Estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto

La legge non consente che sulla stessa retribuzione gravino più cessioni contemporaneamente. Al fine di limitare la reiterazione di cessioni, è inoltre previsto che il dipendente possa estinguere anticipatamente il residuo del debito contratto con l’istituto di credito mediante cessione dello stipendio, purchè siano trascorsi due anni dall’inizio della cessione stipulata per cinque anni oppure che siano trascorsi quattro anni, nel caso di cessione stipulata per dieci anni.

Due sono le eccezioni al divieto:

  1. una prima eccezione è quella che consente di contrarre una nuova cessione di durata decennale anche prima che siano decorsi due anni dall’inizio di una precedente cessione quinquennale, a condizione che si tratti della prima cessione decennale, nell’arco della vita del dipendente e che la stessa sia destinata innanzitutto ad estinguere la precedente cessione quinquennale;
  2. una seconda eccezione è quella che consente al dipendente che abbia provveduto ad estinguere anticipatamente la precedente cessione, di stipulare un’altra cessione senza obbligo di rispetto dei predetti limiti temporali tra una cessione e l’altra: in tal caso tuttavia il lavoratore dovrà rispettare comunque l’intervallo di un anno dall’anticipata estinzione prima di contrarre la nuova cessione.

Trascorsi i termini di due o quattro anni senza che la precedente cessione sia stata estinta (anticipatamente), il lavoratore potrà stipulare una nuova cessione, nel rispetto delle condizioni indicate ai paragrafi precedenti, sempre che il ricavato di questa nuova cessione sia destinato all’estinzione della cessione in corso, sino a concorrenza del residuo ammontare del debito, dal momento che la normativa non consente la coesistenza di più cessioni sulla medesima retribuzione.

Nessun limite temporale deve viceversa essere rispettato per contrarre una nuova cessione qualora la prima abbia una durata inferiore a cinque anni, fermo restando che, comunque, la nuova cessione dovrà essere finalizzata all’estinzione della cessione in corso.

19 Aprile 2014 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Estinzione anticipata di cessione del quinto e prestito delega - le voci di costo che vanno rimborsate al contraente
Le indicazioni da ultimo fornite dalla comunicazione della Banca d'Italia del 7 aprile 2011, già in larga parte anticipate dalla giurisprudenza dei tre Collegi dell'Arbitro Bancario Finanziario, ingiungono all'intermediario di rimborsare, in sede di estinzione anticipata di contratti di prestito quali la cessione del quinto e/o la delegazione di pagamento, la quota parte delle componenti economiche pagate anticipatamente, ma soggette a maturazione nel corso del tempo (cd. commissioni recurring). ...

Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto
Il lavoratore dipendente che ha in corso una cessione del quinto può chiederne il rinnovo della cessione prima della data di scadenza. Questa è una caratteristica della cessione del quinto che può risultare molto importante. Procedere al rinnovo della cessione significa erogare un nuovo finanziamento che viene in parte utilizzato per l'estinzione di quello in corso. Al cliente verrà versata la parte rimanente. Un esempio può risultare più chiaro Un Dipendente ha in corso una Cessione del Quinto con rata di 150€ di cui residuano 20 rate e ha bisogno di una liquidità aggiuntiva di 5.000€. Per prima cosa occorrerà ...

Se il creditore concede il prestito dietro cessione del quinto in violazione alle norme che ne vieterebbero l'erogazione
L'articolo 39 del dpr 180/1950 dispone il divieto di contrarre una nuova cessione prima che siano trascorsi almeno due anni dall'inizio della cessione stipulata per un quinquennio o almeno quattro anni dall'inizio della cessione stipulata per un decennio, salvo che sia stata consentita l'estinzione anticipata della precedente cessione, nel qual caso può esserne contratta una nuova purché sia trascorso almeno un anno dall'anticipata estinzione. Anche prima che siano trascorsi due anni dall'inizio di una cessione quinquennale, può essere contratta la cessione decennale, quando questa si faccia per la prima volta, fermo restando l'obbligo di estinguere la precedente cessione. Ma cosa ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto. Clicca qui.

Stai leggendo Estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 19 Aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Luglio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito - cessione del quinto e delega di pagamento Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)