Esecuzione forzata in base a decreto ingiuntivo

Esiste un decreto ingiuntivo del 1996 contro il debitore principale (dp) e il fideiussore (f) per 114 milioni di lire circa.

Nel 1997 inizia l'esecuzione forzata contro il debitore principale che si finalizza con la vendita di un primo lotto a fine 2009, di un secondo lotto nel 2010 e dei restanti lotti nel 2011. A fine 2011 il tribunale emette un decreto di trasferimento verso il creditore di 103.000 euro circa a copertura delle spese e a parziale rimborso del credito coperto da privilegio (era di 94.000 euro circa, di cui 58.000 euro circa per debito originario e la differenza per interessi, e con i soldi ricavati dalla vendita vengono coperti solo 92.000 circa). Gli interessi inseriti nel credito privilegiato sono stati calcolati secondo norma di legge considerando nel primo triennio il tasso convenzionale (12.5%) e successivamente il tasso legale. La differenza tra gli interessi al tasso convenzionale e quelli ad tasso legale per gli anni successivi al primo triennio vanno al chirografo e non sono pagati dalla vendita dei lotti.

Nel 2011 inizia anche l'esecuzione forzata verso il fideiussore (pignoramento datato novembre 2011) e nel 2012 viene depositata la documentazione per l'istanza di vendita.

Di seguito le mie domande:

  1. E' vero che l'interruzione della prescrizione per il dp si estende anche al f e quindi che, anche dopo 15 anni, il debito non è prescritto per il f?
  2. Esiste un limite massimo in cui un lotto può andare all'asta senza essere mai venduto e superato questo limite torna nelle mani del debitore e la procedura si interrompe?
  3. Nel calcolo del dovuto per il f ad oggi, 2012, è giusto sottrarre alla richiesta del creditore quanto già incassato dall'esecuzione forzata verso il dp (92.000)?
  4. Nel calcolo degli interessi, è giusto fermarsi a Dicembre 2011 quando un decreto di trasferimento dimostra che il debito originale è stato pagato e con esso anche una parte degli interessi in privilegio e rimangono da pagare solo gli interessi al chirografo?
  5. Sulla quota rimasta da pagare (interessi al chirografo) va applicata una qualche forma di interesse con il passare del tempo (a limite legale) visto che non sono più legati ad un debito originario, coperto da contratto, che prevedeva un tasso di interesse del 12.5%?
  6. Il creditore può richiedere all'inizio dell'esecuzione forzata verso il f un calcolo degli interessi successivi alla data del precetto che non sia più del 12,5% ma maggiorato di un ulteriore 50% anche se non vi è menzione di sorta nel decreto ingiuntivo di una cosa simile?
  7. Se, nella registrazione dell'ipoteca verso i beni del fideiussore è stato indicato sia il tasso di interesse del 12.5% (nella nota) che il valore massimo (228.000.000 di lire - circa 114.000 euro), il creditore può richiedere una cifra che superi questo limite?
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su esecuzione forzata in base a decreto ingiuntivo. Clicca qui.

Stai leggendo Esecuzione forzata in base a decreto ingiuntivo Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 24 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca