Equitalia - come ottenere la dilazione del debito in 120 rate

Piano di rateazione ordinario e straordinario

L'entrata in vigore della legge di conversione del decreto Fare e la successiva emanazione del decreto attuativo del MEF (decreto del 6 novembre 2013) rendono possibile la concessione, da parte di Equitalia, di un piano di rateazione decennale (120 rate) per i debiti iscritti a ruolo.

In alternativa, il debitore può:

  1. chiedere un piano di rateazione ordinario, fino ad un massimo di 72 rate, in caso di temporanea situazione di obiettiva difficoltà;
  2. chiedere un piano di rateazione straordinario, fino ad un massimo di 120 rate, in caso di comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, per ragioni estranee alla propria responsabilità.

Proroga del piano di rateazione

  1. Proroga del piano di rateazione ordinario
    All'atto della richiesta di proroga di un piano di rateazione ordinario, il debitore può alternativamente:

    1. chiedere un piano di rateazione in proroga ordinario, fino ad un massimo di 72 rate, in caso di comprovato peggioramento della temporanea situazione di obiettiva difficoltà;
    2. chiedere un piano di rateazione in proroga straordinario, fino ad un massimo di 120 rate, in caso di comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, per ragioni estranee alla propria responsabilità.
  2. Proroga del piano di rateazione straordinario
    All'atto della richiesta di proroga di un piano di rateazione straordinario, il debitore può alternativamente:

    1. chiedere un piano di rateazione in proroga ordinario, fino ad un massimo di 72 rate, in caso di comprovato peggioramento della temporanea situazione di obiettiva difficoltà;
    2. chiedere un piano di rateazione in proroga straordinario, fino ad un massimo di 120 rate, in caso di comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, per ragioni estranee alla propria responsabilità.

Il mancato accoglimento della richiesta di un piano di rateazione straordinario non preclude la possibilità di richiedere ed ottenere un piano di rateazione ordinario, anche in proroga.

Requisiti per la concessione del piano di rateazione straordinario (120 rate)

Per la richiesta del piano di rateazione straordinario (120 rate) la comprovata e grave situazione di difficoltà indipendente dalla responsabilità del debitore e legata alla congiuntura economica, è attestata dallo stesso debitore con istanza motivata, da produrre all'agente della riscossione unitamente alla documentazione comprovante i requisiti.

L'agente della riscossione concede la rateazione di 120 rate quando l'importo della rata, calcolato secondo un piano di rateazione ordinario, risulta:

  1. per le persone fisiche e le ditte individuali con regimi fiscali semplificati, superiore al 20% del reddito mensile del nucleo familiare del richiedente, avuto riguardo all'Indicatore della Situazione Reddituale (ISR), rilevabile dalla certificazione dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) dello stesso nucleo, da produrre in allegato all'istanza;
  2. per i soggetti diversi da quelli di cui alla lettera a), superiore al 10% del valore della produzione, rapportato su base mensile ed enucleato ai sensi dell'articolo 2425, numeri 1), 3) e 5), del codice civile e l'indice di liquidità [( Liquidità differita + Liquidità corrente) / Passivo corrente

    è compreso tra 0,50 ed 1. A tal fine il debitore allega all'istanza la necessaria documentazione contabile aggiornata.

Il numero delle rate dei piani straordinari è modulato in funzione del rapporto esistente tra la rata e il reddito o il valore della produzione secondo le tabelle A e B di seguito allegate.

tabelle per la rateazione straordinaria - numero rate fino a max 120

Disposizione transitoria

I piani di rateazione ordinari e i piani di rateazione in proroga ordinari già accordati alla data di entrata in vigore del presente decreto, possono essere aumentati fino a 120 rate, su richiesta del debitore e in presenza dei requisiti appena indicati.

11 novembre 2013 · Simonetta Folliero


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rateazione Equitalia - per debiti fino a 50 mila euro possibile chiederla con semplice richiesta motivata
Passa da 20 a 50 mila euro la soglia massima che permette di chiedere la rateizzazione con una semplice richiesta motivata.  E' possibile ottenere fino a 72 rate (6 anni), fermo restando che l'importo di ciascuna rata dovrà essere pari almeno a 100 euro. Per gli importi superiori resta invece ...
Rateazione della cartella esattoriale » Nuove regole: il beneficio decade con l'omesso pagamento di cinque rate anche non consecutive
A partire dal 22 ottobre 2015, l'agente della riscossione, su richiesta del contribuente che dichiara di trovarsi in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, concede la ripartizione del pagamento delle somme iscritte a ruolo, con esclusione dei diritti di notifica, fino ad un massimo di settantadue rate mensili. Nel caso in ...
Cartelle esattoriali » Tutto quello che il contribuente deve sapere sulla nuova rateazione
Con gli ultimi aggiornamenti legislativi, è cambiata la situazione per quanto concerne il mondo della rateazione delle cartelle esattoriali di Equitalia. L'obiettivo dell'articolo è, in sostanza, capire quali sono le novità più importanti. ...
Cartella esattoriale di Equitalia: la rateazione (o dilazione) » Un piccolo prontuario per il contribuente/debitore
Tutto ciò che c'è da sapere sulla rateazione, o dilazione, di una cartella esattoriale di Equitalia. I principi, in linea generale, sono che: per i debiti fino a 50.000 euro, è possibile chiedere la cosiddetta rateazione ordinaria a 72 rate, senza dover presentare documentazione per documentare la propria difficoltà economica; ...
Equitalia e le 120 rate » Piccolo prontuario per il debitore
Equitalia e la nuova rateazione: i requisiti e le somme. Ecco tutto ciò che c'è da sapere se si vuole dilazionare in 10 anni la cartella esattoriale e fare pace con l'agente della riscossione. Il prontuario. Sono svariate migliaia i cittadini e le imprese che hanno atteso che diventasse operativa ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia - come ottenere la dilazione del debito in 120 rate. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia - come ottenere la dilazione del debito in 120 rate Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 11 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria dilazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • paolo.niso 9 gennaio 2014 at 20:31

    Subentro di liquidità e nuova rateazione ridotta, Supposto che ad un Soggetto, persona fisica, venga riconosciuta una rateazione straordinaria per un debito di 60 mila euro. Dopo un certo numero di rate pagate, il Soggetto, dispone di una liquidità con la quale vuole estinguere parzialmente il debito allo scopo di ridurre la rata e in modo discrezionale onora un unico creditore. 1) Equitalia può opporsi alla scelta discrezionale e al ricalcolo della nuova rateazione? 2)l’interruzione comporta penali? 3) E’ economicamente conveniente fare ciò, perchè la rata è effettivamente costante in interessi e quota capitale?

    • Simone di Saintjust 10 gennaio 2014 at 03:35

      Non sono state definite e rese pubbliche da Equitalia procedure aziendali per l’estinzione parziale di un debito per cui è stata richiesta ed accordata la rateazione, sia essa straordinaria (120 rate) o ordinaria (72 rate).

      Tali particolari aspetti, peraltro, non vengono contemplati dalla normativa in vigore.

      E’ ragionevole presumere che in presenza della volontà del debitore di estinguere parzialmente il debito, ci sia tutto l’interesse, anche da parte del creditore, di raggiungere un accordo. E’ ovvio, tuttavia, che sulle modalità con cui perfezionare tale accordo e sulla sua convenienza economica, non è possibile esprimere alcuna valutazione.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande