Da luglio 2013 annullate cartelle rese esecutive entro dicembre 1999

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Nel caso in cui Equitalia non si fosse attivata per la riscossione entro il 1° luglio 2013, è stato disposto automaticamente l’annullamento delle cartelle esattoriali con importo inferiore a 2 mila euro, per i debiti relativi fino e non oltre il 31 dicembre 1999.

Dal 1 luglio 2013, le cartelle esattoriali inferiori a 2 mila euro, relative ai ruoli resi esecutivi fino al 31 dicembre 1999, sono state annullate automaticamente.

Perciò, in sintesi, tutte le richieste di pagamento inviate da Equitalia ai contribuenti, e che si riferiscano a ruoli anteriori al 1999 fino a 2000 euro (comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzini), saranno abbonate ai debitori e non dovranno più essere onorate.

Questa importante disposizione, è stata sancita dalla cosìdetta Legge di stabilità, la quale, all’articolo 1, comma 527, recita: Decorsi sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, i crediti di importo fino a duemila euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, iscritti in ruoli resi esecutivi fino al 31 dicembre 1999, sono automaticamente annullati. Ai fini del conseguente discarico ed eliminazione dalle scritture patrimoniali dell’ente creditore, con decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze sono stabilite le modalita’ di trasmissione agli enti interessati dell’elenco delle quote annullate e di rimborso agli agenti della riscossione delle relative spese per le procedure esecutive poste in essere.

L’unico caso in cui questa sorta di condono non si verifica è quella in cui Equitalia, ritenendo che vi siano ancora fondate possibilità di riscuotere il credito, si attivi per salvare la cartella esattoriale, notificando al debitore un atto ingiuntivo, in modo da poter riprendere l’attività di riscossione.

La circolare del ministero dell’economia e delle finanze numero 29/2013, infatti, ricorda agli enti titolari del credito per cui Equitalia agisce (v. Inps, Agenzia Entrate, ecc.), che nel caso vogliano evitare l’annullamento automatico delle cartelle esattoriali in questione, devono intervenire tempestivamente per interrompere il termine di prescrizione e far ripartire così una nuova procedura di riscossione.

In mancanza del decreto ingiuntivo, l’annullamento sarà automatico, anche se il credito era già oggetto di controversia giudiziale.

17 Luglio 2013 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Condono delle cartelle esattoriali inferiori o pari a 300 euro se sono trascorsi oltre tre anni dall'emissione
Secondo la Legge di stabilità 2015, saranno condonate le cartelle esattoriali inferiori a 300 euro, se sono trascorsi oltre tre anni dall'emissione. La Legge di Stabilità 2015 (Legge 23 dicembre 2014, n. 190 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2014, n. 300) ha previsto, al comma 688, una nuova sanatoria per le cartelle esattoriali di modesto importo, a partire dal 1 gennaio 2015. In particolare è previsto il condono delle cartelle rimaste insolute dall'anno 2000 in poi e di importo inferiore a 300 euro: tali cartelle dovranno essere cancellate da Equitalia (per lo più si tratta di debiti concernenti il ...

Cartelle esattoriali per debiti contributivi INPS annullate e rottamazione ter per quelle non annullate
Approfittando della riapertura dei termini vorrei usufruire del saldo e stralcio, ho perciò chiesto il prospetto della mia situazione all'ADER. In esso non ci sono più delle cartelle relative al 2009 e 2010 per contributi INPS il cui valore iniziale era inferiore a 1000 euro. So che l'INPS inizialmente aveva fatto muro allo stralcio di queste cartelle dicendo che andassero conteggiate anche le sanzioni, a differenza di quanto detto dal ministero, e che quindi tali cartelle erano in una sorta di limbo. Adesso girando in rete ho trovato un paio di portali che dicono che l'INPS ha accettato di considerare ...

Cancellazione cartelle equitalia per importi inferiori ai 300 euro
Avrei cortesemente bisogno di un chiarimento: ho saputo di questa possibilità che rientra nella legge di stabilità, ma non riesco bene a capire. Io sono debitrice verso Equitalia di un'accumulo di cartelle esattoriali di cui sto pagando con un piano di 72 rate. Acuni debiti sono superiori ai 300€ euro ma ce ne sono alcune inferiori. Posso quindi usufruire di questa legge per poter cancellare almeno gli importi minimi e alleggerire di conseguenza il debito? Grazie dell'attenzione che vorrete dedicarmi. Ho veramente una cifra di rate da pagare, 30 anni e un lavoro parte time. Quindi mezza vita rovinata grazie ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su da luglio 2013 annullate cartelle rese esecutive entro dicembre 1999. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)