Wind e 3 non applicano l'eurotariffa - Multate da Agcom

Eurotariffa non applicata correttamente » Agcom sanziona Wind e Tre con multe salate

Wind e 3 multate dall'Agcom per non avera applicato le nuove direttive sul roaming correttamente: a parere del Garante per le Comunicazioni, infatti, l'eurotariffa è stata aggirata.

Eurotariffa: il Garante per le Comunicazioni (l'AgCom) ha colpito Wind e a Tre Italia con pesanti sanzioni, a causa dei salassi inflitti ai loro clienti che hanno "osato" telefonare e soprattutto navigare in Internet mentre erano all'estero per vacanza o per lavoro.

E le due aziende saranno chiamate a rimborsare tutti i consumatori, anche quelli che non hanno contestato addebiti sospetti.

Infatti, Agcom ritiene che la Tre (con la sua tariffa “Power Europe”) e la Wind (con la sua “Offerta Unione Europea”) abbiano bellamente aggirato i paletti del regime transitorio.

Il problema è, come al solito, che la sanzione ha la forza di una puntura di spillo.

Consapevole di aver fatto solo il solletico alle due aziende, l'AgCom affiancherà alla multa una formale diffida.

Vediamo di capirci di più.

Wind e Tre non applicano correttamente l'eurotariffa: arrivano le sanzioni

Arrivano le sanzioni a Wind e Tre per non avere applicato correttamente l'eurotariffa.

Agcom contro Wind e 3 Italia per l'applicazione dell'eurotariffa.

Trattasi di una doppia delibera, in realtà, identica nei contenuti che punta il dito contro il medesimo fatto.

Il problema che ha portato l'Agcom a provvedere contro i due operatori nasce dall'anno scorso quando con l'arrivo della nuova Eurotariffa, Wind e 3 Italia decisero di non applicarla interamente.

Il regolamento prevedeva, infatti, che gli operatori applicassero una tariffa speciale anche nel caso offrissero pacchetti speciali da utilizzarsi all'estero in roaming.

Ad accorgersi del problema molti utenti dei due operatori che hanno segnalato la cosa all'Agcom che ha prontamente avviato un'indagine per indagare sul caso.

Dopo alcuni mesi di verifiche è arrivato l'intervento diretto dell'Autorità che ha invitato Wind e 3 Italia ad applicare pienamente l'Eurotariffa ed ha erogato per entrambi gli operatori anche una sanzione di 258.228 euro.

Gli operatori non saranno obbligati a rimborsare i clienti che non hanno potuto sfruttare appieno l'Eurotariffa.

Tuttavia, nulla vieta che i clienti 3 Italia e Wind possano provare a farsi rimborsare quanto pagato in eccedenza sfruttando la delibera dell'Agcom.

L'Autorità punta anche il dito sulla poca trasparenza di Wind e 3 Italia che non avrebbero inserito sui loro siti sufficienti informazioni circa le condizioni giuridiche ed economiche delle tariffe applicate in Unione europea, impedendo agli utenti di compiere scelte contrattuali consapevoli ed economicamente appropriate alle proprie esigenze e non adottando, al contempo, misure di tutela efficaci al fine di compensare gli utenti per gli illegittimi addebiti ricevuti.

Il periodo contestato va dal 1 aprile al 30 settembre 2016.

Cos'è l'eurotariffa

Ma in sostanza, cos'è l'eurotariffa? Lo spieghiamo esaustivamente in questo paragrafo.

Per prima cosa, c'è da chiarire che l'eurotariffa è un concetto introdotto dall'Unione Europea già dal 2006: si tratta di un piano di tariffazione internazionale che tutti gli operatori devono rispettare e che sancisce i costi massimi del roaming all'interno dei paesi europei.

Come ben saprete, infatti, quando viaggiamo all'estero le nostre SIM si appoggiano agli operatori del paese in cui ci troviamo, i quali applicano dei costi ai nostri gestori, che si riflettono quindi sulle nostre spese.

L'eurotariffa stabilisce proprio quali sono i sovrapprezzi massimi sulla tariffa base che gli operatori possono applicare sui clienti.

A partire dal 1 maggio 2016, questi costi si dovevano ridurre notevolmente, e i prezzi massimi applicabili sono i seguenti:

Specifichiamo che la tariffa per internet si basa sui kilobyte utilizzati, ma il massimale si calcola per ogni MB.

I prezzi qui riportati, presenti sul sito ufficiale dell'Unione Europea, sono IVA esclusa: applicando l'IVA al 22% abbiamo i sovrapprezzi di 6,10 centesimi di euro per ogni minuto di chiamata in uscita e MB, 1,22 centesimi di euro per ogni minuto di chiamata in entrata e 2,44 centesimi di euro per ogni SMS in uscita.

Questi costi aggiuntivi sono applicati sul piano base di ogni operatore e, come specificato sul sito dell'Unione Europea, è compito dell'utente valutare che il proprio gestore non presenti un'offerta o un pacchetto di servizi che possa risultare più vantaggioso.

La delibera dell'Agcom sull'eurotariffa non applicata

La delibera completa dell'Agcom sulle sanzioni inflitte a Wind e 3 italia per non aver applicato correttamente l'eurotariffa.

Di seguito la delibera adottata dall'Agcom riguardo all'eurotariffa non applicata da Wind e 3 Italia, con le conseguenti sanzioni:

delibera eurotariffa

14 febbraio 2017 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Operatori telefonici e tariffazione » Breve prontuario per il consumatore
Smartphone, tablet e e telefonia di ultima generazione sono strumenti che ormai fanno parte della vita quotidiana di tutti i consumatori italiani: vi insegniamo come trovare le tariffe e gli operatori più vantaggiosi per poter risparmiare. Siete in procinto di cambiare operatore telefonico o semplicemente il piano tariffario per il ...
Pratiche scorrette telefonia » Aumentano le sanzioni agli operatori ma il numero dei contenziosi cresce ancora: il punto sulla situazione
Pratiche scorrette da parte degli operatori di telefonia: 15.000 procedure di conciliazione paritetica per problemi di telefonia nel solo 2016, per tutto il 2017 se ne prevedono 18000, si tratta dei contenziosi tra utenti e società operatrici, in crescita costante dal 2010 ad oggi. Pratiche scorrette da parte degli operatori ...
Cellulari e rinnovo del canone per Sim ricaricabili » Per le compagnie telefoniche un mese dura 28 giorni: un'altra beffa per gli utenti consumatori
Nuovo colpo gobbo delle compagnie telefoniche ai danni dei consumatori: d'ora in avanti il canone che va corrisposto per gli abbonamenti ricaricabili scatterà ogni 28 giorni anziché 30/31, comportando un aumento, ai danni degli utenti, dell'8% circa. Per voi quanto dura un mese? 28 o 30/31 giorni? Non importa, come ...
RID e addebito diretto SEPA (Sepa Direct Debit - SDD) differenze e analogie
Diversamente dal servizio RID (Rapporto Interbancario Diretto), in cui la delega all'addebito viene rilasciata direttamente dal debitore alla propria banca, con l'addebito diretto SEPA (Sepa Direct Debit - SDD) il mandato all'addebito è sottoscritto e consegnato dal debitore direttamente al creditore (ad es. il fornitore di elettricità, gas etc.) il ...
Concordato preventivo, accordo con i creditori e piano del consumatore - Il debito IVA va pagato per intero e può essere solo dilazionato
L'accordo o a cui possono giungere i creditori con l'imprenditore non fallibile o il piano di ristrutturazione del debito presentato dal consumatore, possono prevedere esclusivamente la dilazione del pagamento con riguardo ai tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, all'imposta sul valore aggiunto ed alle ritenute operate e non versate. Anche ...

Spunti di discussione dal forum

Fatturazione telefonia mobile a 28 giorni – Ora l’Agcom dispone il rimborso agli utenti?
In merito alla super truffa messa in atto dalle compagnie di telefonia mobile, cambiando la tariffazione da 30 a 28 giorni, e poi riportandola a regime, ma aumentando i prezzi, se ne sono dette tante. Ho letto sul giornale però, che c'è stata una recente delibera che obbligherebbe di rimborsare…
Vorrei cambiare fornitore dei servizi TLC ma mi dicono che il codice fiscale è bloccato
Ho un problema e non so a chi rivolgermi: sono un cliente Wind Infostrada, ADSL e linea telefonica e vorrei cambiare il gestore della mia linea, però dopo vari tentativi mi dicono che il mio codice fiscale é bloccato e non si può fare niente. Questo nonostante io abbia sempre…
Cambio gestore telefonico e modifica unilaterale contratto – Una truffa legalizzata?
Un anno fa, stuzzicato da offerte e tariffe convenienti, ho cambiato gestore telefonico (cellulare) passando da una nota compagnia ad un'altra (non voglio fare nomi). Ebbene, dopo appena un anno, mi è arrivato un sms sul telefono dicendo che la società cambiava unilateralmente le condizioni del contratto. Praticamente hanno alzato…
Debiti con finanziarie che non sono in grado di rimborsare – Cosa accade se torno in Sudamerica, la mia terra d’origine?
Non ho mai saltato una rata dei miei debiti, sono una brava pagatrice da sempre: ora, però sono fortemente intenzionata ad andarmene al mio paese di origine perchè non riesco più a vivere in Italia per motivi personali. Il problema è che ho debiti con la carta di credito e…
Riscatto TFR per trasferimento all’estero
L'anno scorso mi sono trasferito all'estero con relative dimissioni al mio datore di lavoro italiano: fino ad allora il mio TFR era versato dal mio ex datore di lavoro in un fondo privato. Ora che sono residente all'estero e non lavorando piú in Italia (ovviamente sono ora dipendente in un'azienda…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su wind e 3 non applicano l'eurotariffa - multate da agcom. Clicca qui.

Stai leggendo Wind e 3 non applicano l'eurotariffa - Multate da Agcom Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 14 febbraio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - fonia adsl RAI e pay tv Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Forum

Domande