Eredita - Debiti verso lo stato e possibile rinuncia

Domanda - Eredità - debiti verso lo stato

I figli ricevono i debiti dei genitori, qualora questi muoiano o semplicemente non possano più lavorare e quindi vadano in pensione? So della possibilità della rinuncia all'eredita, ma mi chiedo: i debiti verso lo stato sono un caso a parte? O se rinunciamo all'eredita, siamo “salvi”?

Per analizzare il caso specifico, so che dovremo rivolgerci ad un professionista che esaminerà la questione, ma volevo sapere prima in linea generale a cosa andiamo incontro.

Risposta - Eredita - Rinuncia

La rinuncia all'eredita è proprio quello che gli eredi devono fare nel caso in cui il defunto abbia pendenze anche con lo stato, ovvio che vi è sempre da valutare se magari vi sono beni o patrimoni da ereditare e valutare di conseguenza il male minore.

Ribadisco sempre e comunque che, va bene ereditare i debiti del de cuius, ma le sanzioni no, sottolineo sono ad personam.

Quindi multe e quanto altro, anche se senza rinuncia all'eredita, non devono e non possono - successivamente alla morte del debitore - essere richieste od imputate agli eredi.

27 agosto 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su eredita - debiti verso lo stato e possibile rinuncia. Clicca qui.

Stai leggendo Eredita - Debiti verso lo stato e possibile rinuncia Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 27 agosto 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca