Equitalia » Cartella con raccomandata vale anche senza identificazione

Equitalia » Cartella notificata con raccomandata valida anche senza identificazione ricevente

Sono valide le notifiche delle cartelle esattoriali di Equitalia fatte tramite posta raccomandata. In questi casi non è neanche necessaria l'identificazione del ricevente sulla relata di notifica.

La cartella esattoriale può essere notificata, ai sensi dell'articolo 26 del dpr 29 settembre 1973, numero 602, anche direttamente da parte del Concessionario mediante raccomandata con avviso di ricevimento.

In questo caso, secondo la disciplina degli aricoli 32 e 39 del d.m. 9 aprile 2001, è sufficiente, per il relativo perfezionamento, che la spedizione postale sia avvenuta con consegna del plico al domicilio del destinatario.

Il tutto senza altri adempimenti a opera dell'ufficiale postale, se non quello di curare che la persona, da lui individuata come legittimata alla ricezione, apponga la sua firma sul registro di consegna della corrispondenza, oltre che sull'avviso di ricevimento da restituire al mittente.

Ne deriva che, se manchino nell'avviso di ricevimento le generalità della persona cui l'atto è stato consegnato, adempimento non previsto da alcuna norma, e la relativa sottoscrizione sia addotta come illegibile, l'atto è tuttavia valido.

Ciò, poiché la relazione tra la persona cui esso è destinato e quella cui è stato consegnato costituisce oggetto di un preliminare accertamento di competenza dell'ufficiale postale, assistito dall'efficacia probatoria, di cui all'articolo 2700 cod. civ., ed eventualmente solo in tal modo impugnabile, stante la natura di atto pubblico dell'avviso di ricevimento della raccomandata.

Questo, riepilogato brevemente, l'orientamento degli Ermellini relativamente alla pronuncia 25128/13.

Equitalia: la cartella esattoriale notificata tramite raccomandata è valida anche senza l'identificazione del ricevente

Piazza Cavour, con la sentenza in esame, effettua una netta inversione di tendenza, sconfessando gli orientamenti formatisi presso i giudici tributari di tutta Italia che avevano sancito l'inesistenza delle notifiche tramite posta raccomandata.

Così facendo, sono tramontate le speranze di quanti avevano auspicato di vedersi annullare, dai giudici, le cartelle esattoriali solo perché notificate tramite raccomandata.

L'argomento, affrontato in questo blog con diversi articoli, aveva osservato l'orientamento dei vari tribunali di merito, sempre più, in numero crescente, a favore dell'innovativa tesi dell'illegittimità e, quindi, dell'inesistenza di tali notifiche , con conseguente liberazione del contribuente dalle pretese fiscali.

Ma i supremi Giudici, con questo verdetto, hanno cambiato le carte in tavola.

In particolare, seguendo il loro orientamento, la cartella esattoriale può ben essere notificata anche direttamente da parte del concessionario mediante raccomandata con avviso di ricevimento.

Inoltre, l'atto recapitato dal concessionario della riscossione è perfettamente valido anche in assenza, sulla ricevuta di ritorno, dell'identificazione precisa di colui che lo riceve.

Il postino, infatti, compie un'attività che ha fede privilegiata di quanto da lui stesso attestato.

Da ciò consegue che se nell'avviso di ricevimento della raccomandata a/r manchino le generalità del soggetto cui l'atto è consegnato e la relativa sottoscrizione sia illeggibile, l'atto è comunque valido.

In parole povere, è legittima la cartella esattoriale notifica con la raccomandata a/r, e la suddetta risulta inoltre valida anche se la firma del ricevente è illeggibile e quest’ultimo non risulti identificato sulla relata di notifica redatta dal postino.

La decisione susciterà non poche polemiche in un periodo in cui, come detto, stava prendendo sempre più piede, tra i tribunali, la tesi opposta, favorevole al contribuente.

18 novembre 2013 · Stefano Iambrenghi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica diretta della cartella esattoriale con raccomandata a/r - valida e necessariamente priva di relata
Le norme sulla riscossione esattoriale stabiliscono che la cartella di pagamento può essere notificata anche dagli ufficiali della riscossione, oltre che da altri soggetti abilitati dal Concessionario stesso, anche con con invio di raccomandata con avviso di ricevimento. Ne discende, come peraltro ritenuto anche dalla giurisprudenza di legittimità , che è ...
Notifica diretta della cartella esattoriale - legittima la raccomandata AR inviata da Equitalia
La cartella esattoriale può essere notificata anche direttamente da parte del Concessionario mediante raccomandata con avviso di ricevimento, nel qual caso è sufficiente, per il relativo perfezionamento, che la spedizione postale sia avvenuta con consegna del plico al domicilio del destinatario, senz’altro adempimento ad opera dell'ufficiale postale se non quello ...
Cartella esattoriale di equitalia » E' legittima la notifica alla domestica
In tema di notifica di cartella esattoriale, qualora il postino trovasse solo la domestica, o la badante, nell'appartamento del destinatario legittimo, la firma di quest’ultima sull'atto di Equitalia non rende invalida la notifica. Se il postino, infatti, consegna la cartella esattoriale alla domestica, la notifica da parte di Equitalia è ...
Notifica diretta della cartella esattoriale - Equitalia deve fornire la prova della corrispondenza fra originale dell'atto e copia notificata
Com'è noto la notifica della cartella esattoriale può essere eseguita anche mediante invio, da parte dell'esattore, di lettera raccomandata con avviso di ricevimento; in tal caso la raccomandata è notificata in plico chiuso e la notifica si considera avvenuta nella data indicata nell'avviso di ricevimento sottoscritto». Non è corretto affermare ...
Cartella esattoriale di Equitalia: marito e moglie non si parlano? » Basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica
E' valida la notifica della cartella esattoriale di equitalia consegnata al coniuge dell'effettivo destinatario, anche se questi, per dimenticanza o di proposito, non avverte il legittimo ricevente. La cartella esattoriale è valida anche quando il coniuge non la consegna al contribuente. È sufficiente che la notifica sia avvenuta nell'indirizzo di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia » cartella con raccomandata vale anche senza identificazione. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia » Cartella con raccomandata vale anche senza identificazione Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 18 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria notifica della cartella esattoriale e degli atti impositivi in generale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca