebitazione del residuo
Molti debitori, pur avendo la volontà di mettere disposizione dei creditori l'intero patrimonio e le risorse reddituali non strettamente connesse alla sopravvivenza del proprio nucleo familiare, non possono liberarsi dei debiti accumulati nel tempo. Peraltro, le azioni esecutive avviate nei confronti del debitore sovraindebitato risultano, quasi sempre, inefficienti in termini ...
Esdebitazione del consumatore » Istruzioni per l'uso
Se siete affetti da stress da sovraindebitamento, ecco le opzioni che avete a disposizione: la prima è quella di offrire il proprio intero patrimonio per la liquidazione, in alternativa, si può proporre un accordo per il pagamento anche parziale dei debiti. Scopriamo l'esdebitazione. Cos'è l'esdebitazione L'esdebitazione è un beneficio che ...
Sovraindebitamento – debiti ed esdebitazione
Ricordiamo che un imprenditore, per poter essere considerato non fallibile, deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; aver realizzato, ...

Spunti di discussione dal forum

legge sovraindebitamento e organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento
Poiché a causa di debiti conseguiti negli anni precedenti mi trovo in una situazione di pesante sovraindebitamento, ed avendo sentito parlare che esiste una legge sul sovraindebitamento vorrei sapere se qualcuno mi può indicare nella mia zona di Ravenna a chi posso rivolgermi per effettuare tale pratica, in quanto la…
Legge 3/2012 per la composizione delle crisi da sovraindebitamento – L’accordo bisogna raggiungerlo con almeno il 60% dei creditori oppure con i creditori titolari di almeno il 60% dell’esposizione debitoria?
Vorrei chiedere se in caso mi rivolgessi al Giudice per omologare un accordo con i creditori, il 60% di assenso da parte dei creditori è riferibile al numero dei creditori o al totale dell'importo dovuto? Per esempio se io devo 50.000 a una banca, altri 5.000 alla stessa banca, e…
Nel piano del consumatore previsto dalla legge sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento si tiene conto del cumulo di reddito del nucleo familiare?
Volevo sapere se nel piano del consumatore per determinare e stabilire la rata del quinto dello stipendio, vengono conteggiati oltre al mio stipendio, pure la pensione e lo stipendio di mio fratello con i quali ho la stessa residenza, ma che di fatto ognuno poi con il proprio stipendio è…
Procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento
Volevo chiedere gentilmente se le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento possono essere proposte su un debito con Equitalia, ovviamente con esclusione delle tipologie di debiti non ammessi (IVA e ritenute d'acconto). Inoltre, vorrei chiedere ancora tali procedure debbano coinvolgere la prima e unica casa - specificando che questa…
Informazioni su legge 3/2012 – Approfondimenti su piano del consumatore
In riferimento a questa domanda, volevo chiedere se il Giudice può costringere la banca a surrogare il mutuo e aggiungere liquidità? (sempre naturalmente in un unico mutuo) potrebbe essere questo un piano di accordo da presentare?

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post esdebitazione - azzeramento dei debiti del debitore consumatore. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Esdebitazione - azzeramento dei debiti del debitore consumatore Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 25 agosto 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 13 marzo 2017 Classificato nella categoria composizione delle crisi da sovraindebitamento, debiti esdebitazione e fallimento debitore con legge 3/2012 Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca