Se nel periodo in cui mi è arrivato il postino ero in ferie, e solo al rientro ho potuto ritirare la sanzione all’ufficio postale, come facevo a pagare in tempo?

Vi ringrazio per la risposta, però se nel periodo in cui mi è arrivato il postino ero in ferie, e solo al rientro ho potuto ritirare la sanzione all’ufficio postale, come facevo a pagare in tempo? Ci ho messo tutta la buona volontà nel farlo.Poi la società si chiama GEAP ha sede a Padova e io risiedo a Milano,che devo fare andare a mie spese a Padova per sicuramente non concludere nulla.Ma,devo veramente pagare 2 volte la stessa cosa quando credevo che ammettendo il mio errore,e pagando,sarei stato al sicuro.

Commento di Daniele Angelo Testa | Sabato, 4 Ottobre 2008

Caro Daniele, io non sto affermando che il meccanismo di notifica sia equo.

Sto cercando di immaginare come possono essere andate le cose. Portando degli elementi, che se il consulente legale condividerà, ti eviteranno ulteriori spese ed ulteriori perdite di tempo.

E’ questo (dovrebbe esser questo) il nostro scopo. Potremmo anche dirti fai ricorso, hai ragioni da vendere … Ma poi?

I dati di fatto (giuridici – fissati da sentenze di Cassazione) su cui riflettere sono i seguenti:

a) Se l’Ufficio Postale invia l’avviso con raccomandata A/R dopo aver tentato la consegna diretta della contravvenzione, la notifica si intende eseguita correttamente a partire dal decimo giorno riportato sulla ricevuta di invio (in questo caso le Poste si comportano come un normale cliente, conservano la ricevuta con il testo della comunicazione e la consegnano al Comune per eventuali ricorsi del destinatario).

Indipendentemente da dove possa esser stato il destinatario in quel periodo, vale questa regola. Anche se, per assurdo, il destinatario fosse stato in coma e potrebbe provarlo con certificati medici, la notifica si intende effettuata correttamente.

b) Pagare alle 8 di mattina, all’apertura delle Poste, il giorno dopo la scadenza equivale a non aver mai pagato.

Ragiona su questi elementi e poi valuta cosa fare.

Un saluto

Commento di karalis | Sabato, 4 Ottobre 2008

8 Ottobre 2008 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ai fini della prescrizione di una sanzione amministrativa la notifica della cartella esattoriale si perfeziona solo al momento in cui l'atto perviene all'indirizzo del destinatario e non con la consegna all'ufficio postale
In tema di sanzioni amministrative, la consegna, all'ufficiale giudiziario (o al servizio postale) di un atto successivo al verbale di accertamento, non è idonea ad interrompere il decorso del termine di prescrizione quinquennale del diritto alla riscossione previsto dall'articolo 28 della legge 689/1981. Infatti, il principio generale, secondo il quale, indipendentemente dalla modalità di trasmissione, la notifica di un atto si intende perfezionata, dal lato del richiedente, con l'affidamento dell'atto all'ufficiale giudiziario (o all'ufficio postale) non si estende all'ipotesi di estinzione del diritto per prescrizione, dal momento che, affinché l'atto produca l'effetto interruttivo del termine prescrizionale, è necessario che lo ...

Multe e ricorsi presso il giudice di pace » Che succede durante il periodo di ferie?
Durante il periodo di villeggiatura, ricevete una notifica di un verbale di multa presso la vostra abitazione, momentaneamente abbandonata: al vostro ritorno, c'è ancora tempo per ricorrere presso il giudice di pace? Quando si torna dalle vacanze è facile trovare, nella cassetta postale, una busta verde che ci avvisa del fatto che il postino, mentre noi eravamo assenti, ha tentato di notificarci un verbale di multa. Infatti, come noto, in caso di temporanea irreperibilità del destinatario e concomitante assenza di persone di famiglia/conviventi o altri soggetti abilitati a ricevere notifica della multa, il postino lascia nella buca un avviso in ...

Consegna di una sanzione amministrativa a mezzo servizio postale nelle mani di un convivente del destinatario - I giudici di legittimità offrono un ripasso della procedura
Il procedimento di notifica delle sanzioni amministrative ricalca le modalità previste dal codice di procedura civile, ovvero si realizza, via posta, secondo le norme sulle notifiche effettuate a mezzo del servizio postale di cui alla legge 890/1982. L'agente postale consegna il piego nelle mani proprie del destinatario, ma se la consegna non può essere fatta personalmente al destinatario, il piego è consegnato, nel luogo indicato sulla busta che contiene l'atto da notificare, a persona di famiglia che conviva anche temporaneamente con il destinatario ovvero addetta alla casa ovvero al servizio del destinatario, purché il consegnatario non sia persona manifestamente affetta ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su se nel periodo in cui mi è arrivato il postino ero in ferie, e solo al rientro ho potuto ritirare la sanzione all’ufficio postale, come facevo a pagare in tempo?. Clicca qui.

Stai leggendo Se nel periodo in cui mi è arrivato il postino ero in ferie, e solo al rientro ho potuto ritirare la sanzione all’ufficio postale, come facevo a pagare in tempo? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)