Equitalia » Fermo amministrativo illegittimo? Deve risarcire

Lite temeraria per Equitalia che iscrive il fermo amministrativo illegittimo.

Sussiste la responsabilità, ex articolo 96, II comma, codice di procedura civile per l’Agente della Riscossione che provvede a iscrivere fermo amministrativo sull’autovettura del ricorrente sulla base di cartelle di pagamento per crediti già ampiamente prescritti.

Questo, in breve, l’orientamento espresso dalla Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso con sentenza 182/2013.

Se equitalia dispone il fermo amministrativo in modo illegittimo deve risarcire il contribuente

Ennesimo stop ad Equitalia! In caso di fermo amministrativo illegittimo, perché relativo a tributi prescritti, deve effettuare il risarcimento danni per lite temeraria al contribuente che si trova l’auto bloccata dalle ganasce fiscali.

È proprio il caso di annunciarlo: un brutto, ulteriore stop per Equitalia viene dalla citata sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso, la quale ha ritenuto giusto condannare per lite temeraria l’esattore, ordinando il risarcimento in via equitativa ad un contribuente cui era stato emesso un provvedimento di fermo amministrativo illegittimo perché relativo a crediti prescritti.

A parere dei giudici di merito, se Equitalia dispone il fermo di autoveicolo per crediti tributari già prescritti, deve essere condannato per lite temeraria in quanto adotta una misura cautelare non dovuta danneggiando ingiustamente il contribuente.

Per ottenere il risarcimento danni per lite temeraria, in tali casi, il danneggiato non deve provare il dolo o la colpa grave di Equitalia.

Infatti, essendo il provvedimento impugnato una misura cautelare, è sufficiente l’imprudenza dell’agente della riscossione che avrebbe potuto verificare, con un minimo di attenzione, la data della notifica delle cartelle, e riscontrare così l’avvenuta prescrizione del credito.

Nel caso di specie, i giudici tributari hanno accolto il ricorso di un’insegnante che era stata messa in difficoltà a raggiungere il posto di lavoro a seguito del blocco fiscale della sua automobile, avvenuta in seguito al mancato pagamento di alcune cartelle per crediti Inps nonostante tale richiesta fosse ormai prescritta, essendo decorsi, addirittura, oltre dieci anni.

La corte molisana ha, quindi, disposto l’annullamento dell’atto impositivo e ha anche concesso il risarcimento dei danni subiti a causa delle difficoltà conseguenti al mancato uso della propria automobile.

11 Febbraio 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fermo amministrativo fuori tempo massimo » Equitalia deve risarcire il debitore
Equitalia è tenuta al risarcimento dei danni per il fermo amministrativo iscritto sull'auto nonostante il credito da recuperare sia ormai prescritto. A deciderlo sono stati i giudici della Ctp di Campobasso i quali, con la sentenza numero 182/1/2013, hanno riconosciuto quello che in gergo tecnico si chiama danno da lite temeraria e che chiama al risarcimento la parte risultata soccombente in giudizio. In questo caso il collegio ha riconosciuto che Equitalia ha agito senza la normale prudenza perché il credito da recuperare era abbondantemente prescritto. Il fatto Tra marzo e luglio del 2001 una contribuente era stata raggiunta da tre ...

Illegittimo il fermo amministrativo se sproporzionato al debito
Se Equitalia dispone un fermo amministrativo o un'ipoteca su un bene di valore di gran lunga superiore rispetto al credito vantato, si può agire davanti al giudice per ottenere l'annullamento della misura cautelare. Questo è quanto deciso dalla Commisione Tributaria regionale di Bologna, che con la sentenza numero 65/13/12 ha stabilito che: quando procede al pignoramento di un bene di proprietà di un cittadino, bisogna che ci sia proporzione rispetto alla somma che il contribuente in questione deve versare . Nel caso in questione, un contribuente, a fronte del mancato pagamento di un arretrato di 50 euro, si era visto ...

Il preavviso di fermo amministrativo è atto impugnabile (e, forse, anche risarcibile se illegittimo)
Così si espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero 22088 del 25 ottobre 2011. In particolare i giudici di Piazza Cavour hanno osservato che le opposizioni, se proposte in funzione recuperatoria del mezzo di impugnazione dell'atto amministrativo che la parte non abbia potuto proporre per un allegato vizio della notifica, devono essere proposte in un termine decorrente dalla data di notifica del primo atto con cui la parte è venuta a conoscenza del provvedimento originario. Detto termine era pertanto, nella specie, di sessanta giorni (articolo 204 bis CdS) dalla notifica del preavviso di fermo amministrativo (Cass. 17312/07) e deve tener ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia » fermo amministrativo illegittimo? deve risarcire. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia » Fermo amministrativo illegittimo? Deve risarcire Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 11 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 29 Maggio 2017 Classificato nella categoria preavviso di fermo amministrativo e fermo amministrativo

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)