Etica dell'indebitamento

Non si tratta di fondare chissà quale nuova etica ma di non perdere di vista alcuni punti di riferimento essenziali e irrinunciabili. I debiti vanno restituiti. Aiutare o essere dalla parte di chi è indebitato e non sa come uscire dalla sua situazione non significa assolutamente trovare scappatoie al dovere preciso di restituire il “dovuto”. E bisogna far molta attenzione ad essere rigorosi nel rispetto del principio di riferimento altrimenti con la copertura ideologica della solidarietà verso chi è nei guai si finisce per giustificare ciò che è eticamente inaccettabile da qualsiasi punto di vista. Tanto rubare è eticamente e moralmente errato, quanto è errato non pagare un debito contratto con qualcuno che ha fornito oggetti o prestazioni. Ma allora cosa significa sostenere una persona indebitata? Significa prima di tutto non perdere mai di vista questo principio fondamentale che va ricordato e richiamato, comunque e sempre. E poi quando risulta assolutamente impossibile la restituzione vedere se esistono soluzioni tecniche che limitino le conseguenze del debito non saldato, partendo dalla considerazione che ulteriori danni non saldano comunque il debito né necessariamente fanno fare passi avanti nella presa di coscienza degli errori che hanno portato al debito insolvibile. Nel cercare le soluzioni si dovrà comunque tenere sempre presente che una volta ricomposta una situazione dove magari un nuovo stile di vita permette di vivere secondo le proprie disponibilità finanziarie, il dovere di pensare a modi di restituzione anche molto dilazionati rimane. Laddove questo è ragionevolmente possibile ovviamente. Si tratta insomma di tenere presente che un eventuale risanamento, come dice proprio l'etimologia del termine, è la cura di una malattia e come tale quindi di qualcosa che rimane da giudicare negativamente e da riscattare almeno idealmente. Altrimenti daremmo forza alla logica del minor male che vince sull'etica e sulla morale permettendo ogni sorta di giustificazione di comportamenti sbagliati e da stigmatizzare. Credo che come Caritas Ticino non potremmo mai equivocare la solidarietà nei confronti dell'indebitato con l'ingiustizia nei confronti del creditore.

Roby Noris

10 novembre 2007 · Antonio Scognamiglio

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

attualità e riflessioni

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su etica dell'indebitamento. Clicca qui.

Stai leggendo Etica dell'indebitamento Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 10 novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità e riflessioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca