Equitalia » No al pignoramento del conto intestato al defunto o eredi

Equitalia non può procedere al pignoramento della quota del conto corrente bancario del debitore sottoposto ad esecuzione nel caso in cui la massa ereditaria sia comprensiva di altri beni.

In tema di espropriazione dei beni caduti in successione, l’agente delle riscossioni non può pignorare la quota del conto corrente bancario ancora indiviso del debitore se la massa ereditaria in comunione comprende anche altri beni.

Infatti, l’espropriazione forzata dell’intera quota, spettante ad un compartecipe, dei beni compresi in una comunione, è certamente possibile, ma limitatamente a tutti i beni indivisi di una singola specie (immobili, mobili o crediti).

Inoltre, iniziata l’espropriazione della stessa, il giudice dell’esecuzione può disporre la separazione in natura della quota spettante al debitore sottoposto ad esecuzione, se questa è possibile, o, in caso contrario, ordinare che si proceda alla divisione, oppure disporre la vendita della quota indivisa.

Invece, ecco il passaggio risultato decisivo ai fini della controversia, non è ammissibile l’espropriazione forzata della quota di un singolo bene indiviso, quando la massa in comune comprenda più beni della stessa specie, perché, potendo, in sede di divisione,venire assegnato al debitore una parte di un altro bene facente parte della massa, il pignoramento potrebbe non conseguire i suoi effetti, per inesistenza nel patrimonio del debitore, dell’oggetto dell’esecuzione.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 6809/13.

Il fatto e le considerazioni sulla pronuncia della Suprema corte ed il pignoramento del conto intestato a defunto ed eredi

Dopo l’applicazione della sentenza in esame, sarà più difficile per l’esattore la procedura di espropriazione dei beni caduti in successione. Equitalia non potrà pignorare la quota del conto corrente bancario (ancora indiviso) del debitore se la massa ereditaria in comunione comprende anche altri beni.

Questo perchè l’agente della riscossione potrebbe pignorare una quota che poi, in sede di assegnazione, andrebbe a un altro erede.

Il caso riguarda un pignoramento spiccato da Equitalia Friuli Venezia Giulia.

L’esattore aveva avviato la procedura di espropriazione a carico di un suo debitore che, nel frattempo, aveva ereditato, insieme ai fratelli, denaro del conto bancario del padre e alcuni altri beni.

La procedura era stata avviata ancora prima della divisione dell’asse ereditario.

Per questo il debitore aveva presentato opposizione.

Il Tribunale di Udine l’aveva respinta.

Contro questa decisione l’uomo ha presentato ricorso in Cassazione e, questa volta, con successo.

La sesta sezione civile, cui la causa è stata assegnata, ha accolto il ricorso sostenendo che su una massa indivisa di beni l’esattore non può disporre il pignoramento.

Ora, la causa tornerà nuovamente a Udine, in Tribunale, dove i giudici dovranno mettere la parola fine al caso e decidere anche sulle spese concernenti il giudizio di Cassazione.

18 Novembre 2013 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e semplici rispetto ai normali pignoramenti tra privati. Infatti, la normativa vigente permette ad Equitalia di procedere autonomamente, ordinando alla banca senza necessità di procedimenti in tribunale, di trasferire le somme. Questa possibilità, però, decade nel caso di conto cointestato. Come funziona allora, la procedura del pignoramento di un conto corrente ...

Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro. Resta ferma la misura di un quinto, se le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle ...

Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso della precedente attività lavorativa di rappresentante di commercio. Nello scorso novembre 2011 Equitalia, ha chiesto, ed ottenuto, il pignoramento dell'unico conto corrente bancario di cui il pensionato è titolare e in cui affluisce la pensione, complice anche la recente manovra "Salva Italia" che, per ragioni di tracciabilità, costringe i pensionati ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia » no al pignoramento del conto intestato al defunto o eredi. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia » No al pignoramento del conto intestato al defunto o eredi Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 18 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria pignoramento esattoriale - immobiliare e mobiliare Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)