Ormai la riscossione transnazionale dei debiti non presenta alcun problema per equitalia

I creditori possono escutere i loro crediti se ritengono che lei abbia, in Germania, beni sufficienti a coprirli. Ormai la riscossione transnazionale dei debiti non presenta alcun problema per Equitalia, specie quando il debitore si trasferisce in paesi comunitari.

Ma, potrebbero cominciare a pignorare i canoni di locazione per l'attività che deteneva in Italia.

Per limitare i problemi eviti di acquistare beni immobili in terra teutonica e se il conto corrente è pingue, come mi auguro, faccia in modo di intestarlo a persona di fiducia riservando a lei la sola delega a disporre ed operare.

27 settembre 2012 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonimo 30 marzo 2018 at 18:02

    Ho iniziato a lavorare nel principato di Monaco perché in Italia non trovavo lavoro e mi ero riempito di debiti.

    Ora vivo qui ma la residenza risulta ancora in Italia. Posso aprire un conto alle Poste anche se risulto debitore in Italia? O possono impedirmi di aprire un conto?

    • Ludmilla Karadzic 30 marzo 2018 at 18:23

      Se non risulta protestato e se in passato non ha emesso assegni a vuoto non dovrebbero negarle l’apertura di un conto corrente presso Poste Italiane.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca