Equitalia ed il pignoramento presso la residenza del debitore

L'agente della riscossione procede al pignoramento di beni mobili solo quando ritiene che ne derivi una sicura utilità.

Si tratta dei casi in cui la particolare condizione sociale del debitore faccia fondatamente presumere l'esito fruttuoso di un eventuale accesso nella casa di abitazione, grazie al rinvenimento di cose di particolare pregio.

In parole povere, solo quando vi sia la certezza che, all'interno dell'abitazione, vi siano beni di valore di una certa consistenza come quadri costosi, gioielleria, eccetera.

Al contrario, è molto difficile che Equitalia possa pignorare beni come divani, televisori, scrivanie, ecc.

Nel corso degli anni, infatti, l'erario ha riscontrato come fosse antieconomico pignorare le suppellettili domestiche, che hanno in genere valore modesto o nullo sul mercato dell'usato.

Praticamente, è assai difficile rivendere all'asta degli arredi di seconda mano.

A questo si aggiunga, come sappiamo, che non tutti i beni mobili sono pignorabili.

Come abbiamo illustrato in precedenti articoli, difatti, il codice di procedura civile include tra i beni assolutamente impignorabili:

  • i letti,
  • i tavoli da pranzo con le relative sedie,
  • gli armadi guardaroba,
  • i cassettoni,
  • il frigorifero,
  • le stufe ed i fornelli di cucina anche se a gas o elettrici,
  • la lavatrice,
  • gli utensili di casa e di cucina insieme ad un mobile idoneo a contenerli.

Ciò, perché questi oggetti sono considerati indispensabili al debitore ed alle persone della sua famiglia con lui conviventi, a condizione che non abbiano un significativo pregio artistico o di antiquariato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Rita 11 febbraio 2016 at 15:59

    Mia cugina ha ricevuto dalla banca una raccomandata con la dicitura di atto di intimazione e di costituzione in mora ai sensi degli art.1219, con il totale di un debito iniziale di 6.417 euro di scopertura + 3754 euro per rate scadute e non pagate di un debito, che non ha potuto più pagare.

    Mia cugina e’ pensionata, e con una detrazione del quinto arriva a 352 euro, abita in affitto, non ha beni mobili, perche’ sono in comodato d’uso,e non ha immobili.

    E’ convinta che le pignoreranno la pensione,le chiede,quale sara’ il totale che le rimarra’ della pensione?

    • Annapaola Ferri 11 febbraio 2016 at 16:33

      Per quanto riguarda la pensione del debitore, può essere pignorato solo il 20% di quanto eccede il minimo vitale (assegno sociale minimo) che si aggira intorno ai 500 euro (si tratta di una somma variabile di in anno in anno).

      Facciamo un esempio: supponiamo che sua cugina percepisca una pensione di 600 euro ed il minimo vitale ultimo fissato per legge sia 480 euro. Ebbene, in queste ipotesi a sua cugina può essere pignorato dal creditore procedente (la banca che ha inviato l’atto di intimazione) presso l’INPS (quindi alla fonte), solo il 20% di 120 euro, cioè 24 euro.

      Sua cugina farebbe bene a ritirare la pensione per contanti: se si serve dell’accredito in conto corrente potrebbe andare incontro a complicazioni in caso di pignoramento del conto corrente.

  • lallalalla 3 dicembre 2015 at 17:10

    Ho scoperto che la mia commercialista non ha mai inviato le dichiarazioni dei redditi degli ultimi anni: ogni anno mi dà lo stampato della dichiarazione ma da un controllo effettuato da me presso l’agenzia delle entrate risulta che negli ultimi anni non è stata presentata alcuna dichiarazione.

    Cosa devo fare? Posso farle causa per farmi pagare le sanzioni che ovviamente arriveranno? Posso presentare dichiarazioni tardive? Devo denunciarla alla GdF?

    • Annapaola Ferri 3 dicembre 2015 at 17:50

      Per denunciare la commercialista infedele ed avviare un contenzioso finalizzato al risarcimento dei danni (le sanzioni disposte dall’Agenzia delle entrate per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi) deve averle formalmente conferito un mandato.

      In tal caso, ha bisogno dell’assistenza di un avvocato.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca