Rottamazione cartelle esattoriali equitalia » Cambia tutto

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Cambio di rotta del governo in merito alla rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia.

Rispetto alla versione della sanatoria approvata dal Senato, la nuova proposta del Governo anticipa al 28 febbraio, rispetto alla scadenza di fine maggio 2014 il termine entro cui il debitore che vuole vedersi cancellare l’iscrizione a ruolo dovrà pagare l’intero importo dovuto e le somme dovute a titolo di remunerazione.

Ma non solo. Mentre nella versione precedente veniva previsto il pagamento in due soluzioni con il versamento subito del 50% della somma richiesta, ora l’emendamento presentato dal Governo, e su cui la Commissione bilancio si pronuncerà nei prossimi giorni, prevede espressamente che per aderire alla definizione i debitori versino in unica soluzione.

In questo modo salta anche l’obbligo per l’agente della riscossione di inviare preventivamente al contribuente debitore un’apposita comunicazione.

Attività di comunicazione preventiva che avrebbe comportato sia la paralisi dell’attività di riscossione per oltre sei mesi del 2014, sia un onere finanziario enorme per la stessa amministrazione chiamata a inviare via posta una comunicazione a tutti i soggetti interessati da somme iscritte a ruolo fino al 31 ottobre 2013 (basti pensare al solo costo da sostenere per l’invio con posta ordinaria ad oltre 50 milioni di contribuenti della comunicazione con cui gli si illustrava la possibilità di chiudere la loro posizione debitoria senza distinzione tra chi avrebbe avuto intenzione di aderire e chi no).

Secondo la nuova procedura l’invio delle lettere in posta ordinaria resta, ma interesserà entro il 30 giugno 2014 soltanto i soggetti che avranno aderito alla rottamazione della cartella avendo pagato entro la fine di febbraio tutto l’importo dovuto.

Sempre secondo la nuova procedura indicata ora dal Governo per consentire il versamento delle somme dovute entro il 28 febbraio 2014 e la registrazione delle operazioni, resteranno sospesi fino al 15 marzo prossimo la riscossione dei carichi oggetto della definizione agevolata e i relativi termini di prescrizione.

Infine va sottolineato che la rottamazione delle cartelle non si applica alle posizioni debitorie con la Corte dei conti. L’emendamento prevede espressamente che sono dovute per intero le somme da riscuotere per effetto di sentenze di condanna emesse dai giudici contabili.

16 Dicembre 2013 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La rottamazione bis delle cartelle esattoriali » Nuova chance per i debitori non ammessi al beneficio o decaduti dalla possibilità offerta con la prima rottamazione del 2016 - Si possono adesso rottamare anche i debiti in riscossione coattiva affidati al concessionario dal 1 gennaio al 30 settembre 2017
Nuova chance per il debitore non ammesso al beneficio della prima rottamazione del 2016 per non aver pagato, nei termini, le rate di piani di dilazione in scadenza al 24 ottobre 2016 Relativamente ai soli carichi compresi in piani di dilazione in corso alla data del 24 ottobre 2016, per i quali il debitore non è stato ammesso alla definizione agevolata, a causa del mancato tempestivo pagamento di tutte le rate degli stessi piani scadute al 31 dicembre 2016, il medesimo debitore potrà estinguere il debito con la definizione agevolata, senza corrispondere cioè le sanzioni, gli interessi di mora e ...

Rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia: scatta la seconda fase » Ecco gli importi complessivi da pagare per gli aderenti
Per quanto concerne la ormai famosa rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia, o definizione agevolata, si è appena giunti alla seconda fase, ovvero quella che prevede da parte da parte della società di riscossione la comunicazione degli importi complessivi da pagare per gli aderenti. Per poter meglio guidare i contribuenti a comprendere i dettagli delle comunicazioni, è stata recentemente pubblicata, sul sito di Equitalia, una nuova sezione apposita, che illustra le tipologie di comunicazioni, i casi di difformità e come pagare. Per pagare, nella comunicazione c'è il modulo per l'eventuale addebito delle somme dovute sul proprio conto corrente, ed il ...

Rottamazione bis cartelle esattoriali - Quando arriverà la risposta di agenzia entrate-riscossione?
Entro il 15 Maggio 2018 ho inviato la domanda di accesso al beneficio della rottamazione bis delle cartelle esattoriali di agenzia delle entrate-riscossione: sto ancora attendendo, però, la risposta. Quando mi arriverà la comunicazione e quali sono gli scenari ipotetici a cui posso andare incontro? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rottamazione cartelle esattoriali equitalia » cambia tutto. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)