Equitalia non scende a patti se il debito non è almeno milionario

Purtroppo non è possibile eccepire che le fatture non siano state poi incassate. Ed Equitalia non scende a patti se il debito non è almeno milionario.

Dunque, non le resta che invitarli a pignorare divano e mutande ...

29 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Lida 21 gennaio 2013 at 18:00

    Avrei bisogno di un consiglio su come comportarmi con Equitalia.

    Ho ricevuto una serie di cartelle esattoriali per un ammontare di circa 2500 euro complessivamente, indirizzate a mia madre…pensionata di 95 anni giudicata incapace di intendere (io faccio la sua assistente e percepisco l’accompagnatoria).
    Mi è stato ovviamente intimato di pagare entro 5 giorni, altrimenti avverrà l’esecuzione forzata.

    Mia madre non è in possesso di nulla, se non la casa in cui vive per una percentuale divisa con me e mia sorella.
    Io abito con la mia famiglia (marito e figlio maggiorenne) assieme a mia madre, abbiamo la stessa residenza……

    Vorrei sapere cosa devo aspettarmi nel caso di esecuzione forzata.. Possono pignorare beni appartenenti a mio figlio, me o mio marito? Quali sono le tempistiche reali di tale esecuzione? Il pignoramento immobile non rientra in questa casistica?

    Grazie.

    • Annapaola Ferri 21 gennaio 2013 at 18:11

      Per un importo di 2.500 euro Equitalia non può iscrivere ipoteca esattoriale sull’immobile di cui sua madre risulta comproprietaria. Il fermo amministrativo sui beni mobili registrati del debitore non credo sia possibile, dal momento che, presumo, sua madre non possiede veicoli. Il pignoramento presso la residenza del debitore non è azione esecutiva efficace e produttiva, a meno che quella di sua madre non sia una residenza di prestigio. Non mi risulta che Equitalia vi ricorra per le abitazioni dei comuni mortali. Il pignoramento del conto corrente non è esente da spese, ha tempi relativamente lunghi ed una volta individuato non si sa mai quello che si trova. Spesso il creditore finisce “cornuto e mazziato”.

      Resta il pignoramento presso terzi (INPS) della pensione. Azione efficace, rapida e senza costi eccessivi. Sua madre, probabilmente, si vedrà decurtata la pensione netta nella misura del 10%.

    • Lida 21 gennaio 2013 at 18:30

      Grazie per la risposta!

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca