Fallimento della società e debito TFR verso i lavoratori

Il debito TFR con i dipendenti è una obbligazione della società.

Se c’è un’istanza di fallimento ed al fallimento si arriva, il TFR ai lavoratori verrà erogato dall’apposito fondo dell’INPS.

Il problema è se verranno, in quella sede, rilevate responsabilità dei soci e dell’amministratore (presumo che lei si stia riferendo ad una srl con unico socio). In quel caso lei, in qualità di socio ed amministratore, dovrà restituire all’INPS i soldi del TFR dati ai lavoratori e soddisfare le obbligazioni verso i creditori ammessi alla procedura fallimentare.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

fallimento di un socio accomodante e recesso
Un eventuale fallimento, qualora escluda errori gestionali (in buona e/o malafede) e risulti imputabile esclusivamente all'alèa che accompagna qualsiasi attività imprenditoriale, libera il socio accomandante/amministratore da ogni coinvolgimento nei debiti societari, oltre la capienza della quota conferita. Se poi si riesce a dimostrare una precisa responsabilità nel fallimento del socio accomandante in qualità di amministratore, beh questa è tutta un'altra storia, di cui nessuno può prevedere l'esito finale. Il problema degli immobili di proprietà, qualora si voglia far fronte adesso a foschi scenari, peraltro non prevedibili, si risolve semplicemente alienandoli a terzi, a valore di mercato. Gli acquirenti per evitare ...

Recupero del TFR quando il datore di lavoro è fallibile ma non può essere dichiarato il fallimento
La legge prevede il pagamento del TFR da parte dell'INPS qualora il datore di lavoro, non soggetto a fallimento, non adempia, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, a detto pagamento, ma requisito indispensabile è che il lavoratore abbia infruttuosamente esperito l'esecuzione forzata per la realizzazione del credito. Ricordiamo, per completezza, che un imprenditore non è soggetto a fallimento se possiede, congiuntamente, i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; aver ...

Socio amministratore unico e liquidatore di una srl - Responsabilità patrimoniale nei confronti dei debiti della società estinta
Sono stato socio, amministratore unico ed infine liquidatore di una società a responsabilità limitata: come si configura la responsabilità patrimoniale rispetto ai creditori sociali rimasti insoddisfatti per ciascuno dei ruoli da me svolti? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fallimento della società e debito tfr verso i lavoratori. Clicca qui.

Stai leggendo Fallimento della società e debito TFR verso i lavoratori Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 12 Dicembre 2016 Classificato nella categoria recupero crediti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)