Eredità - Quando il chiamato muore prima di accettare o rinunciare

Famiglia con madre padre e due fratelli - muore prima la madre e i figli diventano eredi

Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne beni mobili.

Il padre invece non accetta, né rifiuta, né compie atti che possano far capire di averla accettata tacitamente in quanto non ha facoltà di muovere beni della moglie.

Dopo pochissimi mesi anche il padre muore e in questo caso i due figli rinunciano all'eredità perché ha svariati debiti e quindi non esiste nessun altro erede. Dopo qualche anno i figli vengono contattati perché la madre vanta dei crediti di un'attività lavorativa di qualche anno prima. La mia domanda è questa.

Questo credito è da considerarsi diviso solo per i due eredi rimanenti oppure per stare dalla parte del sicuro e non far decadere la rinuncia nei confronti del padre dovrebbe essere diviso in tre il debito e rinunciare alla terza parte,visto che loro hanno rinunciato all'eredita del padre e comunque la posizione di erede oppure no del padre non è stata chiarita ufficialmente?

Mi chiedo in questo caso dove ci sono rapporti di parentela come funziona? I figli hanno rinunciato quindi lui non ha eredi, ma nel caso fosse considerato erede della moglie la parte che gli sarebbe eventualmente spettante rimane così in sospeso visto che non ha eredi o ne possono usufruire i restanti anche se figli?

Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in 10 anni o, naturalmente, con la morte del chiamato

Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in 10 anni o, naturalmente, con la morte del chiamato che non abbia esercitato accettazione espressa e non abbia, in vita, posto in essere comportamenti o azioni dai quali possa presumersi l'accettazione tacita dell'eredità del de primo cuius (consorte del chiamato e madre dei due fratelli).

Il chiamato all'eredità (il padre dei due fratelli, secondo de cuius) non è più in grado, infatti, di procedere all'accettazione espressa o tacita dell'eredità lasciata dalla consorte (primo de cuius e madre dei due fratelli).

Ci troviamo, praticamente, nel caso in cui il chiamato (il padre dei due fratelli) muore prima di aver accettato o rinunziato.

Al posto del chiamato defunto subentrano i suoi eredi legittimi (i due figli) i quali possono accettare (anche tacitamente) o rinunciare all'eredità del primo de cuius (la madre).

In questo caso, l'accettazione dell'eredità del primo de cuius (la madre) da parte dei due fratelli, non presuppone accettazione dell'eredità (e quindi dei debiti) del primo de cuius (il padre).

27 gennaio 2015 · Carla Benvenuto


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere ...
Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...
Rinuncia eredità con beneficio di inventario - i creditori possono chiedere di abbreviare il termine decennale per l'accettazione
A tutela dei creditori del de cuius e a tutela dei creditori nei confronti del chiamato all'eredità che accetta con beneficio di inventario, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace, il cui scopo è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile può ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su eredità - quando il chiamato muore prima di accettare o rinunciare. Clicca qui.

Stai leggendo Eredità - Quando il chiamato muore prima di accettare o rinunciare Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 27 gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 7 agosto 2017 Classificato nella categoria accettazione e rinuncia eredità - accettazione con beneficio di inventario Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande