Quando Equitalia può espropriare l'immobile di proprietà del debitore

Quando Equitalia può espropriare la casa del debitore e quando no

L'agente della riscossione:

  1. non dà corso all'espropriazione se l'unico immobile di proprietà del debitore, con esclusione delle abitazioni di lusso aventi le caratteristiche individuate dal decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 agosto 1969, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero  218 del 27 agosto 1969, e comunque dei fabbricati classificati nelle categorie catastali A/8 e A/9, è adibito ad uso abitativo e lo stesso vi risiede anagraficamente;
  2. nei casi diversi da quello esposto al punto precedente, può procedere all'espropriazione immobiliare se l'importo complessivo del credito per cui procede supera centoventimila euro. L'espropriazione può essere avviata se è stata iscritta l'ipoteca e sono decorsi almeno sei mesi dall'iscrizione senza che il debito sia stato estinto.

Pignoramento ed espropriazione della case con caratteristiche delle abitazioni di lusso

    Ai sensi e per gli effetti della legge 2 luglio 1949, numero 408, e successive modificazioni ed integrazioni, della legge 2 febbraio 1960, numero 35, e successive modificazioni ed integrazioni, del decreto-legge 11 dicembre 1967, numero 1150, convertito nella legge 7 febbraio 1968, numero 26 sono considerate abitazioni di lusso.

  1. Le abitazioni realizzate su aree destinate dagli strumenti urbanistici, adottati od approvati, a “ville”, “parco privato” ovvero a costruzioni qualificate dai predetti strumenti come “di lusso”.
  2. Le abitazioni realizzate su aree per le quali gli strumenti urbanistici, adottati od approvati, prevedono una destinazione con tipologia edilizia di case unifamiliari e con la specifica prescrizione di lotti non inferiori a 3000 mq., escluse le zone agricole, anche se in esse siano consentite costruzioni residenziali.
  3. Le abitazioni facenti parte di fabbricati che abbiano cubatura superiore a 2000 mc. e siano realizzati su lotti nei quali la cubatura edificata risulti inferiore a 25 mc. v.p.p. per ogni 100 mq. di superficie asservita ai fabbricati.
  4. Le abitazioni unifamiliari dotate di piscina di almeno 80 mq. di superficie o campi da tennis con sottofondo drenato di superficie non inferiore a 650 mq.
  5. Le case composte di uno o più vani costituenti unico alloggio padronale avente superficie utile complessiva superiore a mq. 200 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine) ed aventi come pertinenza un'area scoperta della superficie di oltre sei volte l'area coperta.
  6. Le singole unità immobiliari aventi superficie utile complessiva superiore a mq. 240 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine).
  7. Le abitazioni facenti parte di fabbricati o costituenti fabbricati insistenti su aree comunque destinate all'edilizia residenziale, quando il costo del terreno coperto e di pertinenza supera di una volta e mezzo il costo della sola costruzione.
  8. Le case e le singole unità immobiliari che abbiano oltre 4 caratteristiche tra quelle di seguito indicate.
    1. Superficie dell'appartamento - Superficie utile complessiva superiore a mq 160, esclusi dal computo terrazze e balconi, cantine, soffitte, scale e posto macchine.
    2. Terrazze a livello coperte e scoperte e balconi - Quando la loro superficie utile complessiva supera mq 65 a servizio di una singola unità immobiliare urbana
    3. Ascensori - Quando vi sia più di un ascensore per ogni scala, ogni ascensore in più conta per una caratteristica se la scala serve meno di 7 piani sopraelevati.
    4. Scala di servizio - Quando non sia prescritta da leggi, regolamenti o imposta da necessità di prevenzione di infortuni od incendi
    5. Montacarichi o ascensore di servizio - Quando sono a servizio di meno di 4 piani.
    6. Scala principale:
      1. con pareti rivestite di materiali pregiati per un'altezza superiore a cm 170 di media;
      2. con pareti rivestite di materiali lavorati in modo pregiato.
    7. Altezza libera netta del piano - Superiore a m 3,30 salvo che regolamenti edilizi prevedano altezze minime superiori.
    8. Porte di ingresso agli appartamenti da scala interna:
      1. in legno pregiato o massello e lastronato;
      2. di legno intagliato, scolpito o intarsiato;
      3. con decorazioni pregiate sovrapposte od imprese.
    9. Infissi interni - Come alle lettere a), b), c) della caratteristica h) anche se tamburati qualora la loro superficie complessiva superi il 50% (cinquanta per cento) della superficie totale.
    10. Pavimenti - Eseguiti per una superficie complessiva superiore al 50% (cinquanta per cento) della superficie utile totale dell'appartamento:
      1. in materiale pregiato;
      2. con materiali lavorati in modo pregiato.
    11. Pareti - Quando per oltre il 30% (trenta per cento) della loro superficie complessiva siano:
      1. eseguite con materiali e lavori pregiati;
      2. rivestite di stoffe od altri materiali pregiati.
    12. Soffitti - Se a cassettoni decorati oppure decorati con stucchi tirati sul posto o dipinti a mano, escluse le piccole sagome di distacco fra pareti e soffitti.
    13. Piscina - Coperta o scoperta, in muratura, quando sia a servizio di un edificio o di un complesso di edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari.
    14. Campo da tennis - Quando sia a servizio di un edificio o di un complesso di edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari.

2 settembre 2013 · Carla Benvenuto


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni prima casa » quando l'unità abitativa deve essere considerata di lusso
L'agevolazione fiscale, cosiddetta prima casa, non si applica alle abitazioni di lusso, per tali dovendosi intendere le case composte di uno o più piani costituenti unico alloggio padronale aventi una superficie utile complessiva superiore a metri quadrati 200, esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e ...
Agevolazioni fiscali prima casa - cantine sottotetti e superfici esterne non computabili per metratura case di lusso
Per fruire delle agevolazioni prima casa, non sono computabili ai fini del calcolo della superficie le cantine ed i sottotetti, nonchè la superficie esterna in quanto pertinenza del condominio. Pertanto, devono considerarsi di lusso e come tali escluse dalle agevolazioni prima casa, le unità abitative composte di uno o più ...
Agevolazioni fiscali prima casa » Per la qualificazione delle abitazioni di lusso cantina soffitta e superficie esterna del condominio non vanno conteggiati
In materia di agevolazioni, per il bonus prima casa, non vanno considerate la cantina, la soffitta e la superficie esterna del condominio per decidere se un'abitazione va considerata di lusso o meno. Non si può qualificare di lusso l'abitazione, se ai fini del calcolo della superficie utile complessiva si è ...
Nessuna agevolazione fiscale prima casa se l'immobile acquistato supera i 240 metri quadri - Anche se gli acquirenti sono due e l'appartamento viene successivamente frazionato
Per fruire delle agevolazioni fiscali prima casa e ai fini del riconoscimento del carattere di lusso del cespite acquistato, la normativa vigente ricollega l'esistenza di diversi criteri che fanno comunque riferimento alla tipologia dell'immobile oggetto di compravendita, alla sua estensione (non deve superare i 240 metri quadri per poter fruire ...
Espropriazione esattoriale - Quando l'immobile del debitore può essere assegnato allo Stato
Se il terzo incanto ha esito negativo, Equitalia, nei dieci giorni successivi, chiede al giudice dell'esecuzione l'assegnazione dell'immobile allo Stato per il prezzo base del terzo incanto, depositando nella cancelleria del giudice dell'esecuzione gli atti del procedimento. Il giudice dell'esecuzione dispone l'assegnazione, secondo la procedura prevista dall'articolo 590 del codice ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando equitalia può espropriare l'immobile di proprietà del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Quando Equitalia può espropriare l'immobile di proprietà del debitore Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 2 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande