Quando equitalia concede la dilazione del debito non può applicare la maggiorazione degli interessi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Come accennato, in caso di proroga della rateizzazione, equitalia non è legittimata a richiedere un aggravio ulteriore di aggio ed interessi moratori.

A parere dei giudici tributari brindisini, infatti, è necessario agevolare i debitori stretti dalla crisi economica.

L'unica eccezione è nel caso in cui i contribuenti si siano resi inadempienti non ottemperando al pagamento delle rate concordate.

La pronuncia chiarisce che la proroga di rateizzazione già concessa comporta la continuità della dilazione a suo tempo autorizzata.

Pertanto, deve essere mantenuto l'originario tasso di interesse, in base a quanto fu oggetto della proroga iniziale, senza alcuna maggiorazione del compenso di riscossione e degli interessi di mora.

In parole povere, l'aggio e gli interessi devono essere mantenuti in misura ridotta.

27 marzo 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca