Equitalia e pignoramento pensione di un quinto eccedente minimo vitale

Equitalia e pignoramento della pensione nella misura del quinto eccedente il minimo vitale

Causa cartelle esattoriali non pagate, la pensione è stata pignorata da Equitalia nella misura di un quinto dell'eccedenza il minimo vitale: se apro un conto corrente o libretto postale dove depositare la pensione accumulandola mese dopo mese, Equitalia può pignorare?

Tutto quello che c'è sul conto corrente o libretto lasciandomi senza niente?

Equitalia e pignoramento presso la banca- Non confondere redditi di pensione con risparmi per evitare pignoramento integrale del conto corrente

Sul conto corrente può far accreditare direttamente la pensione già pignorata, non altro: altrimenti la confusione fra redditi da pensione pignorati ed altre disponibilità (anche se frutto di precedenti risparmi sulla pensione) aumenterebbe la possibilità di pignoramento del conto corrente da parte di Equitalia e di un successivo rigetto di un eventuale ricorso presentato al giudice per le esecuzioni.

In ogni caso, io eviterei di utilizzare un suo conto corrente o un suo libretto postale. Si può ricorrere al conto corrente intestato a persona di fiducia in qualità di delegato.

22 ottobre 2012 · Simone di Saintjust


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...
Il pignoramento della pensione e il nuovo minimo vitale
Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal ...
Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in ...
La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia e pignoramento pensione di un quinto eccedente minimo vitale. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia e pignoramento pensione di un quinto eccedente minimo vitale Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 22 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 marzo 2018 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • marisa 16 marzo 2014 at 15:07

    Allora se mi arrivano giovedì li trasferisco a mia figlia subito va bene anche perché non mi è ancora arrivato nulla da equitalia.

    • Ludmilla Karadzic 16 marzo 2014 at 15:11

      Va benissimo così, signora. Meglio prevenire, che curare …

  • marisa 16 marzo 2014 at 14:04

    Vorrei sapere se Equitalia può pignorare gli arretrati perché mi è arrivata una lettera che dice che mi hanno accettato la pensione e che mi mandano gli arretrati sul libretto postale.

    • Ludmilla Karadzic 16 marzo 2014 at 14:25

      Quello che lei paventa è un rischio reale. Gli accrediti relativi a stipendi e pensioni, una volta confluiti nel conto corrente (o nel libretto postale) perdono la loro originaria connotazione, per assumere quella di risparmio. Proprio allo scopo di evitare che il dipendente o il pensionato, possa vedersi pignorato, per debiti di natura esattoriale, qualsiasi mezzo di sostentamento, è recentemente entrata in vigore una legge che limita la pignorabilità del conto corrente (o del libretto postale): Equitalia può pignorare tutto, meno l’equivalente dell’ultimo accredito di stipendio o pensione.

      Lei, quindi, nel caso in cui l’agente della riscossione dovesse avviare il pignoramento del libretto postale in cui sono stati versati gli arretrati di pensione, potrebbe al massimo ricorrere al giudice per l’esecuzione (assistita necessariamente da un avvocato, con conseguenti spese) per vedersi restituita una somma equivalente alla pensione a cui ha diritto mensilmente.

      Ed allora, la cosa da fare è una sola: aprire un conto corrente intestato ad un soggetto di cui si ha fiducia, assumere la delega ad operare e disporre su quel conto corrente, trasferire gli arretrati di pensione, appena disponibili, dal proprio libretto postale al conto corrente di cui si ha la delega.

      In questo modo eviterà il pignoramento del conto corrente, rimanendo esclusivamente esposta al pignoramento della pensione.

      A questo proposito, ricordiamo che le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego possono essere pignorate dall’agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro.

      Resta ferma la misura di un quinto, se le somme dovute a titolo di pensione o di stipendio superano i cinquemila euro.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca