Gli errori o le omissioni nella dichiarazioni dei redditi

Gli errori o le omissioni relativi alle dichiarazioni dei redditi validamente presentate (comprese quelle presentate con ritardo non superiore a novanta giorni) possono essere regolarizzati presentando una dichiarazione integrativa entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione dell'anno successivo.

Entro lo stesso termine deve essere eseguito il pagamento del tributo o del maggior tributo dovuto, dei relativi interessi (calcolati al tasso legale annuo con maturazione giorno per giorno) e della sanzione ridotta ad un quinto del minimo previsto.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli errori o le omissioni nella dichiarazioni dei redditi. Clicca qui.

Stai leggendo Gli errori o le omissioni nella dichiarazioni dei redditi Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 16 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • gianfranco 22 dicembre 2009 at 07:01

    Salve, il mio consulente non mi ha presentato la dichiarazione dei redditi periodo d’imposta dell’anno 2007 e 2008 avendo 3 società (una sas e due srl) nè i bilanci.

    Vorrei sapere se posso riparare ancora e cosa succede per quella del 2007?

    Grazie Gianfranco

    • cocco bill 22 dicembre 2009 at 07:02

      Se vuole, può avvalersi dell’accertamento con adesione su iniziativa del contribuente.

      Si può avviare la procedura presentando una domanda in carta libera in cui chiede all’ufficio di formulare una proposta di accertamento per una eventuale definizione, in conseguenza all’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi 2008 e 2007.

      La domanda può essere presentata all’Agenzia delle Entrate prima di aver ricevuto la notifica di un atto di accertamento.

      L’accertamento con adesione permette al contribuente di usufruire di una riduzione delle sanzioni amministrative, che saranno dovute nella misura di 1/4 del minimo previsto dalla legge.

  • nicola 25 novembre 2009 at 13:03

    Per la dichiarazione con 730/2007 ho dichiarato un reddito da lavoro dipendente maggiore di poche centinaia di euro in più; oggi in fase di accertamento da parte del ufficio del registro questi asseriscono che per il reddito dichiarato devo versare la differenza irpef, nonostante la documentazione in mio possesso mi da ragione. alla richiesta di spiegazioni mi è stato risposto che quanto dovuto emerge da un controllo incrociato da questi effettuato ma nonostante il reddito da me trascritto differisce da quanto percepito veramente e dichiarato non si può intervenire perchè il loro programma non prevede la correzione per il maggiore dichiarato ma soltanto per la somma dovuta in più per irpef che non risulta versato.
    c’è qualcuno che mi sa dare spiegazioni in merito entro breve tempo?
    possibile che debba pagare in più sulla somma non percepita?
    come posso intervenire, considerando che la cifra è irrisoria e non mi consente di fare causa al fisco?
    grazie per quanto vorranno darmi una risposta.
    nicola

    • c0cc0bill 25 novembre 2009 at 13:26

      È possibile integrare a proprio favore le dichiarazioni per correggere errori od omissioni che hanno portato a indicare un maggior reddito o, comunque, un maggior debito o un minor credito d’imposta, mediante la presentazione di una successiva dichiarazione da produrre entro il termine di presentazione di quella relativa al periodo d’imposta successivo.

      E dunque, lei è ormai fuori tempo massimo.

      Questa la motivazione per cui a questo punto la cosa migliore da fare è pagare la differenza.

  • Avv. Corrado Lòfari 23 gennaio 2009 at 20:01

    Piero 9 dicembre 2008 at 11:39
    Per l’anno d’imposta 2007 non ho effettuato nessuna dichiarazione, pur avendo, solo, una secona casa che determina un’iposta di euro 200,00.
    La mancanza della presentazione della dichiarazione è dovuta al fatto che fino all’anno precedente non dovevo nessuna imposta in quanto c’era la deduzione di Euro 3.000 che abbateva l’imposta dovuta.
    Cosa devo fare prima che l’agenzia delle entrate si accorga della mancata presentazione della dichiarazione ed omissione del versamento di Euro 200,00 ?

    gianfranco 22 dicembre 2009 at 02:44
    Il mio consulente non mi ha presentato la dichiarazione dei redditi periodo d’imposta dell’anno 2007 e 2008 avendo 3 società (una sas e due srl) nè i bilanci. Vorrei sapere se posso riparare ancora e cosa succede per quella del 2007?
    Grazie Gianfranco

    Puoi comunque presentare la dichiarazione sia pure con ritardo oltre 90 giorni. Io ti consiglio di farla. Ovviamente, avrai cura di effettuare il versamento dell’importo dovuto in ragione di € 200 oltre interessi legali e sanzione per ravvedimento operoso.




Cerca