Equitalia e debiti per un lavoratore all'estero

Ho circa 35000 euro di debiti con equitalia, e circa 18000 con finanziarie

Io sono un Italiano che fino all'anno scorso gestivo una attività in Italia, poi la crisi mi ha messo in ginocchio ed ho dovuto cederla in fitto.

Adesso lavoro in Germania, ho circa 35000 euro di debiti con equitalia, e circa 18000 con finanziarie.

In germania ho aperto un conto corrente ed ho residenza per lavoro in una città tedesca. Vorrei sapere, Equitalia può raggiungermi in Germania? Le finanziarie possono raggiungermi in Germania? Come devo comportarmi per non finire male in questo paese che mi da lavoro?

Ormai la riscossione transnazionale dei debiti non presenta alcun problema per equitalia

I creditori possono escutere i loro crediti se ritengono che lei abbia, in Germania, beni sufficienti a coprirli. Ormai la riscossione transnazionale dei debiti non presenta alcun problema per Equitalia, specie quando il debitore si trasferisce in paesi comunitari.

Ma, potrebbero cominciare a pignorare i canoni di locazione per l'attività che deteneva in Italia.

Per limitare i problemi eviti di acquistare beni immobili in terra teutonica e se il conto corrente è pingue, come mi auguro, faccia in modo di intestarlo a persona di fiducia riservando a lei la sola delega a disporre ed operare.

27 settembre 2012 · Chiara Nicolai


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e cross bording transnazionale
Da un anno sono andata a vivere all'estero (fuori UE) per cercare altre possibilità, dopo una situazione economica difficile in Italia. Purtroppo ho dovuto utilizzare le mie carte di debito e credito italiane, acquistando merci per valore di 2.500 euro circa. La situazione comunque non è migliorata visto che in ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e ...
Equitalia » Dopo la fine della sanatoria ecco la guida alla riscossione
Come abbiamo accennato in precedenti interventi, è giunta al termine la tanto amata sanatoria delle cartelle esattoriali di Equitalia prevista dalla legge di stabilità 2014. Grazie alla mini sanatoria, è stato permesso a migliaia di contribuenti debitori, circa 145.000, di pagare in un'unica soluzione il proprio debito con Equitalia escludendo, ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia e debiti per un lavoratore all'estero. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia e debiti per un lavoratore all'estero Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 27 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonimo 30 marzo 2018 at 18:02

    Ho iniziato a lavorare nel principato di Monaco perché in Italia non trovavo lavoro e mi ero riempito di debiti.

    Ora vivo qui ma la residenza risulta ancora in Italia. Posso aprire un conto alle Poste anche se risulto debitore in Italia? O possono impedirmi di aprire un conto?

    • Ludmilla Karadzic 30 marzo 2018 at 18:23

      Se non risulta protestato e se in passato non ha emesso assegni a vuoto non dovrebbero negarle l’apertura di un conto corrente presso Poste Italiane.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca