Come impedire l'estinzione dell'ipoteca per prescrizione in caso di acquisto del bene gravato dal vincolo

Indice dei contenuti dell'articolo

Per impedire l’estinzione dell’ipoteca per prescrizione, è necessario che il creditore (ovvero il suo avente causa per effetto di cessione o altra situazione traslativa) rivolga al terzo acquirente atti costituenti estrinsecazione della volontà di avvalersi della garanzia reale; irrilevanti essendo, in ragione della evidenziata scissione tra il credito e la garanzia, atti di esercizio del credito garantito compiuti nei riguardi del debitore originario: occorre, cioè, che il creditore esperisca una azione o proponga una domanda giudiziale verso il terzo acquirente finalizzata alla concreta attuazione della garanzia (quale, ad esempio, un pignoramento in danno del terzo ovvero l’intervento in una espropriazione forzata contro questi da altri intentata).

Ne deriva che altre attività nei riguardi del debitore non sono idonee ad impedire o anche solo paralizzare il corso del termine ventennale fissato dall’articolo 2880 del codice civile.

Queste le precisazioni fornite dai giudici della Corte di cassazione, in tema di estinzione dell’ipoteca per prescrizione, con la sentenza 13940/16.

9 Luglio 2016 · Ludmilla Karadzic

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come impedire l'estinzione dell'ipoteca per prescrizione in caso di acquisto del bene gravato dal vincolo. Clicca qui.

Stai leggendo Come impedire l'estinzione dell'ipoteca per prescrizione in caso di acquisto del bene gravato dal vincolo Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 9 Luglio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 14 Ottobre 2019 at 05:02

    Buon giorno,
    Ho appena saputo che la Gerit nel 2004 per debiti fiscali ha iscritto 2 ipoteche di 18000 euro su un appartamento allora prima casa che io ho venduto nel 2005 a mio figlio. Potrei chiedere l’annullamento?

    • Simone di Saintjust 14 Ottobre 2019 at 08:10

      L’articolo 77 del DPR 602/1973, comma 1 bis dispone che l’agente della riscossione può iscrivere la garanzia ipotecaria sugli immobili del debitore (anche quando non si siano ancora verificate le condizioni per procedere all’espropriazione), purché l’importo complessivo del credito per cui si procede non sia inferiore complessivamente a ventimila euro.

      Tuttavia la norma si applica a partire dal 2 marzo 2012. Per gli anni precedenti l’importo del debito, per poter autorizare il concessionario ad iscrivere ipoteca, doveva essere non inferiore ad ottomila euro.

      L’ipoteca sull’immobile si trasferisce sempre al compratore o al donatario: in pratica l’ipoteca si trasferisce con il bene ipotecato.